QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La chat può abbreviare il passaggio a una vera conversazione — Background — Socialaal.Net

La chat può abbreviare il passaggio a una vera conversazione — Background — Socialaal.Net

In chat

Esito sulla tastiera per inviare la mia prossima frase a Sasha, il mio nuovo interlocutore in JAC Chat. E’ corretto quello che scrivo? Il mio linguaggio è abbastanza chiaro e distinto? Davvero non ci sto pensando molto?

Devo ricordare a me stesso ancora e ancora che i messaggi scritti in una conversazione chat non sono statici. Ho ancora l’opportunità di correggermi, purché lo faccia in modo aperto, onesto e comprensibile.

“I messaggi scritti nella conversazione chat non sono persistenti.”

Tenendo presente quest’ultimo, premi Invio. Il fatto che la risposta arrivi così rapidamente e che i miei messaggi e le mie domande vengano presi in considerazione e ricevano risposta è un segno che, dopo qualche esplorazione, siamo gradualmente sulla stessa lunghezza d’onda.

Nodo allo stomaco

Eravamo andati oltre nella nostra conversazione quando divenne chiaro che il ponte appena costruito era abbastanza forte perché tutti potessero fare qualche passo verso il centro. Il mio istinto mi dice che ci siamo scavati molto al di sopra della superficie mentre chiacchieravamo.

Non molto tempo dopo, Sasha ha condiviso un account che mi ha fatto venire un nodo allo stomaco. Sono chiaro e aperto su questo punto. Dovresti sapere che questo mi riguarda e, poiché voglio scegliere attentamente le mie parole, impiego un po’ più tempo nella conversazione.

La fine di questa chiacchierata non segnerà la fine della nostra relazione. Sasha vuole parlare di nuovo su appuntamento e vuole dare poi la possibilità a una conversazione faccia a faccia.

Nella vita reale

Ci siamo seduti, un po’ goffamente, uno di fronte all’altro in una delle sale di discussione del JAC.
È sempre così quando la persona in cerca di aiuto e la badante si incontrano per la prima volta nella vita reale, anche se hanno già discusso di argomenti piuttosto delicati tramite la scrittura digitale.

“Ricordo il disagio che provo e posso capire che anche lei si sente allo stesso modo.”

Proprio come nella conversazione in chat, menziono il disagio che provo e posso capire che anche lei provi lo stesso. Sembra un po’ sciocco, se non altro perché tendo a inciampare nelle parole quando sono nervoso. Anch’io ho riso un po’ e mi scuso se la mia voce è così brutta. Deve sembrare involontariamente divertente, perché non riesce a trattenere una risata.

Lei risponde: “Niente”. “In realtà sono molto felice che ti comporti normalmente e che io possa venire qui così comodamente e parlare del mio problema.” In quel momento in tutta la stanza si levò un sospiro di sollievo. Ho notato che ci stavamo sentendo più a nostro agio sui nostri posti.

Scheggia dolorosa

Quella che segue è una conversazione piuttosto intensa sul suo problema. Anche se devo dire onestamente che in questo momento si parla solo delle conseguenze della scheggia spessa e profonda che ha fatto infiammare dolorosamente tutto il suo essere.

“Il misto di paura e intensa tristezza potrebbe essere letto dal suo linguaggio del corpo.”

Eventi passati, al momento sconosciuti, ma chiaramente paralizzanti, hanno sulla sua quotidianità un impatto da non sottovalutare. Il misto di paura e intensa tristezza può essere letto nel suo linguaggio del corpo e sentito in ogni frase che pronuncia.

READ  La NASA apre un campione di luna nuova che è stato portato sulla Terra nel 1972 e tenuto chiuso per 50 anni

Mi immedesimo nella sua storia e noto che ho freddo. Provo una sensazione spiacevole quando incombono dubbi su quello che è successo a questa ragazza anni fa.

prendere in giro

Sento che questa conversazione non porterà ancora chiarezza. È presto. Forse è troppo presto. Posso ben capire che non riesca ancora a trovare le parole per nominare quel frammento infernale. Le fa ancora molto male.

“Se è possibile ridere, allora c’è sicuramente spazio per un cambiamento positivo”.

