QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le immagini satellitari mostrano prima e dopo i danni causati dalle gravi inondazioni in Pakistan: ‘catastrofe climatica senza precedenti’ | All’estero

Nuove immagini satellitari mostrano gli ingenti danni causati dalle inondazioni in Pakistan. Fino a un terzo del paese è sott’acqua. Più di 1.000 persone sono state uccise, inclusi 380 bambini. Le Nazioni Unite descrivono il disastro come una “catastrofe climatica senza precedenti”.

Sono passati più di tre decenni da quando il Pakistan è stato colpito da piogge così abbondanti. Da giugno, il paese asiatico ha visto una quantità di pioggia doppia rispetto al solito. Circa un terzo del paese è sott’acqua.

Le immagini satellitari, pubblicate da Maxar Technologies e Planet Labs, mostrano parti di campi verdi, villaggi ed edifici prima che le piogge monsoniche e le inondazioni iniziassero a spazzare il paese a giugno. Le immagini catturate ora mostrano come quegli stessi campi verdi si siano trasformati in grandi pozzanghere fangose. Molte strade e case sono completamente scomparse dalla mappa.


Si stima che oltre 33 milioni di persone – ovvero un pachistano su sette – siano state colpite dalle inondazioni. Più di mille persone, tra cui 380 bambini, non sono sfuggite alle piogge torrenziali. Milioni di pakistani – che non hanno più una casa – vivono attualmente nei campi di emergenza. I servizi di emergenza stanno facendo tutto il possibile per salvare altre famiglie in elicottero. Molte aree sono difficili da raggiungere, con strade e ponti gravemente danneggiati o addirittura completamente distrutti. Consegnare pacchi alimentari in questo modo è una sfida enorme.

A Jodhpur, nella provincia del Punjab, le immagini satellitari di Maxar Technologies mostrano che i campi si sono trasformati in enormi smottamenti di fango.


La provincia del Sindh – che ha una popolazione di circa 50 milioni di persone – è stata quella più colpita. Il fiume Kabul (mostrato sotto) ha straripato per quasi tutta la sua lunghezza.


I residenti dell’area in cui scorre l’Indo sono stati costretti a lasciare le loro case. Case e campi sono quasi completamente scomparsi, come mostra l’immagine satellitare qui sotto.


Sembra che la miseria non sia ancora finita. I meteorologi avvertono di ulteriori piogge nelle prossime settimane. “I modelli meteorologici estremi sono sempre più comuni nella regione”, ha affermato Abdul Qayyum Soliri, direttore esecutivo dell’Istituto per la politica di sviluppo sostenibile.

I residenti del Bahrain attraversano il selvaggio fiume Swat su una tavola di legno attaccata a un cavo. © AP

Cerotto

Le Nazioni Unite hanno lanciato un appello per aiutare le persone colpite. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha annunciato che circa 160 milioni di euro dovrebbero essere messi a disposizione rapidamente. Ciò darebbe a 5,2 milioni di persone l’accesso a cibo, acqua e servizi igienici, istruzione di emergenza e assistenza sanitaria. Milioni di persone sono senza casa, scuole e strutture sanitarie distrutte. “Le speranze e i sogni delle persone sono stati delusi”, ha detto Guterres.

Le famiglie si trasferiscono nei campi profughi.

Le famiglie si trasferiscono nei campi profughi. © AP

Secondo Guterres, il disastro in Pakistan è un segnale al mondo per intraprendere più azioni contro il cambiamento climatico. “Smettiamola di sonnambulismo. Il nostro pianeta viene distrutto. Oggi è il Pakistan. Domani può essere il tuo paese”.

Reuters

© Reuters

Il primo ministro pakistano Shahbaz Sharif ha descritto il disastro come un “disastro climatico senza precedenti poiché un terzo dell’area del paese è sommersa dall’acqua”. Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza. Per riparare il danno serviranno almeno 10 miliardi di euro.

malattie

Intanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato una fase di massima allerta. La fase di allerta 3 rappresenta le emergenze che richiedono la “massima azione” da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Si dice che circa 6 milioni di persone abbiano un disperato bisogno di assistenza umanitaria.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che c'è un nuovo focolaio di malattia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che c’è un nuovo focolaio di malattia. © Reuters

“Il Pakistan ha già affrontato molteplici minacce alla salute pubblica, tra cui corona, colera, tifo, morbillo, leishmaniosi, HIV e poliomielite”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. Le inondazioni ora hanno anche aggiunto nuovi focolai di diarrea, infezioni della pelle, infezioni respiratorie, malaria, febbre dengue e altro ancora. Inoltre, c’è il timore di una grave carenza di cibo.

Anche rivedere. Giornalista pakistano al collo nelle acque alluvionali:

READ  Volontari che lasciano la grotta dopo 40 giorni di esperimento: 'Dac ...