QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’approccio mafioso all’Italia incoraggia l’Olanda, “ma attenti ai confronti”

L’approccio mafioso all’Italia incoraggia l’Olanda, “ma attenti ai confronti”

Alla fine degli anni '90, il boss mafioso Salvador de Gangi fu arrestato

Quando si pensa alla mafia si crea subito un collegamento con l’Italia. Dall’introduzione delle severe leggi antimafia negli anni ’90, il Paese ha frenato l’eccessiva violenza. Nei Paesi Bassi, dove la violenza legata alla criminalità organizzata è in aumento, gli amministratori guardano con interesse all’approccio italiano. Tuttavia, la criminologa Tina Siegel, professoressa all’Università di Utrecht, mette in guardia dal confrontare troppo i paesi.

In nessuna parte del mondo il sistema mafioso ha portato a tanta distruzione e distruzione come nell'isola italiana della Sicilia. Negli anni '80 e '90 scoppiò una guerra di mafia tra vari clan che provocò numerosi morti. “Troppe persone innocenti sono state uccise. I mafiosi facevano parte del governo e controllavano la polizia. Bisognava fare qualcosa”, ha detto Siegel. ora delle notizie.

Il governo italiano ha represso la violenza e i combattimenti si sono intensificati negli anni ’90. Da allora è diventato reato appartenere ad un'organizzazione mafiosa, anche senza commettere reati penali. Coloro che non appartengono ufficialmente alla mafia, ma sono in qualche modo legati all'organizzazione, possono essere arrestati.

Bisogna cercare di determinare dove finisce l'attività professionale e inizia l'assistenza all'organizzazione criminale.

Professore di Diritto Penale, Simona Raphael

Ma quella politica ha anche un difetto, come vede Candido l’avvocato siciliano Bonaventura. Protegge le persone sospettate di collaborazione con la mafia. “Queste leggi antimafia consentono la condanna senza provare la colpevolezza di qualcuno”.

Questo dibattito va avanti da anni in Italia, ma dopo l'arresto dell'avvocato Ines Veschi è diventato argomento di discussione anche nei Paesi Bassi. La Procura sospetta che Vesci abbia condiviso informazioni sul suo cliente Ritowan Daki dell'Extra Secure Institution di Wood con i suoi contatti nel mondo esterno. Vuol dire che ha abusato della sua posizione di avvocato. L'avvocato è stato rilasciato all'inizio di questa settimana, ma rimane sospettato nel caso.

Attenzione allo “schema mafioso”

In Italia molti avvocati, ma anche commercialisti, notai e medici, sono già stati condannati per partecipazione ad un'organizzazione criminale. Ciò solleva la domanda: in che misura questo approccio serve da esempio per i Paesi Bassi, ora che anche qui aumenta la minaccia della violenza negli ambienti criminali?

Siegel sottolinea che le condizioni nei Paesi Bassi e in Italia sono molto diverse. “Non c'è paragone. Quello che è successo qui in Olanda con Dirk Wiersum e Pieter R. de Vries è terribile. Una vittima è una in più. Ma loro sono coinvolti nel caso attraverso la loro professione. Sono soluzioni criminali. In Italia, il La mafia è intrecciata con l'intera società: dalla politica, all'economia, alla cultura. I negozianti che non avevano nulla a che fare con il crimine sono stati uccisi. Dobbiamo stare attenti con questo “schema mafioso” nei Paesi Bassi.”

Violazione dei diritti fondamentali

Lo scorso giugno, il Ministro della Giustizia e della Sicurezza Dilan Yesilkos e il Ministro della Protezione Legale Frank Wierwind hanno visitato l’Italia per vedere come gli italiani stanno combattendo la criminalità organizzata. All’epoca giudicarono un approccio efficace, ma accettarono anche le critiche. Le organizzazioni per i diritti umani hanno sottolineato che l'Italia sta violando i diritti fondamentali dei sospettati. Perché una volta che qualcuno finisce sotto indagine, il governo può intercettare il sospettato e sequestrare i beni.

READ  In Italia, le compulsioni e i test del corona pass non sono gratuiti per tutti i dipendenti, ma non ci sono state grandi proteste

Nieuwsuur aveva già visitato un carcere mafioso in Italia. Come funziona:

“I miei colleghi in Italia sono orgogliosi dell'approccio italiano”, afferma Siegel. “L'Italia sta cercando di trasformarlo in una pubblicità e di avvertire: questo può succedere a te. Guarda cosa abbiamo fatto, forse farà bene anche a te. Con queste misure, penso che sarebbe ingenuo aspettarsi un sistema del genere. Olanda .”

Della visita dei ministri in Italia, Siegel dice: “È positivo che sappiano quanto sia grave la situazione, ma spero che scoprano che è completamente diverso. Dobbiamo stare attenti con affermazioni come 'I Paesi Bassi sono un narcostato'. Certo, la criminalità professionale e il traffico di droga sono i nostri che minano l’economia, ma non c’entrano nulla con le organizzazioni mafiose in Italia”.