Il nostro incontro prende una piega più leggera quando, inaspettatamente, sul suo smartphone appare un meme piuttosto deprimente. È una buona idea e mi fa ridere ad alta voce. Inconsciamente sentivo di apprezzare questo tipo di umorismo? Oppure l’ho in qualche modo rivelato durante la conversazione?

Sono quasi completamente convinto che l’umorismo sia l’ultimo pezzo di attrezzatura indispensabile per poter portare a termine un processo lungo e difficile con un cliente. Se è possibile ridere, allora c’è sicuramente spazio per una crescita e un cambiamento positivi. La conversazione termina più fluida e rilassata di quanto fosse iniziata. bel voto.

Traffico di messaggi

Poco più di una settimana dopo il nostro incontro, ho ricevuto un messaggio da Sasha. Le ho dato il mio indirizzo email nel caso volesse dire qualcosa o avesse domande. Le ho anche detto che avrebbe potuto scrivere una lettera se ne avesse avuto bisogno. Quest’ultimo deve averla attratta.

“Piango all’infinito mentre scrivo tutto questo.”

Non ha davvero domande, ma ha più cose da dire. Il modo in cui inizia il suo impressionante testo è in qualche modo rivelatore di cosa tratta. Scrive che le conversazioni in chat e il nostro primo incontro faccia a faccia le hanno dato abbastanza fiducia per compiere questo passo importante: dare linguaggio al frammento che la tratteneva per anni e dal quale pensava che non si sarebbe mai liberata.

Ho di nuovo freddo. So che leggerò cose per le quali nessuno può veramente essere preparato. “Piango all’infinito mentre scrivo tutto questo”, ha letto. “Mi vergogno che ciò stia accadendo, e questo potrebbe non essere uno spettacolo. Ma sento che questo è il momento in cui devo farlo. Se non lo faccio ora, probabilmente non lo farò mai.”

lacrime

Il modo in cui descrive gli eventi traumatici della sua prima adolescenza è molto commovente. Sento dal suo stile di scrittura che ha aspettato per anni per farlo uscire. Qua e là, gocce di lacrime secche si insinuano tra le parole scritte.

“La mia logica mi dice che sarà un processo lungo.”

L’indescrivibile sentimento di empatia per il dolore di qualcuno penetra nel mio corpo e nella mia anima. Allo stesso tempo, la mia mente mi dice che sarà un processo lungo e intenso se questa giovane donna vorrà finalmente liberarsi dal miserabile fardello che porta con sé.

READ  Aggiornamento software: OpenTTD 13.0-beta1 - Giochi - Download

Fortunatamente c’è il senso dell’umorismo e lei ne fa buon uso nel suo messaggio. È in netto contrasto con i fatti accaduti una volta.

Conquistare sconfitto

L’unica domanda molto specifica nel suo messaggio è: “Aiutami. Aiutami a superare tutto questo e aiutami a diventare di nuovo felice in modo da poter vivere una vita normale. Una volta sapevo cosa fosse e voglio tornarci”.

“Aiutami a essere di nuovo felice.”

Poiché non mi vedo rispondere subito a mano (la mia scrittura è quasi illeggibile), mando un’e-mail a Sasha. Questo va più veloce. Scrivo che trovo estremamente coraggioso che lei abbia fatto questo. Cerco di esprimere il più chiaramente possibile ciò che questo fa emergere in me e in che modo posso aiutare.

Sasha scrive spesso e-mail e lettere nell’ambito del nostro processo di assistenza reciproca, semplicemente perché in questo modo è in grado di esprimere meglio ciò che la preoccupa. A intervalli regolari mi permette di leggere o leggere il suo diario.

Definire i confini

Dopo un po’, le conversazioni, le passeggiate, le intense sessioni di scrittura avanti e indietro, i messaggi via WhatsApp e altri canali non sono più bastati a tirare fuori Sasha dal pantano.

“Per prenderti cura degli altri, devi imparare a prenderti cura di te stesso.”

Riguarda anche me stesso e limita la mia accessibilità. Nel corso degli anni ho imparato che devo tracciare una linea nella sabbia al momento giusto. È un cliché, ma per prenderti cura degli altri devi imparare a prenderti cura di te stesso. La molteplicità delle forme di comunicazione digitale non facilita le cose agli operatori sanitari.

