QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La spesa per i farmaci antitumorali è in forte aumento, ma i tassi di sopravvivenza non aumentano ovunque

La spesa per i farmaci antitumorali è in forte aumento, ma i tassi di sopravvivenza non aumentano ovunque

Negli ultimi 10 anni, nei Paesi Bassi abbiamo speso quasi 10 miliardi di euro in farmaci per il trattamento del cancro. In un certo numero di gruppi di pazienti, la vita può essere prolungata con successo utilizzando questi farmaci. Tuttavia, questo non si applica a tutti. Ciò emerge chiaramente dall’analisi condotta dall’Integrated Cancer Center nei Paesi Bassi.

Nel 2012, un quarto del budget farmaceutico totale è stato speso in farmaci oncologici (farmaci per la cura del cancro), e nel 2021 questa percentuale è stata poco più della metà. La spesa totale per i medicinali nei Paesi Bassi è salita a 2,6 miliardi di euro nel 2021. Più della metà di questo importo (1,5 miliardi di euro) è stata spesa per l’oncologia. I tumori per i quali le spese sono state più elevate sono stati le neoplasie ematologiche, seguite dal cancro ai polmoni e dal melanoma.

L’IKNL pubblica i dati principalmente per incoraggiare il dialogo. Prof. Dott.ssa Valerie Lemmens, membro del consiglio di amministrazione: I costi sociali di questi medicinali sono significativi, mentre i costi sanitari sono sotto pressione. Vediamo che i farmaci sono effettivamente efficaci nel trattamento di alcuni tumori, ma vediamo pochi miglioramenti nella sopravvivenza nell’intera popolazione di pazienti, specialmente nel gruppo di pazienti il ​​cui cancro si è diffuso al momento della diagnosi.

Distribuire le risorse in modo più mirato

Secondo il Prof. Dr. Lemmens, questo ci costringe come società a guardare più da vicino alla spesa per l’oncologia. “Il numero di malati di cancro è in aumento e vogliamo trattarli nel miglior modo possibile ora e in futuro. Ciò richiede ulteriori ricerche. A volte i trattamenti sono altrettanto efficaci se vengono utilizzati per un periodo di tempo più breve o a una dose più bassa. I prodotti che vengono sviluppati ora per un ampio gruppo di pazienti, anche se solo una parte di loro ne trae beneficio, significa che molti pazienti soffrono inutilmente di effetti collaterali. E questo costa troppo alla società. Meglio sappiamo chi ne trarrà beneficio più possiamo fornire cure mirate e spendere il budget per un’assistenza sanitaria opportunamente limitata.

READ  'La chiarezza delle direttive anticipate va abrogata'

Sopravvivenza delle neoplasie ematologiche

I farmaci vengono spesso utilizzati per trattare le neoplasie ematologiche (come la leucemia, il linfoma e il mieloma multiplo). I tassi di sopravvivenza globale nelle neoplasie ematologiche sono migliorati. L’aumento delle tendenze di sopravvivenza è associato all’introduzione di nuovi farmaci e al miglioramento dell’uso del trattamento. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni per il mieloma multiplo è aumentato proporzionalmente: dal 45% nel 2005-2009 al 60% nel 2015-2019.

Sopravvivenza dal cancro metastatico alla diagnosi

In un paziente su cinque, il cancro si è diffuso al momento della diagnosi. Nel 2012, la sopravvivenza mediana per il cancro metastatico era di circa sei mesi. Nel 2021 saranno più di sette mesi. Non tutti i pazienti di questo gruppo vengono trattati con farmaci (costosi). Alcuni farmaci funzionano solo in pazienti con un tumore con caratteristiche specifiche. A volte il trattamento viene abbandonato perché il rischio di effetti collaterali del farmaco è troppo elevato rispetto allo stato del paziente o all’aspettativa di vita. Non è sempre possibile determinare in anticipo chi risponderà bene al farmaco: ciò richiede ulteriori ricerche.

Tuttavia, i numeri di sopravvivenza mostrano gli effetti dell’efficacia dei farmaci. Nel melanoma, l’introduzione dell’immunoterapia e della terapia mirata sembra riflettersi in un aumento della sopravvivenza mediana per l’intero gruppo di pazienti. Alcuni gruppi di pazienti spesso traggono beneficio dai nuovi farmaci. Nella popolazione complessiva, la sopravvivenza mediana dal cancro del polmone non a piccole cellule per il gruppo di pazienti con cancro metastatico alla diagnosi nel suo complesso era di circa 5 mesi, ma i farmaci hanno avuto effetto in una parte della popolazione. Nel 2017 e nel 2018 sono diventati disponibili nuovi metodi di trattamento per il cancro del polmone non a piccole cellule (immunoterapia e terapia combinata con immunoterapia e chemioterapia) che portano a una prognosi migliore. La sopravvivenza mediana è aumentata rispettivamente a 7,5 mesi, 17,7 mesi e 12,1 mesi dopo il trattamento con chemioterapia, immunoterapia e terapia di combinazione.

Un seminario

Il 3 ottobre l’IKNL terrà un seminario serale sui farmaci costosi. NFK, KWF, medici e aziende farmaceutiche, tra gli altri, riflettono questi numeri. Lemmens: “I numeri dettagliati sono importanti per molti gruppi. I pazienti traggono vantaggio quando i numeri sulla sopravvivenza e sugli effetti collaterali sono adattati alla loro condizione specifica. I medici vogliono saperne di più sui farmaci che prescrivono. Gli assicuratori e il governo vorranno saperne di più l’impatto dei farmaci oncologici dopo la loro introduzione.” “Noi come società dobbiamo pensare all’aumento dei costi.” In parte come risultato del simposio, IKNL sta lavorando a un rapporto più completo che sarà pubblicato nel 2024.