QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Israele si prepara a somministrare una quarta dose del vaccino | All’estero

Il commissario israeliano per il coronavirus, Salman Al-Zarqa, ha invitato il suo Paese a prepararsi a somministrare una quarta dose del vaccino.


KVDS


Ultimo aggiornamento:
09-06-21, 19:41


Fonte:
I tempi di Israele, The Jerusalem Post




Attualmente, una terza dose – o una prima dose di richiamo – del vaccino Pfizer/BioNTech viene somministrata su larga scala alla popolazione israeliana. Quindi ora è possibile aggiungere una quarta dose – o una seconda dose di richiamo. “Il virus è qui e rimarrà”, ha detto Zarqa alla radio pubblica. “Ecco come saranno le nostre vite d’ora in poi. A ondate.”

Non ha detto esattamente quando sarebbe stata somministrata la quarta dose. Secondo Al-Zarqa, può essere modificato in base alle variabili del virus Corona. Ciò consentirà al vaccino di fornire una migliore protezione contro la variante delta. L’adeguamento dovrebbe essere effettuato entro la fine di quest’anno o all’inizio del prossimo.

nuove variabili

Il mese scorso ha detto qualcosa di simile su The Times of Israel. “La quarta onda corona nel nostro paese ci insegna che dobbiamo tenere conto dell’arrivo di più onde con nuove variabili”, sembrava all’epoca. “Se consideriamo anche l’effetto decrescente dei vaccini nel tempo, sembra che ogni pochi mesi – potrebbe essere una volta all’anno o ogni cinque o sei mesi – avremo bisogno di una nuova dose”.

© Agenzia per la protezione dell’ambiente

Israele è stato il primo paese a fornire ufficialmente una terza dose del vaccino Corona ai suoi cittadini. Quella campagna è iniziata il 1 agosto e inizialmente si è concentrata su tutte le persone di età superiore ai 60 anni. Nell’ultima settimana, tutte le persone di età superiore ai 12 anni avevano ricevuto il secondo colpo almeno cinque mesi fa. Entro venerdì, 2,5 milioni di 8,5 milioni di israeliani avevano ricevuto una terza dose.

Secondo gli ultimi dati di Our World in Data, oltre il 68 percento degli israeliani ha già ricevuto almeno un primo colpo e il 62,70 percento è stato completamente vaccinato. A titolo di confronto: in Belgio il 73,39 per cento della popolazione ha ricevuto almeno una prima iniezione e il 71,12 per cento ha ricevuto una vaccinazione completa. Nelle Fiandre, queste percentuali raggiungono rispettivamente il 79,41 per cento e il 77,14 per cento.

passaporto verde

La scorsa settimana, il ministro della salute israeliano ha annunciato che un “passaporto verde” – che consente alle persone che sono state completamente vaccinate o si sono riprese dal Covid-19 di partecipare a eventi in luoghi pubblici – sarà di sei mesi dopo una seconda iniezione o infezione. Finirà.

Israele ha visto di nuovo un aumento del numero di corona di recente. Giovedì sono stati segnalati più di 11.000 nuovi casi, con un tasso di positività dell’8,43 percento. Zarqa ritiene che ciò sia dovuto a ulteriori test.

Nonostante ciò, il numero dei contagi gravi è nuovamente diminuito per poco più di una settimana. Domenica scorsa c’erano ancora 753 casi e venerdì scorso c’erano 654 casi, secondo il Ministero della Salute. In Israele, secondo i dati ufficiali, ci sono già 7.129 morti per coronavirus.

Leggi anche: Born Headed Back Together: due sorelle siamesi si incontrano per la prima volta dopo un intervento chirurgico riuscito

READ  Standard & Poor's 500 stabilisce un nuovo record a Wall Street dopo i dati sull'inflazione negli Stati Uniti | Economia