All’inizio è stato un po’ difficile per Sasha perché non ero disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ma con accordi chiari mi sono abituato. Una delle alternative che sta utilizzando ora è il sito web www.depressionhulp.be. Lo abbiamo scoperto insieme attraverso una visita www.onlinehulp-apps.be. Le ho dato un supporto cruciale nei momenti in cui non ero disponibile, malato o in vacanza.

Passo importante

Più di un anno dopo aver intrapreso un viaggio pieno di montagne e valli, arriva il momento cruciale e spontaneo che stavo aspettando. Sasha arriva chiedendo di un terapista. Penso che sia importante per lei porsi questa domanda in questo processo.

Naturalmente avevo già lanciato sassi, già parlato di cure e fatto notare che potevo aiutarla solo fino a un certo punto. Il fatto che si ponga la domanda su come funziona la terapia e quale sia la differenza nel modo in cui viene fornito l’aiuto è molto importante. C’è un livello di motivazione molto più alto dietro questo rispetto a quello che avrei se la bombardassi con una richiesta diretta di rinvio.

“Penso che sia necessario che lei stessa cerchi un terapista in questo processo.”

Si tratta anche di rimuovere l’enorme sfiducia che i giovani nutrono nei confronti degli adulti. I bambini e i giovani che hanno subito traumi per mano di adulti nutrono questo sospetto in modo più forte. La mia comunicazione con Sasha è quindi in gran parte incentrata sulla nostra relazione come mezzo per raggiungere un obiettivo comune: migliorare il suo benessere.

READ  "Call of Duty: Warzone verrà rinominato e continuerà a ricevere aggiornamenti sui contenuti" - Giochi - Notizie

Insieme guardiamo una serie di video chiari su come farlo Terapia EMDR Lui lavora. Trovo che questo la rassicuri e ottenga la sua approvazione per cercare insieme un terapista. Non sappiamo se farà clic. Ma sono decisamente sollevato dal fatto che sia pronta a combattere davvero i suoi demoni.

Il clic

Ai tempi del Corona, aiutare è stato molto meno divertente e molto più difficile. La conversazione con la prima psicoterapeuta Sasha che ho incontrato è stata una videochiamata. Sembrava un po’ strano, ma ce l’abbiamo fatta.

Il fatto che in anticipo avessi sollecitato Sasha a chiarire se il “clic” c’era o no, ha fatto sì che avesse il coraggio di dirlo onestamente. Risultato: il primo processore candidato è stato rimosso dal nostro elenco.

Ma fortunatamente il secondo numero ha avuto successo. L’ho notato soprattutto dal fatto che Sasha stessa parlava molto. “Ho subito pensato che fosse una buona cosa”, ha detto. “Riguardava il modo in cui parlava e come mi dava il tempo e lo spazio per parlare. Era onesta, aperta e proprio come me.”

decadimento

Lentamente ma inesorabilmente sto terminando i miei contatti con Sasha. Sappiamo entrambi che presto è previsto un addio. Questo non è mai facile. È un aspetto del mio lavoro doloroso ma anche pieno di speranza. Concludo sempre con il messaggio che continuerò sempre a sostenerci, anche se non ci vedremo più.

“Continuerò sempre a sostenerci, anche se non ci vedremo più”.

Versamo lacrime e ripensiamo a quello che è stato un viaggio intenso ma gratificante. Il viaggio non è ancora finito, ma continua fino al punto in cui potrà terminarlo e alla fine sarà di nuovo felice.

Il nostro ultimo incontro ufficiale è il momento in cui la guida ritorna al punto di partenza. Brevi conversazioni tramite chat ed e-mail. La frequenza diminuisce, ma ogni tanto ricevo ancora sprazzi di notizie su come sta.

Quando la incontro in città, parliamo brevemente di come stanno andando le cose, ma per lo più solo chiacchiere. Per me questo è il segno che le nostre strade si sono separate, ma ci è ancora permesso di camminare insieme ogni tanto per guardare in silenzio ciò che è stato.