QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il tour in Italia inizia effettivamente la settimana scorsa

Solitamente è una delle giornate più belle del Giro di Italia. L’ultima domenica, la rincorsa a una fantastica ultima settimana in montagna, con tanti tifosi a bordo campo o davanti alla tv. La Quindicesima Fase di questo Zero ha fornito tre lunghe salite attraverso il Parco Nazionale mozzafiato Gron Paradiso† Ma la gara di domenica è andata molto meglio. Vince l’italiano Giulio Chicone, non c’è stata lotta tra i piloti di classifica. Potrebbero essere stati più stanchi rispetto al giorno prima.

A rendere bello Ziro sono stati solo i meno di 150 km di percorso di sabato, con pochissime salite nel torinese. Il britannico Simon Yates ha vinto la tappa dopo essersi ripreso da una brutta giornata al Blackhouse una settimana fa. Richard Carabas dell’Ecuador prende la maglia di capitano dieci giorni dopo aver perso quattro minuti e mezzo contro lo spagnolo Juan Pedro Lopez. Non è l’unico perdente.

Tom Dumoulin è atterrato in anticipo. “È vuoto, non c’è più”, ha detto il 31enne vincitore del Giro del 2017, che in questa edizione ha fallito, soprattutto in montagna e ha dovuto temere il suo futuro da corridore di classifica.

La scena è iniziata non appena Dumoulin è salito in macchina. Guidato da Wilco Gelterman, è stato selezionato all’inizio con il suo team Bora-Hanskrohe. “Il Peloton si è rotto, alcuni corridori sono finiti nei guai”, Gelterman ha ripensato al momento cruciale della tappa. “Poi siamo andati a tutta velocità”.

Nella finale a due tempi della squadra di calcio Supercar del 1949 Al Grande Torino Morto in un incidente aereo e obiettivo della Madeleine, Gulderman alla fine ha dovuto rinunciare al meglio. Il suo skipper australiano Jay Hindley, che ha vinto il podio alla Blackhouse la scorsa settimana, ha battuto il ritardo di Yates 15 secondi dopo per finire secondo dietro a Carabas e Vincenzo Nipali. A soli sette secondi da Carabas, Hindley è ora secondo in classifica.

READ  L'Italia fa molta strada con Corona Pass: probabilmente di più

Gelterman è stato il miglior olandese in Zero, dieci minuti e 34 secondi dietro, al tredicesimo posto due settimane dopo. Alla Liegi-Bastogne-Liegi assume un ruolo di collaboratore primario dei compagni di squadra Hindley ed Emanuel Buchmann (settimo in classifica), numero tre del 2020, in forte calo prima di questo Giro. “Al momento non sono abbastanza bravo per competere in piedi, ma sarebbe bello se potessi fare qualcosa per i ragazzi”.

Classificazione delle montagne

Al momento di domenica, c’erano almeno otto olandesi nella squadra di testa di partenza di 28 corridori, tra cui Bauke Mollema, Thymen Arensman, Sam Oomen e Mathieu van der Poel. Coyne Bowman è uscito in testa, attaccando la prima classificata Pila Les Florz. Con questo, il 28enne Jumbo-Wisma, vincitore della settima tappa, ha ottenuto punti sufficienti per riconquistare la testa della classifica delle montagne.

Come gli altri olandesi ha dovuto liberarsi sulla dura salita di Veroron. “Ovviamente sono contento di aver riavuto la maglia da montagna”, ha detto in seguito Bouwman. “Volevo davvero andare al secondo punto di arrampicata, ma la schiena ha iniziato a farmi sempre più male”.

Mortirolo spaventato

L’ultima settimana inizia martedì dopo una giornata di riposo con la piattaforma di montagna, il terrificante Mortirolo e un totale di oltre cinquemila ascensori. Le condizioni di montagna pesanti sono seguite anche il mercoledì, il venerdì e il sabato. Oltre a Carabas e Hindley, che hanno già battuto il Giro nel 2019, il portoghese Joao Almeida (terzo in 30 secondi) e lo spagnolo Michael Landa (quarto in 59 secondi) sono i principali contendenti per la vittoria assoluta. Bouwman punta alla maglia della Blue Mountain. “Devo lottare per questo”, ha detto a Eurosport. “L’avevamo già detto stamattina sull’autobus: Zero infatti partirà solo la prossima settimana”.