QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La consultazione tra datori di lavoro e autisti di autobus sull’indennità di potere d’acquisto non porta a risultati  Locale

La consultazione tra datori di lavoro e autisti di autobus sull’indennità di potere d’acquisto non porta a risultati Locale

Le trattative tra datori di lavoro e sindacati del settore degli autobus e degli autobus privati ​​per la concessione di un’indennità di potere d’acquisto non hanno prodotto alcun risultato. Questo è ciò che dice Eric Maes dell’Unione socialista dei trasporti BTB. Giovedì i sindacati decideranno se intervenire.

Si tratta dei conducenti di autobus che, ad esempio, lavorano per gli inquilini di De Lijn (circa la metà di tutti i conducenti delle aziende di trasporto pubblico), forniscono il trasporto scolastico o sono attivi nel settore degli autobus. I sindacati chiedono un bonus di potere d’acquisto di 250 euro se il datore di lavoro è in profitto.

I datori di lavoro che ottengono buoni risultati nel 2022 potrebbero pagare ai propri dipendenti un bonus una tantum in buoni di consumo. Può raggiungere i 500 o anche i 750 euro. Il governo federale ha approvato questa misura come compensazione per il fatto che lo standard salariale nel 2023 e nel 2024 non lascia spazio a salari aggiuntivi al di sopra dell’indice.

“I requisiti sono molto severi”

Secondo Maes i datori di lavoro vogliono applicare condizioni molto severe per la concessione dei buoni consumo nel settore degli autobus e dei pullman privati. “Sarebbe un importo più alto, ma i requisiti sarebbero così rigorosi che temiamo che quasi nessuno ne avrebbe diritto”, dice.

I sindacati avevano già minacciato di agire. Pertanto, le nuove consultazioni non hanno portato ad un accordo. I sindacati socialista, cristiano e liberale si consulteranno con i loro sostenitori all’inizio della prossima settimana. Giovedì si incontreranno per decidere le possibili misure. Secondo Mayes ci sono già buone possibilità che si intervenga.

READ  Oltre il 4% degli scaffali dei supermercati sono vuoti: perché? | La mia guida: il consumatore