QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La morte del primo paziente con vaiolo delle scimmie nel nostro Paese | interno

I nostri redattori nel nostro paese hanno confermato che c’è stato il primo decesso che potrebbe essere collegato al virus del vaiolo delle scimmie. Il paziente presentava anche altre condizioni molto gravi, che avrebbero reso la causa della morte non solo dovuta al virus del vaiolo delle scimmie.

Il biostatistico Geert Mullenbergs ha confermato la morte dei nostri redattori. Qualcuno è morto nel nostro paese di vaiolo delle scimmie. Questa è una sfumatura importante “, afferma Mullenbergs. “Ma non è possibile fornire ulteriori informazioni al riguardo a causa della riservatezza medica”.

Da lunedì scorso nel nostro Paese sono stati segnalati in totale 706 casi di virus. L’Istituto Superiore di Sanità di Sciensano segnala che il numero dei nuovi casi sembra in calo. Il caso segnalato più recente, per il quale sono disponibili informazioni, ha riportato sintomi il 23 agosto.

La stragrande maggioranza dei casi è di sesso maschile: 699 dei 703 di cui si conosce il sesso. Delle 617 persone con informazioni note, 32 sono state ricoverate in ospedale.

Più di 50.000 casi in tutto il mondo

Più di 50.000 casi sono stati registrati in tutto il mondo dallo scoppio del vaiolo delle scimmie. Secondo la dashboard dell’OMS che tiene traccia di tutti i casi confermati, al 31 agosto c’erano 50.496 casi e 16 decessi. Il numero di contagi sembra essere in calo sia negli Stati Uniti che in Europa.

“Ci sono prove iniziali incoraggianti, come dimostrato in Francia, Germania, Portogallo, Spagna, Regno Unito e altri paesi, che l’epidemia sembra rallentare”, ha affermato ieri Hans Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa. “Per andare avanti verso l’eradicazione della malattia nella nostra regione, abbiamo urgente bisogno di intensificare i nostri sforzi”.

READ  Perché l'FBI sta cercando un ministro afghano temporaneo?