QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La casa di cura Staphorst reintroduce i copribocca

Staphorst è un fuoco corona

Staphorst è uno dei più grandi incendi di Corona nei Paesi Bassi. Il tasso di vaccinazione nel comune di Bible Belt è tra i più bassi dei Paesi Bassi con il 56%. Questo ha delle conseguenze. Il numero di infezioni da COVID-19 è in rapido aumento. Domenica, secondo incoronazione 54 persone sono risultate positive nelle ultime 24 ore. Sono cinque in più rispetto alla media settimanale di 49 negli ultimi sette giorni. Per ogni 100.000 abitanti, il numero medio di persone che sono risultate positive al virus è 312. Questo è il tasso più alto nei Paesi Bassi. Il numero di infezioni da corona è in aumento anche nel vicino comune di Zwartewaterland e nella vicina Rijssen-Holte.

Casa di cura a Stavhurst

La casa di cura De Berghorst, l’unica casa di cura a Staphorst, è stata finora in grado di tenere a bada il coronavirus da questa quinta ondata di coronavirus. “Il tasso di vaccinazione è alto tra la popolazione di 67”, afferma Janine Nordhuis, direttore di Het Zand. spettro di cura, di cui De Berghorst fa parte. Dei 110 dipendenti di Staphorst, nessuno è infetto. Ma ci sono quattro residenti che sono risultati positivi al virus in 44 residenze protette.

Perdita di personale di assistenza

“Soffriamo di più per la perdita di dipendenti”, afferma Norhees. Cinque o sei dipendenti sono in quarantena domiciliare permanente. Perché loro o i membri della famiglia hanno lamentele o stanno aspettando un test corona. “Dobbiamo chiedere alle persone di lavorare in turni extra. Questo è chiedere molto a loro. Ho molto rispetto per tutti i dipendenti che hanno rimesso le spalle al volante. Anche all’inizio del 2021 è stato molto difficile Poi l’epidemia è stata enorme”.

READ  1 decesso su 8 nel 2020 a causa di COVID-19

tumulto interiore

Staphorst sotto una lente d’ingrandimento come fonte di fuoco. Nordhuis osserva che i disordini interni stanno crescendo a causa della diffusione del coronavirus. Nordhuis non sa quanto sia alto il tasso di vaccinazione tra gli operatori sanitari. Ma poiché la maggior parte dei dipendenti proviene dallo stesso villaggio, sarebbe anche circa il 56 percento. Nordhuis osserva che questo crea tensioni. “Proprio come altrove nella società, qui c’è polarizzazione tra le persone che sono vaccinate e quelle che non sono vaccinate loro stesse. A tal fine, organizziamo discussioni, come deliberazioni morali. Ci parliamo e ascoltiamo le argomentazioni degli altri. Facciamo non pressioni Ognuno ha il diritto di essere vaccinato Ognuno ha il diritto di decidere da solo sulla vaccinazione.

Mondkapjesplicht

Su richiesta del Consiglio del cliente e del personale, Noordhuis ha deciso di reintrodurre l’impegno di copertura della bocca e la regola della distanza di 1,5 metri nelle aree pubbliche. per precauzione. “È un segnale che dobbiamo essere di nuovo in allerta”.

L’immagine nazionale delle case di cura

A livello nazionale, le case di cura non hanno sofferto molto per il crescente numero di infezioni da coronavirus. Tuttavia, ci sono preoccupazioni, afferma un portavoce dell’associazione di categoria ActiZ. “Le persone non vaccinate sono particolarmente infette. Sappiamo che la vaccinazione aiuta. Proprio come le misure di base aiutano a prevenire la diffusione”.