QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’esperto vede un punto luminoso, ma avverte: “Putin potrebbe voler mettere in ginocchio Zelensky con un’arma nucleare”.

Ora abbiamo avuto tre round di negoziati tra le delegazioni russa e ucraina, ma sembra che molti di loro non siano ancora arrivati. Ci aspettiamo qualcosa dalle consultazioni diplomatiche a breve termine? Rob de Wijk, professore di relazioni internazionali e affari di sicurezza all’Università di Leiden, vede un barlume di speranza cauto, ma teme principalmente le conseguenze se il presidente ucraino Zelensky si rifiuta di piegarsi alle richieste russe. “Allora la Russia potrebbe far esplodere un’arma nucleare da qualche parte”, ha detto lunedì sera. Terzake

GurufonteTerzake

Dopo tre tornate di negoziati con delegazioni senza incarichi di rilievo, i ministri degli esteri dei due paesi in guerra si incontreranno per la prima volta alla fine di questa settimana. “Una cosa molto buona”, dice Rob de Wijk, che ha già scritto, tra le altre cose, sulla politica di potere della Russia. “Poi puoi salire a un livello più alto, il livello dei boss.”

Possiamo sperare di aprire presto? Rob de Wijk vede un potenziale punto luminoso attraverso tutta la polvere. Le richieste russe sono state sul tavolo sin dai primi negoziati. Ciò include la neutralità dell’Ucraina, ma ciò che non è più in questo pacchetto è la “de-nazificazione” dell’Ucraina.Secondo de Wijk, se la Russia cederà a quest’ultimo requisito, significa che non chiederà più le dimissioni del regime del presidente Zelensky. per riprodursi lì E poi puoi parlare di un buco nel topo che può portare a una soluzione. Se vuoi trattative che portino a qualcosa, vuoi che a Zelensky venga offerta una via d’uscita e lo tenga in sella”.

Rob de Wijk

Rob de Wijk

impegno chiaro

Ma cosa succede se Zelensky non risponde a questa apertura offerta dalla Russia? “Dopodiché, la battaglia continuerà e la situazione peggiorerà ulteriormente”, teme de Week. E poi la Russia farà tutto ciò che è in suo potere per vincere la battaglia. Poi nelle città scoppierà una guerriglia e non so come andrà a finire».

Secondo l’esperto, la Russia studia da tempo una strategia allarmante. “In Russia, c’è una filosofia sulla fine del conflitto prima con l’escalation e poi con la de-escalation”. Concretamente, secondo de Wijk, questo potrebbe significare che Putin non esiterebbe a far esplodere un’arma nucleare da qualche parte.

“Questo non significa che un’arma nucleare verrà lanciata su una città o su un concentrato di forze. Piuttosto, avverrà in un luogo in cui non causerà molti danni”. In concreto, la Russia potrebbe far esplodere un’arma nucleare a chilometri di aria, in modo che il caratteristico fungo sia visibile, ma ci sarebbero pochi danni.

In questo caso Rob de Wijk parla di uno “sforzo virtuale”, il cui obiettivo è mettere in ginocchio l’avversario. “Poi Zelensky riceve il segnale: se non si arrende, il passo successivo potrebbe essere quello di far esplodere una bomba nucleare sottoterra, causando ingenti danni”. De Wijk fa riferimento a una dottrina che Putin ha firmato nel 2020.

Claude van de Voorde, rappresentante militare del Belgio presso la NATO ed ex comandante dell’aeronautica militare belga, è stato coinvolto in questa linea di pensiero più tardi quella sera a De Afspraak. Era breve “Starei molto attento con questo tipo di teorie”. Ma ha notato che Putin sta “testando i limiti”. La battaglia per la centrale nucleare di Zaporizhzhya di pochi giorni fa lo indica.

Leggi anche. “Putin ha già erroneamente rivelato il suo vero scopo in un comunicato stampa diffuso troppo presto”: il professor David Krickemans offre nuovi spunti

Leggi anche. La Russia inserisce il Belgio nella lista dei “paesi nemici”, quali saranno le conseguenze? “Du giamais vu”

Leggi anche. La foto che mostra le disastrose conseguenze del piano B di Putin

Leggi anche. “Guarda come è cambiato il suo volto”: c’è un altro motivo per cui Putin si è schermato per mesi?

READ  Ex poliziotto che ha sparato al detenuto nero Don Wright condannato negli Stati Uniti | all'estero