QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La NASA e la Boeing superano due ostacoli tecnici prima del primo volo con equipaggio dello Starliner

La NASA e la Boeing superano due ostacoli tecnici prima del primo volo con equipaggio dello Starliner

Boeing e NASA hanno risolto due problemi tecnici con la navicella spaziale Starliner della compagnia, inclusa una “vulnerabilità di progettazione” che richiedeva una soluzione alternativa, per riportare la capsula nei tempi previsti per la prima missione di un astronauta nello spazio, hanno detto venerdì i funzionari.

La prima missione con equipaggio dello Starliner, un test ad alto rischio previsto per il 1 giugno, è stata deragliata all’inizio di questo mese a causa di una piccola perdita di elio scoperta nel sistema di propulsione poche ore prima del decollo previsto dalla Florida. I funzionari hanno affermato che ulteriori indagini, durate più di due settimane, hanno stabilito che la perdita non rappresentava un rischio significativo per gli astronauti.

“Questo non è un vero problema per la nostra sicurezza aerea e crediamo di avere una situazione ben compresa che possiamo affrontare”, ha detto ai giornalisti il ​​presidente della Boeing Starliner Mark Nappi in una conferenza stampa.

Il tanto atteso primo volo Starliner con equipaggio, con gli astronauti della NASA Sonny Williams e Butch Wilmore a bordo, è una missione di prova finale prima che la NASA possa certificare il veicolo spaziale per i voli di routine degli astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale. Questa sarà la seconda capsula con equipaggio americano oltre alla Crew Dragon di SpaceX, che volerà con gli esseri umani nel 2020.

L’indagine della Boeing e della NASA sulla perdita di elio ha portato gli ingegneri a scoprire un ulteriore problema con il sistema di propulsione dello Starliner che il capo dell’equipaggio commerciale della NASA Steve Stitch ha descritto come un “difetto di progettazione”.

READ  ASUS presenta ROG Phone 6 Snapdragon 8+ di prima generazione con display a 165Hz - tablet e telefoni - novità

I modelli hanno mostrato che una serie di problemi a cascata, ma altamente improbabili, durante la missione potrebbero disabilitare i propulsori di riserva della capsula, impedendole di tornare in sicurezza sulla Terra. Una correzione del software ha fornito una soluzione temporanea per la missione, ma Boeing e la NASA discuteranno se sia necessaria una riprogettazione più profonda per i voli futuri, hanno detto i funzionari.

“È supportato da dati di test, supportati da dati di volo, e i modelli di guida e navigazione hanno rafforzato il fatto che questa tecnologia funzionerà”, ha detto Nappi, aggiungendo che gli astronauti hanno testato il sistema dopo la riparazione.

Questo problema più ampio e la sua soluzione ad hoc hanno spinto la NASA a condurre un’ulteriore revisione della preparazione al volo, un ampio incontro di più giorni tra funzionari dell’agenzia, ingegneri Boeing e analisti indipendenti per dimostrare che lo Starliner è sicuro da volare.

L’incontro è previsto per mercoledì, tre giorni prima della data di lancio prevista da Boeing, il 1° giugno, alle 12:25 ET. Se necessario, Starliner ha anche la possibilità di volare il 2, 5 e 6 giugno.

La Boeing, che inizialmente aveva tentato di lanciare lo Starliner il 6 maggio, è sotto pressione per rispettare una di quelle date all’inizio di giugno.

Qualunque cosa dopo il 6 giugno potrebbe significare settimane o forse mesi di ritardi poiché alcune parti indossabili dello Starliner e del suo razzo Atlas 5, costruito dal progetto congiunto United Launch Alliance (ULA) di Boeing e Lockheed, dovranno essere sostituite.

Ciò inizierebbe a entrare in conflitto con le altre priorità pianificate dall’ULA sulla rampa di lancio, come il primo lancio dei satelliti Kuiper di Amazon e il secondo volo dell’ULA del suo nuovo razzo Vulcan, un esperimento a lungo ritardato che potrebbe consentire al Pentagono di lanciare missioni.

READ  La natura oggi | Il feromone sessuale delle tarme sorprende i biologi: la sua produzione è completamente diversa da quanto previsto

Boeing è un appaltatore di lunga data della NASA che ha costruito moduli per la decennale Stazione Spaziale Internazionale, ma non ha mai portato esseri umani nello spazio, un’impresa resa sfuggente dai conflitti in corso nel suo programma Starliner.

Dopo anni di ritardo rispetto al programma e con 1,5 miliardi di dollari di costi di sviluppo non pianificati, il successo con Starliner è urgentemente necessario mentre Boeing affronta le crisi in corso nel settore aerospaziale.

Starliner fallì nel tentativo di raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale nel 2019 e ritornò sulla Terra quasi una settimana prima del previsto a causa di dozzine di problemi software, tecnici e amministrativi che hanno rimodellato il rapporto tra Boeing e NASA.

La navicella spaziale potrà fare un altro viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale nel 2022. (Reporting di Joey Rowlett, montaggio di Nick Zieminski)