QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La ragione più sorprendente è che Francia e Italia sono ora a cavallo della Germania economicamente

La ragione più sorprendente è che Francia e Italia sono ora a cavallo della Germania economicamente

Significativo. Da settimane ormai, riviste e giornali tedeschi sono pieni di drammi economici tedeschi. La stampa ufficiale e i professori paragonarono la Germania a Gulliver che, come nella fiaba, venne inchiodato a terra da centinaia di lillipuziani con piccole corde. Il gigante teutonico non è più etero. Le corde rappresentano tutti i fattori che abbattono il ‘Wirstschaftswunder’. È una lunga lista. Al contrario, altre economie europee stanno andando relativamente bene, non ultima quella francese. Parliamo di una sorpresa.

Quindi le statistiche sono illusorie. Solo per citarne alcuni…. La crescita economica raggiungerà il -0,3% nel 2023. Per fare un confronto: la Francia crescerà dello 0,8% e l’economia italiana farà ancora meglio con l’1,1%. Per non parlare dello spagnolo, che ha registrato una crescita del 2,5%.

Gli investimenti diretti in Germania sono diminuiti del 50,6% tra il 2022 e il 2021. La costituzione di una nuova società richiede in media 120 giorni, tre volte di più rispetto a bastioni burocratici come Grecia e Italia. Abbiamo elencato un altro elenco completo di figure drammatiche qui.

Anche l’industria automobilistica tedesca, un tempo orgogliosa, si trova ad affrontare un grave declino. Oggi le case automobilistiche tedesche producono il 40% in meno di automobili rispetto a dieci anni fa!

Cosa sta succedendo nel ‘Wirtsschaftswunder’ tedesco? Perché ancora la Germania?Il malato d’Europa“, un titolo dubbio guadagnato dai tedeschi poco prima delle riforme a lungo termine sotto il cancelliere Hegard Schröder nel 2002?

“Tutti gli acquisti aspettano, noi no”

Nelle ultime settimane la stampa tedesca ha catalogato tutta una litania di difetti della burocrazia Der Spiegel Per il giornale della domenica Saldatura a stampo. Non si può aprire una rivista o un sito web economico senza parlare del declino dell’economia tedesca. Ragioni sufficienti allora. Ecco i loro primi sei:

READ  Museo della Cucina in Nero, Roma

1. Un mercato del lavoro marcio

Nel 2014, ai tedeschi è stato permesso di andare in pensione anticipatamente all’età di 63 anni, nonostante la grave carenza di lavoratori qualificati. Inoltre, gli immigrati qualificati non vogliono venire in Germania. Lo scorso anno più di un milione di persone hanno lasciato il Paese.

2. Burocrazia soffocante

Kafka sarebbe fiero della pubblica amministrazione tedesca. La Germania è allo sbando e attualmente è in svantaggio in tutte le classifiche. L’attuale coalizione “Amble” – una coalizione a semaforo composta da Verdi, Socialisti e Liberali – ha ora approvato una legge per ridurre la burocrazia. La legge garantisce l’aggiunta di ulteriori disposizioni.

3. Fluttuazione dei prezzi dell’energia

Affidarsi al gas russo significa che il famoso ‘Deutsche Mittelstand’ e sicuramente le grandi multinazionali tedesche sono molto apatiche nei confronti dell’energia. Qualcosa per cui recentemente hanno dovuto pagare un prezzo elevato. Oggi il costo dell’energia è superiore del 250% rispetto alla Francia.

4. La globalizzazione si rivolta contro di loro

Inoltre, i cinesi stanno diventando forti avversari nel settore manifatturiero. I tedeschi erano i campioni delle esportazioni. Sebbene non sia completamente scomparso, i tedeschi non sono le uniche persone morali. Ci sono molte tigri in Asia che sono molto precise e molto economiche.

5. Mancanza di digitalizzazione

Non siamo già campioni della tecnologia in Europa, ma la Germania vince la torta. I tedeschi lavorano ancora offline. Tutto ha bisogno di un pezzo di carta. A parte SAP e Zalando, ciò significa che non hanno aziende tecnologiche.

6. Mancanza di coraggio politico

Il governo dell’attuale cancelliere tedesco Olaf Scholes è la “maledizione di Gerhard Schröder”. Ha perso le elezioni del 2005, in parte a causa delle sue coraggiose riforme del mercato del lavoro. Riuscì a scuotere l’economia tedesca con la “Legge Hartz”. Ha incassato quella vittoria con la sconfitta elettorale. Scholz è assolutamente terrorizzato. E poi confusione.

READ  Einar Rubio vince la tredicesima tappa del Giro d'Italia, qualche cambio in classifica | Jirò

Francia? Barblu!

Considerata da molti una Francia sclerotica, è la Francia dei “Gillettes Johns”, dove l’intera popolazione ritiene che una giornata lavorativa di 35 ore sia troppo lunga e spesso sputa addosso ai propri leader. Questa è la Francia Funziona sorprendentemente beneNon solo nelle statistiche reali, ma sulla scena internazionale.

Le aziende internazionali sono desiderose di investire con i nostri vicini del sud. Naturalmente questo è un fattore importante Appello da stella Dal presidente Emmanuel Macron, ha servito bene durante i suoi 2 mandati. Tutti, da Mark Zuckerberg a Bill Gates, vogliono fare una foto con lui. Cosa spinge le multinazionali e le aziende tecnologiche a investire così tanto in Francia?

Nel nord della Francia non si contano più i siti che producono giga-batterie da Dunkerque a Touvrin. Colossi bancari come Morgan Stanley e gruppi chimici come Pfizer stanno ora investendo a Parigi, che, dopo una dolorosa uscita da Londra, si è data la zappa sui piedi con la Brexit. Il tasso di disoccupazione è sceso al 6,9%, il minimo degli ultimi 15 anni. La Francia ospita ora più di 25 unicorni tecnologici, una promessa fatta da Macron nel 2019 per il 2025. Questo obiettivo è già stato raggiunto entro il 2022.

Tutte queste sono ragioni logicamente razionali per cui la Germania sta andando così male e anche Francia e Italia stanno andando così bene. Ma c’è una ragione molto più profonda.

Chi è quella creatività?

Il vero motivo per cui quasi nessuno lo cita è che nell’economia odierna è la creatività, non la disciplina, a fare davvero la differenza. Oggi tutto si muove velocemente e oltre ad essere un imprenditore in grado di affrontare tanti parametri incerti, bisogna avere uno staff versatile. Non è proprio nel DNA dei tedeschi. L’economista ufficiale Moritz Shularik lo dice in modo ancora più schietto: “Siamo nervosi”.

READ  Airbnb risolve una causa fiscale in Italia per 576 milioni di euro

La disciplina del buon governo è oggi molto diffusa. Milioni di consulenti parlano più forte. La creatività è un processo a volte difficile da spiegare, richiede di riunire le persone giuste e ha molto a che fare con un certo ‘je ne sais quoi’.

No, LVMH non può avere sede in Germania. No, Danone, con il suo brillante marketing, non si adatta al DNA tedesco, non sa davvero come commercializzare le cose. Anche se questo è molto importante nell’economia attuale. Ora che vengono attaccati anche i loro punti di forza, soprattutto la produzione di semilavorati e macchinari di alta qualità, la situazione per loro diventa più precaria.

Ciò che serve è un nuovo Gerhard Schröder, che non voglia salvarsi la pelle ma osi agire per chiudere la burocrazia e rimettere l’imprenditorialità al centro della politica con un governo con una visione a lungo termine. “Es gipt noch welt chu tun.” (ddw)