QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La vitamina K può aiutare a curare l’osteoporosi?

La vitamina K può aiutare a curare l’osteoporosi?

Cindy Boyer sta ricercando il gene che contiene il codice per la cosiddetta proteina MGP. 'MGP svolge un lavoro importante nelle nostre articolazioni. La proteina MGP cattura principalmente il calcio. Ciò impedisce al calcio di precipitare e causare calcificazione. Ma l’MGP può farlo bene solo se viene attivato dalla vitamina K.

Più rischi

Studi precedenti mostrano che bassi livelli ematici di vitamina K sono associati ad un aumento del rischio di osteoporosi. “Quello che sappiamo anche da studi precedenti: dal 20 al 25 per cento delle persone porta una variante genetica del gene MGP, il che significa che non può svolgere bene il suo lavoro e di conseguenza sono attive meno proteine ​​nel gene.” Condrociti. Se anche questo gruppo in questione ha livelli insufficienti di vitamina K, corre un rischio maggiore.

Cindy Boyer ricerca se la vitamina K può aiutare a curare l'osteoporosi.

“È ancora troppo presto per dire che funziona. Ecco perché sconsiglio di acquistare dosi elevate di vitamine, ad esempio tramite i negozi online.

Questi risultati non significano necessariamente che l'osteoporosi sia causata da una carenza di vitamina K, afferma Boyer. “E non possiamo ancora dire che sia possibile fermare o invertire la malattia con un po' di vitamina K in più. Ora dobbiamo esaminarlo attentamente.”

Verifica teorica

Nel suo studio, esaminerà se l'assunzione supplementare di vitamina K può portare a un MGP più attivo nell'articolazione dell'osteoartrosi. “Vogliamo farlo attraverso quello che viene chiamato uno studio proof-of-concept”, afferma. “Per prima cosa esaminiamo gli effetti a livello cellulare, cioè sulle cellule della cartilagine, piuttosto che gli effetti clinici come la riduzione del dolore”.

READ  Perché potresti essere così preoccupato per il ciclo mestruale?

Lista d'attesa

I pazienti non possono attualmente arruolarsi nello studio. “Vogliamo dare alle persone in lista d'attesa per un intervento di sostituzione del ginocchio vitamina K o una pillola placebo ogni giorno cinque settimane prima della data dell'intervento. Raccoglieremo quindi cellule cartilaginee dall'articolazione dell'osteoartrosi rimossa durante l'operazione.

Cindy Boyer e i suoi colleghi stanno utilizzando questo materiale per vedere se la vitamina K supplementare ha portato ad un aumento dell’attività dell’MGP e quale sia stato esattamente l’effetto sulle cellule della cartilagine. “I risultati di questo studio potrebbero mostrare se possiamo effettivamente testare la vitamina K come potenziale trattamento per l’osteoartrosi in uno studio clinico su larga scala”.

Fuori in alto

La ricerca di Cindy Boyer utilizza una dose estremamente elevata di vitamina K. Questa dose non può essere assunta mangiando cibi sani o regolari integratori vitaminici. “È ancora troppo presto per dire che funzioni contro l'artrosi, cosa che deve essere dimostrata da ricerche che stanno iniziando adesso. Sconsiglio quindi di acquistare o assumere dosi elevate di vitamine attraverso i negozi online, ad esempio.