QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le principali differenze tra i tipi di cancro riguardano lo stadio della diagnosi

Le principali differenze tra i tipi di cancro riguardano lo stadio della diagnosi

Scansione PET/TAC presso il Dipartimento di Oncologia del Centro medico Hagelanden Antonyushov

Noos Notizie

L’anno scorso è stato diagnosticato un cancro a 128.000 nuovi pazienti, con un aumento di 2.000 casi rispetto all’anno precedente. Ciò è dimostrato dai dati diffusi dal Registro olandese dei tumori e condivisi dall’Integrated Cancer Center Netherlands (IKNL) in vista della Giornata mondiale contro il cancro di questa domenica. Questo aumento avviene come previsto in base alla crescita della popolazione e all’aumento della percentuale di anziani.

Attualmente 900mila persone nei Paesi Bassi convivono con il cancro. I nuovi dati mostrano che lo stadio in cui viene diagnosticato il cancro varia notevolmente tra i tipi di cancro. Ad esempio, i tumori della tiroide, dell’utero e del melanoma vengono rilevati in uno stadio favorevole in circa il 70% dei casi, mentre i tumori dell’esofago, dello stomaco, dei dotti biliari e del pancreas vengono diagnosticati solo nel 10% circa dei casi.

Lo stadio del cancro determina in gran parte il trattamento che un paziente riceve ed è anche un indicatore delle possibilità di sopravvivenza, secondo l'IKNL. La diagnosi tempestiva del cancro dipende principalmente dal momento in cui compaiono i sintomi, come un nodulo, un’anomalia della pelle o una perdita di sangue. Il cancro che ha origine negli organi interni non mostra sintomi se non tardivamente, il che spiega perché a pochi pazienti viene diagnosticato un cancro ai polmoni, allo stomaco, all'esofago o al pancreas in uno stadio favorevole.

Lo screening della popolazione ha contribuito ad aumentare il tasso di diagnosi precoce del cancro al seno e al colon. Per il cancro al seno, questa percentuale è aumentata dal 28% alla fine degli anni ’80 al 45% nel 2022. Per il cancro al colon, la percentuale è aumentata da 19 a 25. È aumentata anche la quota di diagnosi positive di cancro della pelle e di cancro alla prostata. Nel caso del cancro del polmone la percentuale di diagnosi in stadio sfavorevole è aumentata da più di un quarto a più della metà, grazie al miglioramento delle tecniche di rilevamento delle metastasi.

READ  Il corona virus esiste ancora, è ovunque