QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La chirurgia d’urgenza non è sempre necessaria per l’emorragia sottomeningea dopo un incidente

Venerdì 6 maggio 2022 – 16:27 Aggiornamento: 05-06-2022 16:29

stretto monitoraggio

Il sanguinamento sotto la dura madre è spesso causato da un incidente. Le conseguenze possono essere pericolose per la vita, poiché l’emorragia mette sotto pressione il cervello. Ci sono due metodi di trattamento per combattere questo. Viene spesso scelto un intervento chirurgico d’urgenza. Un’apertura ossea viene tagliata dal cranio per rimuovere l’emorragia. Un’altra strategia di trattamento consiste nel monitorare da vicino il paziente in terapia intensiva o intermedia. In questo modo, se necessario, l’intervento chirurgico può essere eseguito in un secondo momento.

Hai bisogno di un intervento chirurgico d’urgenza?

Non ci sono ancora solide prove scientifiche per quando una strategia di trattamento sia più appropriata. Ecco perché la frequenza dell’intervento chirurgico per un tale paziente è diversa da quella di un centro medico in Europa. Per indagare su questo problema, sotto la direzione del neurochirurgo Wilko Ball (LUMC & HMC) e del neurochirurgo in formazione Thomas van Essen (LUMC), sono stati analizzati più di 1.400 pazienti con emorragie sottomeningali. Il gruppo di ricerca ha esaminato, tra le altre cose, le caratteristiche del paziente, le anomalie radiologiche e i valori del sangue. Per questo hanno potuto fare affidamento sui dati di oltre 60 centri europei.

Secondo i ricercatori, i pro ei contro della chirurgia d’urgenza devono essere sempre soppesati. “L’emorragia sottomeningea è l’emorragia cerebrale più comune. I neurochirurghi che preferiscono la chirurgia d’urgenza apprezzano che può verificarsi un danno cerebrale permanente se non viene intrapresa alcuna azione. Ci sono anche neurochirurghi che preferiscono un trattamento conservativo con un attento monitoraggio. Non vogliono esporre il paziente a chirurgia cerebrale se non sono sicuri che la chirurgia d’urgenza abbia un’alta probabilità di prevenire danni cerebrali.

READ  Il Marocco riceverà quasi due milioni di dosi di vaccini H24info, Pfizer e Sinopharm

Qualità della vita e anziani

I risultati dello studio ora mostrano che i pazienti trattati in centri che preferiscono la chirurgia d’urgenza non hanno alcun vantaggio rispetto ai pazienti trattati in centri che preferiscono un trattamento conservativo. Ne consegue che i pazienti sottoposti a chirurgia d’urgenza non hanno alcun vantaggio rispetto ai pazienti sotto osservazione. Pertanto, la strategia di trattamento scelta in questi casi non ha alcun effetto sull’esito del paziente. I risultati della ricerca hanno un impatto diretto sulla pratica clinica, secondo i neurochirurghi. Se il neurochirurgo non vede un chiaro beneficio nella chirurgia d’urgenza, può essere iniziato un trattamento conservativo.

minaccia di morte

Questa constatazione non si applica ai pazienti che rischiano di morire in breve tempo se non vengono operati d’urgenza, né ai pazienti con pochi o nessun sintomo emorragico. Nello studio, oltre alla sopravvivenza e agli esiti funzionali, van Essen e colleghi hanno anche esaminato la durata del ricovero e la qualità della vita tra i pazienti, sei mesi dopo il ricovero. Un’altra scoperta sorprendente è che i pazienti di età superiore ai 65 anni hanno risultati migliori dopo un intervento chirurgico d’urgenza. Questo è attualmente oggetto di ulteriori indagini in uno studio condotto nei Paesi Bassi e in Belgio con l’aiuto della sovvenzione ZonMW-KCE.

partner di cooperazione

Lo studio è stato condotto da 65 centri in collaborazione in Europa, con LUMC, Haaglanden Medisch Centrum nei Paesi Bassi. , Erasmus MC Rotterdam, Regendamm Rehabilitation, Radboud UMC Nijmegen, University Medical Center Groningen e Elisabeth Tuestden Hospital Tilburg. L’analisi è stata eseguita da LUMC, HMC, Rijndam Reareness, Erasmus MC Rotterdam e Radboud UMC Nijmegen, in collaborazione con University Hospital Antwerp, University Hospital Heidelberg, Catholic University of Leuven e University of Cambridge.

READ  Infettare la corona apposta: molto poco saggio secondo gli esperti