QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La protesta delle donne a Kabul stroncata dai talebani

Le donne che protestavano a Kabul sono state attaccate sabato dai combattenti talebani vicino al palazzo presidenziale. Testimoni oculari hanno riferito di aver usato gas lacrimogeni e picchiato le donne che protestavano per la parità di diritti e la democrazia.

Le donne che protestavano portavano cartelli che dicevano, tra l’altro: “Non siamo le donne degli anni ’90”. I talebani hanno governato il regno del terrore negli anni 1996-2001 e, nella loro versione della legge islamica, le donne non avevano diritto all’istruzione o al lavoro.

Gli attuali combattenti talebani sono ancora estremisti sunniti, ma hanno cercato di apparire concilianti dopo l’improvvisa caduta della capitale, Kabul. Hanno affermato di “rispettare i diritti delle donne secondo la loro interpretazione dei testi islamici”.

La maggior parte degli studiosi di diritto islamico concordano sul fatto che il fondatore della religione Muhammad (570-632) abbia rivoluzionato i diritti delle donne ai suoi tempi. Ma da allora la legge islamica è stata interpretata in modo molto diverso, di solito a scapito dello status giuridico delle donne.

La versione talebana di 20 anni fa ha trasformato le donne in cittadine di serie B che non potevano più far parte della vita pubblica. Il leader talebano, Sher Mohammad Abbas Stanik, che dovrebbe servire nel nuovo governo, ha recentemente affermato che le donne avranno un ruolo nella società.

READ  Uno studente è stato armato di proiettili della polizia e un ufficiale è rimasto ferito ...