QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I prezzi dei generi alimentari sono ancora 69 euro al mese più alti rispetto a un anno fa: perché i prezzi non scendono?  |  soldi

I prezzi dei generi alimentari sono ancora 69 euro al mese più alti rispetto a un anno fa: perché i prezzi non scendono? | soldi

Senza dubbio lo avete sentito nel vostro portafoglio, ma TestanCop lo mostra anche in bianco e nero: i prezzi dei prodotti alimentari stanno scendendo, ma stanno scendendo molto lentamente. Rispetto ad agosto dello scorso anno, la spesa al supermercato costa ancora quasi il 15% in più. Cosa è ancora così costoso oggi? Perché i prezzi dei prodotti alimentari scendono così lentamente? E non si può farci niente? spiega Laura Claise di Test Buy.

Ogni mese Testaankoop calcola quali prodotti salgono nei prezzi dei supermercati, quali sono giù (probabilmente) e di quanto rispetto all’anno scorso. Circa un anno e mezzo fa, i prezzi hanno iniziato improvvisamente a salire bruscamente, raggiungendo il picco nel marzo 2022. Da allora, “l’inflazione alimentare” ha iniziato a diminuire lentamente, ma ancora molto lentamente. Ad esempio, la spesa mensile per due persone costa ancora in media 69 euro in più rispetto a un anno fa.

Qual è il cibo più costoso?

“In sei mesi sono aumentati soprattutto i prezzi delle verdure”, ha detto Laura Claise, portavoce di TestanCop. “Ad agosto, ho pagato in media il 31% in più per le verdure rispetto all’anno scorso. Molte delle verdure che coltiviamo solo nelle serre qui sono molto costose perché il riscaldamento delle serre nell’ottobre dell’anno scorso costa ancora molto. Quindi non abbiamo “Il che comporta ulteriori costi di trasporto. Ma anche le altre verdure sono molto costose. Infatti, i vantaggi più forti sono le cipolle (+55%) e le carote (+70%). Le cipolle sono molto costosi perché il raccolto è stato inferiore al previsto.”

Non abbiamo ancora assistito ad alcun calo significativo dei prezzi dell’olio per friggere, del latte parzialmente scremato, dei formaggini, della farina e della pasta, mentre i prezzi globali delle materie prime sono diminuiti.

Laura Claes, Prova d’acquisto

READ  Cinque fornitori di energia offrono ora un contratto a tempo indeterminato: dove trovare la formula più economica? | Prezzi dell'energia

Per cosa stiamo ancora pagando così tanto e perché?

Pagano ancora molto il ketchup (+49%) e il concentrato di pomodoro (+41%). Ciò è probabilmente dovuto al fatto che l’anno scorso le materie prime, ovvero i pomodori, erano molto costose. Il fatto che oggi anche i prodotti surgelati siano molto costosi è dovuto ai numerosi costi di lavorazione, come salari ed energia. Anche i prodotti di carta rimangono molto costosi. “Stai pagando il 20% in più rispetto all’anno scorso e addirittura il 58% in più rispetto a due anni fa, il che è una cifra enorme.”

Tra gli altri scalatori spiccano le uova (+25%), i formaggini (+23%) e il pane (+15%). Continuano a salire anche i prezzi delle bibite (+9%), del pesce (+8%) e della carne (+7%). “Da tempo ci lamentiamo del calo dei prezzi mondiali di prodotti come olio, cereali e latticini. Ma finora non vediamo alcun calo per prodotti come olio per friggere, latte parzialmente scremato, formaggi giovani, farina e pasta, perché no?” Dobbiamo capirlo, perché non conosciamo tutti i costi di produzione del cibo. Quello che sappiamo è che le aziende belghe hanno avuto costi salariali più elevati dall’inizio di quest’anno.

Ma questi costi salariali superano il calo dei prezzi delle materie prime? Clays continua: “Tuttavia, ci vuole sempre un po’ di tempo prima che la riduzione dei costi porti a una riduzione dei prezzi dei prodotti alimentari, in parte perché i produttori alimentari hanno accordi sui prezzi a lungo termine con i supermercati. Tuttavia, ci aspettavamo che i prezzi dei supermercati diminuissero. Commercializzare di più nella seconda metà del 2023.

Riteniamo che i profitti resteranno nelle mani delle aziende alimentari globali.

Laura Claes, Prova d’acquisto

READ  Bamboo Lab presenta la stampante 3D A1 Mini a colori - Computer - Notizie

Ci saranno molti profitti da qualche parte?

“Non nei supermercati, la concorrenza tra loro è troppo grande per questo. Voglio anche credere che i produttori alimentari belgi non ottengano profitti. Crediamo che i profitti rimarranno nelle aziende alimentari internazionali. Gli esperti ci dicono che i loro profitti per il 2022 sono stati notevolmente alto.

Cosa si può fare al riguardo? La Francia, ad esempio, fissa i prezzi al dettaglio per 5.000 prodotti. “È un buon primo passo”, afferma Laura Claise. “Il governo negozierà poi questi prezzi più bassi con i supermercati, che alla fine dovranno accettare di tagliare le entrate. Ma poi potranno usarlo nelle trattative con i loro fornitori. Ciò mette pressione sui produttori alimentari.

Leggi anche: