QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Europa è ancora in attesa di una decisione per vietare le auto con motore a combustione dopo le proteste in Germania e in Italia  notizia

L’Europa è ancora in attesa di una decisione per vietare le auto con motore a combustione dopo le proteste in Germania e in Italia notizia

Dal 2035, a seconda dell’Europa, le nuove auto non avranno motori a combustione. Dopo l’approvazione da parte del Parlamento a metà febbraio, il Consiglio europeo avrebbe dovuto votare la legislazione per l’ultima volta martedì prossimo. Di solito una formalità, ma la faccenda è stata accantonata. “Il nostro obiettivo è garantire che le nuove auto con motore a combustione siano consentite anche dopo il 2035”, ha dichiarato giovedì il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner.


Yorick Duban


Ultimo aggiornamento:
03-03-23, 15:28


Fonte:
Algemeen Dogplot, La Repubblica, Belga

La decisione è stata presa oggi al Coreper I, la riunione preparatoria degli Stati membri europei. “Arriveremo al punto in tempo”, ha detto il portavoce Daniel Holberg.


La Commissione europea è a conoscenza delle “preoccupazioni” emerse di recente, ha detto il vice portavoce della presidente Ursula van der Leyen in risposta al divieto di venerdì del fascicolo. La Commissione voleva innanzitutto avere un quadro chiaro di tali preoccupazioni. “Sarebbe prematuro dire quali opzioni sono sul tavolo in questo momento”, ha detto il portavoce.

E combustibili

Ce l’aveva il ministro dei Trasporti tedesco Volker Wissing Questa settimana Metti in chiaro che la Germania non può accettare un embargo in questo momento. Liberal chiede che la porta sia aperta ai motori a combustione chiamati e-fuel. Secondo lui, questo è stato concordato e chiede alla Commissione europea di presentare una proposta in tal senso.

READ  Boks TeamNL in Italia per il 1° ottobre

I carburanti elettrici o sintetici sono CO2 neutrali. La CO2 viene rilasciata durante la combustione, ma viene rimossa dall’aria durante la produzione di carburante. Tuttavia, si tratta semplicemente di combustione, in cui vengono emessi inquinanti locali come NOx, monossido di carbonio e ammoniaca.

Vedi altro. I residenti dell’UE vanno alla pompa e pagano una bolletta del gas per i gas serra che emettono

Un divieto deve essere ratificato da almeno 15 dei 27 Stati membri che rappresentano il 65% della popolazione dell’UE. Oltre alla Germania, anche paesi come l’Italia, la Polonia e la Bulgaria non erano d’accordo. Senza la Germania, la soglia del 65 per cento non può essere raggiunta.

Sorpresa a Bruxelles e Berlino

Gli Stati membri hanno già raggiunto un compromesso con il Parlamento europeo sul divieto. L’emisfero ha già ratificato l’accordo il mese scorso. L’Italia, con il nuovo premier Giorgia Meloni, ha fatto un’inversione a U per la Germania dopo la precedente approvazione. “L’Italia ha scosso l’Europa”, ha detto il ministro dell’Industria italiano, secondo ‘La Repubblica’.

L’accusa dei tedeschi provoca grande sorpresa a Bruxelles ea Berlino. I ministri Lindner e Wissing sono entrambi membri del partito di governo liberale, il FDP. Ha già subito diverse sconfitte elettorali e si sta sempre più bollando come il partito automobilistico tedesco. Con grande dispiacere del partner di coalizione de Groenen. Il ministro dell’ambiente verde Steffi Lemke ha già chiesto l’intervento di Olaf Scholes, capo del governo socialdemocratico.

L’ultimo passo nel processo decisionale è un voto in attesa tra gli Stati membri nel Consiglio d’Europa. Ora non si sa quando ciò accadrà. In primo luogo, il governo tedesco deve mettere le cose in ordine a livello nazionale. Un funzionario europeo ha dichiarato al quotidiano olandese “Algemeen Dagblad” che le obiezioni dei nostri vicini orientali sono arrivate “troppo tardi”.

READ  "Come fai a ficcartelo in testa?"