QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Immagini | Il nostro fotografo nella città devastata di Irvine: “La maggior parte dei sacchi per cadaveri ora sono portati via”

La maggior parte della popolazione è fuggita. Si stima che ne rimangano circa il venti per cento. Soprattutto gli anziani che “si rifiutano ostinatamente di lasciare le proprie case”. Dice Wola, il trentenne ci porta a fare un giro veloce attraverso la città nel suo camion, alla ricerca dei cani e gatti abbandonati che ha lasciato. Poi, di solito con successo, sul suo carro cerca di sedurre.

I combattimenti a Irbin vanno avanti da quasi trenta giorni. L’esercito russo è stato inizialmente in grado di catturare quasi l’intera Irbin, ma recentemente i russi sono stati trasferiti nella vicina città di Botja. Erbin è forse la vittoria militare più importante dell’esercito ucraino. Impedì alle forze russe di circondare Kiev. È questo il motivo per cui la Russia ha “promesso” nei recenti colloqui di pace di ridurre significativamente la sua offensiva militare su Kiev e Chernihiv? Perché non sono riusciti a raggiungere Kiev?

In ogni caso, la resistenza offerta dall’esercito ucraino ha causato pesanti perdite. I pallet di legno che sono stati temporaneamente collocati sul fiume Irbin ora forniscono molte provviste, ma anche, non poco, per il trasporto dei sacchi di plastica nera dei soldati ucraini. È strano vedere alcuni soldati, che, tornando alle loro posizioni in città attraverso le assi, aspettano prima di far passare quattro uomini su una barella che trasportano un compagno caduto nella direzione opposta. Nessuno dei soldati guardò la busta di plastica nera. Qualcuno inizia a ronzare non appena il soldato muore. Forse questo è l’unico modo per te come soldato di tornare al tuo posto in prima linea.

READ  Il bambino (4) trascorre due giorni a casa con la madre defunta nei Paesi Bassi

L’esercito ucraino ha distrutto lo stesso ponte Irpin per impedire il passaggio dei russi. Ma questo ha reso più difficile l’evacuazione dalla città. Le persone dovevano raggiungere l’altra sponda del fiume in condizioni meteorologiche avverse su tavole sopra l’acqua. Le immagini hanno fatto il giro del mondo.