QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il turismo di massa alle Canarie genera miliardi, ma Maria vive in una cabina che lei stessa ha costruito di fronte all'hotel di lusso dove lavora.

Il turismo di massa alle Canarie genera miliardi, ma Maria vive in una cabina che lei stessa ha costruito di fronte all'hotel di lusso dove lavora.

Ogni anno milioni di turisti generano nelle Isole Canarie un fatturato di almeno 20 miliardi di euro. Ma questi soldi finiscono soprattutto nelle tasche degli investitori. Con grande sgomento degli isolani: “Con uno stipendio di 1.300 euro non posso affittare nulla”.

“Molte persone soffrono di depressione a causa di questo lavoro”, dice Maria. Lavora come donna delle pulizie in un hotel sulla costa sud di Tenerife. Il lavoro è duro e il salario è basso.

Una zona povera della Spagna

Ogni anno 16 milioni di vacanzieri si recano alle Isole Canarie. La gente del posto nota le folle di turisti che arrivano alle otto isole dell'Oceano Atlantico.

Tuttavia, i residenti spesso non vedono molti dei vantaggi finanziari che il turismo comporta. Le Isole Canarie sono la seconda regione più povera della Spagna.

Il luogo in cui vive Maria è di fronte all'hotel di lusso dove lavora

Niente acqua, niente servizi igienici

Maria guadagna 1.300 euro al mese come donna delle pulizie. Il suo stipendio non è insolito a Tenerife, dove il salario medio mensile si aggira intorno ai 1.500 euro. Ma a causa del gran numero di investitori e turisti, non è possibile affittare una casa per meno di 1.000 euro.

Quindi Maria vive in una capanna di tronchi autocostruita. Lei e altri poveri lavoratori trovano casa lì, di fronte agli alberghi di lusso dove lavora di giorno. Fuori ci sono tende e materassi. Non è possibile accedere all'acqua o ai servizi igienici.

“Lavorare lì è mortale”

“Di quanta roba buttano là fuori”, dice Maria, “non ne ho nemmeno la metà”. Trovi difficile sapere quanto siano ricchi i turisti negli hotel. La donna delle pulizie ritiene inoltre che dovrebbe guadagnare di più per il lavoro che svolge: “Puliamo i rifiuti degli altri”.

READ  Testimoni hanno affermato che la Russia sta deportando i cittadini di Mariupol nei territori occupati

“Capisco che le persone si sentano depresse quando vedono l'elevato tenore di vita degli altri su quest'isola”, continua. Secondo lei, il lavoro è così duro che lei e i suoi colleghi spesso usano antidolorifici per continuarlo. “È mortale lavorare lì.”

Riproduzione audio

Il turismo di massa nelle Isole Canarie genera miliardi, ma la gente del posto vede poco in cambio

Alto tasso di disoccupazione

“Il problema è che tutti i miliardi guadagnati qui con il turismo non restano nelle Isole Canarie”, dice Carmen Peña Curbelo del partito di opposizione locale Drago Canarias.

Si riferisce agli investitori stranieri che guadagnano molto dal turismo sulle isole. Sottolinea che mentre i residenti faticano a trovare una casa o un lavoro. “Molti giovani vivono ancora con i genitori fino ai 31 anni e c’è molta disoccupazione”.

Non c'è acqua per i residenti

Attualmente sulle isole si registra una notevole carenza d'acqua che, secondo Anne Sterio del gruppo Fundacion Canarina, dimostra che l'afflusso di turisti non è più sostenibile. “La settimana scorsa, il governo ha annunciato una crisi idrica. L'acqua non arriva alle case per diverse ore al giorno.”

“Ma ci sono ancora strutture come parchi acquatici, campi da golf e piscine negli hotel che dispongono di acqua”, aggiunge. “La carenza d’acqua non si applica ai turisti”.

“Beatificazione dei turisti”

Anche la natura sull’isola paga un prezzo pesante: ogni anno vengono distrutti 4 chilometri di costa, compresa la costruzione di alberghi. “I turisti sono stati idolatrati qui”, dice Stereo.

Ho notato che quando parli pubblicamente del gran numero di turisti e se fa bene alle isole, la gente ti trova subito estremista. Tuttavia, ci sono diversi gruppi d’azione che organizzano proteste settimanali per cambiare la situazione.

READ  Il 20enne olandese è rimasto gravemente ferito dopo essere caduto dal balcone dell'hotel Mallorca | Per viaggiare
Banner pubblicitario per un parco acquatico a Tenerife

Più svantaggi che vantaggi?

Il politico Curbelo ammette che anche il turismo è positivo e necessario per le isole. Ma poiché gli aspetti negativi che attualmente comporta sono più dei benefici per i residenti locali, ritiene che dovrebbero essere adottate misure per ridurre il numero di turisti.

Ma dato il numero di alberghi e altre strutture in costruzione per i turisti, l’attenzione sembra ora concentrarsi principalmente sulla crescita. In modo che più vacanzieri possano venire sulle isole.

“Tutto questo deve finire ad un certo punto.”

“Voglio soprattutto che il governo metta un limite al numero di turisti”, dice infine Curbelo. “Così potremo vivere tutti meglio alle Isole Canarie.”

Stereo è d'accordo. Spera anche che venga prestata maggiore attenzione ai residenti locali: “Se si continua a costruire più alberghi, arriveranno sempre più turisti. Ma tutto questo prima o poi dovrà finire”.

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat. Ogni giovedì nella newsletter Get Involved ti diciamo cosa stiamo facendo con tutte le risposte. Lo vuoi nella tua email? Allora registrati qui.