QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il virologo Van Guchte: “Dobbiamo stare attenti per rilassarci”

Il virologo Stephen van Gucht dice che dobbiamo stare attenti. “Sicuramente in vista del relax”, afferma VTM Nieuws. “Sono un po’ più interessato al contesto privato. Pensa alle feste in casa per cinquanta persone senza regole. Questo è solo andare un po’ lontano”. Van Gucht afferma inoltre che dovremmo monitorare da vicino la situazione nel Regno Unito, dove attualmente prevale la variante indiana. “Quello che succede potrebbe essere anche per noi”.


Bambino



Fonte:
Notizie VTM




“La maggior parte dei numeri sta andando molto bene. Sia i tassi di infezione che i ricoveri ospedalieri. Se guardi alla terapia intensiva, vedrai che stanno diminuendo rapidamente. Più velocemente di quanto pensassimo inizialmente. Questo è molto buono”, afferma Van Gucht. “Questi sono i frutti della campagna di vaccinazione che raccogliamo adesso”.

“Se si guarda alla posizione del Belgio in Europa, è un po’ più bassa. Siamo in cima al numero di contagi. Solo Paesi Bassi e Paesi baltici fanno peggio. Ci sono ancora molti contagi in generale. La percentuale di test positivi è dal 4 al 5 percento. Questo è ancora troppo alto. Ciò significa che dobbiamo stare attenti al diradamento. “

contesto privato

È un programma molto ambizioso. Sarò completamente rilassato a fine giugno – inizio luglio. C’è ancora pericolo, proprio perché ci sono ancora tanti feriti. Esistono buoni protocolli per molti settori, come i centri fitness, l’industria della ristorazione e il settore degli eventi. Se le istruzioni vengono seguite correttamente, andrà tutto bene. Sono un po’ più interessato al contesto particolare. Pensa alle feste in casa per 50 persone senza regole. Questo è solo andare un po’ lontano. Spero che le persone usino il buon senso. “Devi capire che questi sono potenziali focolai”, dice il virologo.

READ  I giovani possono iscriversi al vaccino Johnson & Johnson a partire da oggi (e sono già arrivate le prime chiamate): farlo subito o no? | interni

Un sondaggio ha mostrato che il 38% viaggerebbe sicuramente all’estero, il 15% aveva già prenotato e cancellato un appuntamento per la vaccinazione. Sceglierei sicuramente di vaccinarsi prima e poi di viaggiare. Vado anche in vacanza, ma la priorità è la vaccinazione. Penso che sarebbe possibile viaggiare in sicurezza, soprattutto all’interno dell’Europa occidentale. La situazione sarà simile tra i diversi paesi. Allora non importa se andrai nelle Ardenne o in Francia. Dipende da cosa farai. Anche la Spagna vuole rilanciare la movida, ma io non lo farò”.

Alternativa indiana nel Regno Unito

Il Regno Unito sta vivendo una nuova ondata con la variante indiana. “È una piccola onda”, spiega Van Gucht. “Gli infortuni sono tre volte meno di noi. Negli ultimi giorni c’è stato un aumento. Questo è guidato dalla variabile indiana. Il Regno Unito è un esempio di paese. Dobbiamo tenere d’occhio quello che succede lì. Possono controlla quello? Quali sono le conseguenze per gli ospedali? Nessun decesso All’incirca. Quello che succede potrebbe esserci anche ad aspettarci. Ci sarà rilassamento, quindi ci saranno più connessioni e quindi anche infezioni. Le varianti con le carte migliori in quel momento sfruttare lo spazio”.

Van Gucht spera che la pressione sul settore sanitario non continui. Questo deve essere il caso. Non dovremmo dargli troppo spazio. Un’eccessiva circolazione in una volta potrebbe causare il ricovero in ospedale di più persone”.

Il virologo Stephen Van Gucht. © vincent duterne / notizie foto