QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite sospende la Russia dal Consiglio per i diritti umani

Giovedì l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato per sospendere la Russia dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite per l’invasione dell’Ucraina.

fonteBELGA

Il voto è arrivato dopo le accuse di crimini di guerra contro Mosca. 93 paesi hanno votato a favore della sospensione, 24 contrari e 58 astenuti. Era richiesta la maggioranza dei due terzi, senza contare le astensioni.

L’ambasciatore dell’Ucraina alle Nazioni Unite, Sergei Kisletsya, ha accusato la Russia di aver votato crimini “spaventosi”, inclusa l’uccisione di civili a Butia.

Il rappresentante della Russia, Gennady Kuzmin, ha condannato il voto. E la BBC ha detto che altri paesi come la Corea del Nord e la Siria si erano mobilitati dietro di lui.

La risoluzione affermava che “il diritto della Federazione Russa di essere membro del Consiglio per i diritti umani è sospeso”.

La Russia rimarrà ufficialmente un membro del consiglio fino alla fine del suo mandato nel 2023, ma perderà tutti i diritti associati a tale appartenenza. Ad esempio, lo Stato non può più partecipare alle sessioni del Consiglio per i diritti umani, nemmeno come osservatore.

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite è composto da rappresentanti di 47 paesi. La Fondazione opera per promuovere e proteggere i diritti umani nel mondo. Il Consiglio si riunisce più volte all’anno a Ginevra, in Svizzera. L’ultima volta che un paese è stato sospeso è stato nel 2011, quando era legato alla Libia.