QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Malato da più di una settimana?  Potresti avere un'infezione articolare

Malato da più di una settimana? Potresti avere un'infezione articolare

Raffreddore, virus respiratori, influenza, disturbi di stomaco, mal di gola: in autunno e primavera è quasi un miracolo che si riesca a superarli senza ammalarsi. Se sei stato molto malato ultimamente o hai sintomi gravi o a lungo termine, potresti chiederti: è solo una brutta influenza? Ma sapevate che è possibile contrarre anche delle coinfezioni?

Cosa sono le coinfezioni?

La coinfezione si verifica quando qualcuno viene colpito da due o più agenti patogeni diversi contemporaneamente, come virus, batteri o parassiti. Doppia sfortuna! Ciò può complicare la diagnosi e il trattamento perché i sintomi possono sovrapporsi o influenzarsi a vicenda. Le coinfezioni sono molto comuni e possono variare in gravità. Ciò dipende ovviamente dagli agenti patogeni in questione e dallo stato di salute della persona interessata.

Quali malattie possono causare le coinfezioni?

Le coinfezioni possono essere causate da un’ampia gamma di agenti patogeni, inclusi virus, batteri, parassiti e funghi. Alcuni esempi di malattie che possono causare coinfezioni sono:

Infezioni respiratorie

Con malattie come l’influenza, il COVID-19 e il virus respiratorio sinciziale, possono verificarsi coinfezioni respiratorie. Ciò include altri virus come adenovirus e rinovirus, nonché polmoniti batteriche come quelle causate da Streptococcus pneumoniae.

Malattie sessualmente trasmissibili (MST)

Malattie sessualmente trasmissibili (MST): può verificarsi una coinfezione con malattie sessualmente trasmissibili come il virus dell'immunodeficienza umana (HIV), la sifilide, la clamidia, la gonorrea e il virus dell'herpes simplex (HSV).

Infezioni gastrointestinali

Esempi di coinfezioni gastrointestinali includono salmonella, campylobacter, E. coli, norovirus, giardiasi e amebiasi.

Malattie trasmesse dagli insetti

Anche le malattie trasmesse da zecche, zanzare o pulci possono causare coinfezioni. Ciò include la malattia di Lyme, la malaria e i virus trasmessi dalle zanzare come dengue, chikungunya e Zika.

READ  Dipendenti da antidolorifici: 'pillola dopo pillola dopo pillola. Se non li prendo, mi ammalerò. Questa non è vita

Malattie da immunodeficienza

Ad esempio, le persone affette da HIV/AIDS hanno un sistema immunitario indebolito e sono quindi maggiormente a rischio di coinfezione con germi diversi.

Infezioni ospedaliere

Le infezioni nosocomiali possono anche causare coinfezioni, come una combinazione di infezioni batteriche e fungine in pazienti immunocompromessi.

Come si riconosce la coinfezione?

La coinfezione può essere riconosciuta da vari segni e sintomi. Naturalmente ciò dipende anche dagli agenti patogeni coinvolti e dalla specifica combinazione di infezioni. Tuttavia, abbiamo elencato alcuni sintomi riconoscibili della coinfezione:

  • La presenza di più sintomi – Se si verificano una vasta gamma di sintomi che non assomigliano a una malattia specifica, ciò potrebbe indicare una co-infezione. Ad esempio, tosse e mancanza di respiro con nausea e diarrea. Non può trattarsi di una singola infezione o virus.
  • Reclami persistenti o ricorrenti – Se hai sintomi persistenti o ricorrenti, ciò potrebbe indicare la presenza di più di un agente patogeno. Ad esempio, se stai assumendo antibiotici ma i sintomi non migliorano o si ripresentano molto rapidamente, ciò potrebbe indicare una coinfezione con un altro agente patogeno.
  • Complicazioni inaspettate -Se riscontri problemi imprevisti durante l'infezione, potrebbe significare che potresti avere più infezioni contemporaneamente. Ad esempio, se hai l'influenza e poi improvvisamente ti ammali gravemente di polmonite, ciò potrebbe significare che hai anche dei batteri.

Non è sempre evidente

Per essere onesti, le coinfezioni sono spesso difficili da riconoscere perché i sintomi possono sovrapporsi. Ad esempio, tosse, febbre e mal di gola possono verificarsi in caso di malattie respiratorie come COVID-19, virus respiratorio sinciziale e influenza. L'unico modo per sapere con certezza quali infezioni hai è fare un test. Pertanto, è importante farsi visitare da un medico per una diagnosi e un trattamento adeguati. Ciò è necessario solo se i reclami sono gravi o durano a lungo.

READ  Epatite cronica B: chi può fermare gli analoghi di Nucleos(t)ID?

Quali sono i rischi di co-infezione?

Le coinfezioni possono rendere la malattia più grave e ritardare la guarigione perché il tuo corpo deve combattere più infezioni contemporaneamente. Potrebbe anche essere difficile trovare il trattamento giusto, il che può portare a ulteriori complicazioni. Le persone con un sistema immunitario indebolito sono particolarmente a rischio di gravi problemi di salute causati dalle coinfezioni. È quindi importante prendere sul serio le coinfezioni e cercare assistenza medica tempestiva.

Cosa si può fare per prevenire le coinfezioni?

Per prevenire la coinfezione è importante seguire buone abitudini igieniche, come lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone. Mantieni pulito! È inoltre opportuno proteggersi durante l'attività sessuale con il preservativo, poiché ciò riduce notevolmente il rischio di contrarre malattie sessualmente trasmissibili.

Inoltre, si consiglia di seguire abitudini alimentari sane e di fare attività fisica regolarmente per rafforzare il sistema immunitario. Più forte è il tuo sistema immunitario, meno sei suscettibile alle infezioni e ai virus. Naturalmente è sempre saggio evitare il più possibile il contatto con le persone malate. Pensa attentamente anche alle vaccinazioni consigliate, perché sono consigliate per un motivo e possono aiutare a ridurre il rischio di coinfezioni.

Infine, è importante consultare un medico se si verificano sintomi gravi di una (coinfezione) per ricevere una diagnosi e un trattamento tempestivi. Anche se i disturbi persistono per più di una settimana, è consigliabile contattare il medico. Dovresti anche andare immediatamente dal medico se sviluppi questi sintomi (innocui).

fonti: Istituto Nazionale della Salute, HuffPost, Scienza diretta

Segui già la tua Salute della Donna Facebook, Instagram E Tik Tok?