QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Jean-Marc Nollet dice che i negoziati con Engy sono difficili Notizie

I negoziati tra il governo federale ed Engie sull’estensione delle due centrali nucleari più piccole oltre il 2025 sono difficili. Se non possono atterrare, il meccanismo di compensazione della capacità dovrà essere riattivato come previsto. Lo ha affermato domenica da Jean-Marc Nollet, co-presidente di Ecolo, sul canale francofono RTL-TVi.

Dopo lunghe trattative, il 18 marzo il governo Vivaldi ha deciso di mantenere aperte le due nuove centrali nucleari del nostro Paese – Doel 4 e Tihange 3 – per altri dieci anni dopo la chiusura definitiva di tutte le centrali nel 2025. Il governo ha successivamente avviato i negoziati con il Direttore Engie Electrabel per attuare questa decisione.

Era scritto nelle stelle che non sarebbe stato facile. Dopotutto, l’azienda ha più volte avvertito che non c’è abbastanza tempo per prolungare la durata del servizio. Angie ha ripetuto questo messaggio più tardi.

“Non dobbiamo ingannarci a vicenda, questi negoziati stanno andando male”, ha detto Nollet. “Il presidente del Consiglio, che oggi è seduto al tavolo con il ministro dell’Energia Tine van der Straiten (Verdi) è consapevole delle difficoltà che ha avuto con Engi per due anni. Engi ripete sempre quello che ha detto al ministro, ovvero che non vuole alcuna condizione imposta dal governo”.

I colloqui terminano a giugno. Si scontreranno principalmente sullo smantellamento delle centrali nucleari e sulla gestione dei rifiuti, ma anche sui modi per continuare le attività nucleari. Engi vorrebbe anche che lo Stato belga diventasse l’operatore delle centrali nucleari assumendo così anche le responsabilità ad esse connesse.

“Non stipuleremo un accordo a nessun costo”, avverte Nollet. Il conto per lo smantellamento delle centrali elettriche e la gestione dei rifiuti è stimato in 41 miliardi di euro. “41 miliardi, no, i belgi non dovrebbero pagarli”, ha detto il copresidente Green.

READ  Il prezzo di Bitcoin (BTC) termina la settimana in rosso ma le balene continuano a comprare, cosa contano i prezzi? » Insider cripto

Quattro fiamminghi su cinque sostengono di mantenere aperte le centrali nucleari più a lungo

Il Mare del Nord diventerà presto la più grande centrale elettrica verde d’Europa: i primi ministri di Belgio, Paesi Bassi, Germania e Danimarca firmano un ambizioso accordo energetico