QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le forze serbe si ritirano dal confine con il Kosovo dopo l’avvertimento americano

Le forze serbe si ritirano dal confine con il Kosovo dopo l’avvertimento americano

Secondo quanto riferito, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha chiamato personalmente il presidente Vucic e ha chiesto una “immediata riduzione della tensione”. Guardiano. Il presidente serbo ha dovuto rispettare gli accordi precedenti per normalizzare le relazioni con il Kosovo. Il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha avvertito venerdì sera di uno “sviluppo molto destabilizzante”. L’ambasciatore tedesco negli Stati Uniti, Andreas Michaelis, ha parlato di “una nuova polveriera in Europa”.

Per cinque giorni la Serbia ha schierato truppe, carri armati e artiglieria al confine. Secondo la Casa Bianca ciò ha creato una situazione estremamente pericolosa. La forza di pace della NATO in Kosovo è stata posta in massima allerta, mentre più di 500 soldati britannici si preparano ad unirsi alla forza di pace composta da 4.500 uomini.

Il presidente Vucic ha cercato di allentare la tensione: la Serbia “non aveva nemmeno la metà delle truppe al confine rispetto a due o tre mesi fa”, ha detto Vucic. Sabato il governo del Kosovo ha dichiarato di aver confermato la partenza di alcune forze serbe Guardiano.

La tensione tra Serbia e Kosovo è aumentata notevolmente una settimana fa a causa degli spari tra un gruppo serbo pesantemente armato e la polizia kosovara. Questa sparatoria e il successivo assedio vicino al villaggio di Bangska hanno provocato la morte di un agente di polizia del Kosovo e di tre aggressori serbi. Alcuni degli aggressori sono stati arrestati.

Provocare disordini

Più tardi ha confessato Milan Radošić, vicepresidente del principale partito serbo del Kosovo Elenco della SerbiaChe c’era lui dietro il gruppo di una trentina di aggressori. Lui ha negato che Belgrado sostenga il gruppo, come sostiene il governo del Kosovo.

Il ministro degli Interni del Kosovo Jelal Svekla ha affermato che la polizia del Kosovo ha confiscato una grande quantità di armi “sufficienti a rifornire più di cento uomini”. Le nuove armi e una grande quantità di munizioni sono state mostrate alla stampa come prova che dietro il furto c’era la Serbia.

Secondo il governo i ladri volevano provocare disordini nel nord del Kosovo, abitato a maggioranza serba. Ciò potrebbe fornire all’esercito serbo un pretesto per entrare nel nord del Kosovo per proteggere i serbi che vivono lì.

Manifestazioni violente

Più del 90% della popolazione del Kosovo è composta da albanesi, mentre solo il 6% da serbi. La maggior parte di questi serbi vive nel nord del Paese, nella zona circostante la città di Mitrovica.

Il Kosovo era una provincia serba fino alla fine degli anni ’90. La guerra e l’intervento della NATO portarono alla secessione. Il Kosovo e la sua capitale Pristina hanno dichiarato la propria indipendenza nel 2008. La maggior parte degli stati membri delle Nazioni Unite riconosce questo paese. Tuttavia la Serbia non lo fa e considera il Kosovo una provincia ribelle. Gli alleati di Russia e Cina sostengono la Serbia in questa questione.

Dopo la secessione dalla Serbia si sono verificati alcuni disordini, soprattutto nel nord del Kosovo. I circa 50.000 serbi che vivono lì vogliono che la regione ritorni sotto la bandiera serba, o almeno ottenga un significativo grado di autonomia. Le manifestazioni nella zona diventano regolarmente violente.

READ  La Russia vuole mantenere questa città ad ogni costo, ma l'Ucraina sta avanzando: "Se perdono Kremina, la loro intera linea di difesa crollerà".