QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il suicidio di un immigrato deportato ha suscitato scalpore in Italia

Il suicidio di un immigrato deportato ha suscitato scalpore in Italia

«Penso a mia madre. Mi manca l'Africa. Voglio che il mio corpo venga riportato in Africa perché mia madre ne sarà felice. Non pianga per me, lasciami riposare in pace.

Ousmane Sylla, un 22enne della Guinea, ha lasciato quel messaggio sui muri della sua stanza rumena in un centro di deportazione per richiedenti asilo e migranti respinti prima di togliersi la vita domenica. L’Italia non ha un accordo di rimpatrio con il suo Paese. Probabilmente la disperazione di essere rinchiuso era troppo per lui. Silla scrisse le sue grida di disperazione sul muro come una sorta di augurio. Successivamente si è impiccato al filo della sua cella nel centro di deportazione di Ponte Galeria, dove si trovava dal 27 gennaio. In precedenza aveva trascorso diversi mesi in un centro a Trapani, in Sicilia.

La tragedia ha provocato una violenta rivolta nel centro di accoglienza nella zona ovest di Roma. Come rinforzi sono stati chiamati sei carabinieri e un militare. Il suicidio di un giovane migrante guineano ha attirato rinnovata attenzione sulla disperazione dei centri di deportazione italiani, spesso sovraffollati.

I posti disponibili furono subito occupati

Il governo di destra del primo ministro Georgia Meloni è stato eletto con la promessa di reprimere l’immigrazione irregolare. Ha rispettato la scadenza I richiedenti asilo e i migranti respinti possono essere detenuti in tali centri fino a diciotto mesi. Questo è il più alto nell’Unione Europea.

“L'Italia lo ha fatto con l'obiettivo di una politica di rimpatrio più efficiente, in linea con l'obiettivo dell'Europa”, ha affermato Fulvio Vassallo Paleologo, docente di diritto dell'asilo all'Università di Palermo. “Ma trattenendo per lunghi periodi in un simile centro di espulsione coloro che hanno esaurito tutti i mezzi legali, i posti disponibili si riempiono molto rapidamente.” Il risultato: un sovraffollamento ancora maggiore nei centri dove le condizioni di vita sono già precarie, portando i migranti alla disperazione.

READ  Il ciclista Ackermann ha vinto l'undicesima tappa del Giro d'Italia

Sulla carta l’Italia lo è 1.338 posti Per i richiedenti asilo tutti i rimedi legali sono esauriti e sono sempre tenuti in un centro chiuso. Ma in pratica se ne possono utilizzare solo 619. Nei centri continuano a verificarsi casi di proteste, vandalismo e incendi dolosi, per cui devono essere chiusi temporaneamente o completamente.

Il piano del governo italiano di creare più posti e aprire centri di espulsione in ogni regione italiana finora non ha avuto successo. Anzi. C'è stata molta opposizione da parte delle regioni contro i nuovi centri e anche alcuni dei centri esistenti sono sotto accusa a causa della corruzione. Recentemente sono stati trovati migranti in un centro di espulsione a Milano Cibo avariato e ha dovuto vivere in condizioni antigeniche, e A Potenza, nel sud Italia, sono emersi segnali che i migranti erano stati drogati.

L’Italia non è l’unico paese europeo che lotta per deportare i migranti senza diritto di soggiorno. Per rendere efficiente tale politica di rimpatrio sono necessari accordi bilaterali con i paesi di origine. Ma anche se si dispone di un simile accordo sulla carta, dice l’esperto di immigrazione Vassallo Paleologo, la pratica è spesso molto diversa. “L'accordo migliore che l'Italia ha è quello con la Tunisia, dopo il quale la Tunisia di solito rimpatria meno della metà dei suoi cittadini che hanno esaurito tutti i rimedi legali”. In altri paesi questa percentuale è molto più bassa.

Secondo questo esperto di asilo, aprire più centri o trattenere più a lungo i richiedenti asilo respinti non rende la politica di rimpatrio più efficiente. “Come politico puoi promettere di deportare tutti coloro che non hanno diritto di soggiorno, ma questo non è realistico.”

READ  La svedese Aira vuole aiutare l'Italia a rottamare le "caldaie a gas sporche" -14 novembre 2023 alle 18:13

Propone di scegliere in modo più deciso. “Organizzate chi può lavorare e coordinate la vostra politica di deportazione, ad esempio, concentrandovi innanzitutto sugli immigrati pericolosi che sono già stati condannati. Il governo e il paese trarrebbero maggiori benefici se quest’ultimo gruppo venisse prima riportato rapidamente nel proprio paese d’origine.

Puoi parlare di suicidio tramite la National Helpline 113 Suicide Prevention. Telefono 0800-0113 o www.113.nl.