QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La bancarotta del Big Bazaar si avvicina

La bancarotta del Big Bazaar si avvicina

Il tribunale di Leeuwarden, nei Paesi Bassi, ha respinto la richiesta di protezione dei creditori di Big Bazar. La corte ha ritenuto che il “periodo di riflessione” di due settimane richiesto dalla catena non fosse sufficiente per soddisfare tutti gli obblighi finanziari. Pertanto, la citazione a dichiarare fallimento è ancora una volta davanti al tribunale. Circa 1.300 persone rischiano di perdere il lavoro.

La catena di affari, che ha anche 4 filiali nel Limburgo, in Belgio (Lanaken, Lommel, Tongeren e Sint-Truiden), ha incontrato difficoltà quando diversi creditori hanno dichiarato fallimento a causa del ritardo nei pagamenti per la consegna dei prodotti e gli affitti. Nel tentativo di evitare questa sentenza, la società ha richiesto un periodo di riflessione. La sua approvazione allontana nuove domande di fallimento e fornisce quindi protezione contro i creditori.

Ma il giudice di Leeuwarden ormai ha deciso Giudizio molto ragionevole Indica che la richiesta di raffreddamento non verrà soddisfatta. Il tribunale ritiene che il periodo di due settimane sia troppo breve per raggiungere un accordo con i creditori. Il Big Bazaar può far fronte agli obblighi attuali a breve termine, ma le fatture scadute – secondo la sentenza – per il momento non possono essere pagate.

Ciò avvicina nuovamente la sentenza di fallimento. Le richieste precedentemente inviate per questo sono ora pronte per l’elaborazione. Non è ancora chiaro quando il tribunale prenderà in considerazione queste richieste di fallimento e, se necessario, dichiarerà bancarotta la catena.

READ  Bitcoin in aumento più veloce da ottobre 2021 poiché l'offerta continua a bassa