QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sempre più aziende mettono in guardia sugli scaffali vuoti negli Stati Uniti…

Sempre più aziende del Regno Unito mettono in guardia sugli scaffali vuoti, a causa di una combinazione di Brexit e della crisi della Corona che sta rendendo le forniture più difficili. “Una tempesta perfetta”, dice la BBC. Dal prosciutto al vino e ai materassi, queste sono le nuove carenze con cui i consumatori britannici devono ora fare i conti.

La National Pig Association (NPA) ha avvertito domenica che circa 85.000 suini non potevano essere macellati perché non c’era abbastanza personale nei macelli. Lo stock di suini negli allevamenti cresce di 15.000 a settimana. L’associazione ha affermato che se i macelli britannici non fossero più in grado di continuare, gli animali dovrebbero andare altrove. Teme persino che gli agricoltori saranno costretti a rovinare la carne. A causa della Brexit e della pandemia di coronavirus, molti lavoratori stranieri a basso costo hanno lasciato il Regno Unito. Anche il settore dei trasporti soffre di una significativa carenza di manodopera. Secondo la federazione di settore, sono più di 100.000 i conducenti di troppo pochi.

Lunedì la catena di mobili IKEA ha dichiarato alla BBC che la carenza era imminente in circa 1.000 prodotti della catena, a causa di problemi di approvvigionamento. Si tratta di circa il 10% delle forniture nei negozi Ikea, compresi i materassi. IKEA sta lottando per ottenere i prodotti in tempo a causa della pandemia di Corona e dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, mentre la domanda è aumentata poiché le persone trascorrono più tempo a casa.

Accolade, il gigante del vino australiano dietro i marchi di vino Hardys ed Echo Falls, da parte sua, avverte di carenze e aumenti dei prezzi durante le prossime festività di fine anno. Accolade ha il più grande centro di distribuzione di vino d’Europa a Bristol, con oltre 180 milioni di litri distribuiti ogni anno.

READ  La Polonia firma un accordo "storico" sulla chiusura delle miniere di carbone | all'estero

Nelle ultime settimane ci sono state richieste di aiuto dalle catene di fast food McDonalds, KFC, Nando’s e dal gigantesco bar Wetherspoons. Le catene di supermercati Tesco e Islanda hanno avvertito i loro clienti della fine dell’anno, mentre Marks & Spencer ha lanciato l’allarme lunedì su un nuovo regolamento a partire dal prossimo mese che minaccia di rendere più difficili le importazioni di cibo. E la catena ha inviato un messaggio alle autorità europee e britanniche in merito, secondo la BBC.

Per molte categorie di prodotti come carne congelata, latte, pesce e uova, il cosiddettoIl periodo di grazia– o posticipare i controlli doganali e sui prodotti – per dare ai commercianti britannici il tempo di adattarsi alla nuova realtà della Brexit. Il periodo di transizione è già stato prorogato una volta, ma ora dovrebbe concludersi il 1° ottobre. Ciò significa che da quel momento in poi si applicheranno i normali controlli doganali, mentre secondo Marks and Spencer molti Paesi non sono pronti per questo. Si temono ritardi alla frontiera con tutte le conseguenze che ne derivano.