QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’idea che il faraone Ramesse V sia stato infettato dal virus del vaiolo sembra essere sempre più popolare

L’idea che il faraone Ramesse V sia stato infettato dal virus del vaiolo sembra essere sempre più popolare

Una nuova ricerca mostra che il virus del vaiolo è più antico di quanto si pensasse e potrebbe essere già esistito al tempo di Ramesse V.

Forse il virus più famoso sulla Terra: Vaioloo virus del vaiolo. Il virus ha seminato morte e distruzione di recente e si dice che abbia causato da solo 300 milioni di morti solo nel 20° secolo. La malattia non era più una minaccia: nel 1980, grazie a una campagna di vaccinazione globale, il mondo poteva essere dichiarato libero dal vaiolo. In tal modo, il vaiolo è entrato nei libri come la prima – e finora unica – malattia infettiva ad essere debellata in tutto il mondo.

In questo articolo parliamo ogni volta del “virus del vaiolo”. Ma in realtà ci sono molte varianti che possono essere divise approssimativamente in due gruppi: Variola minor e Variola major. La prima variante era meno comune della Variola principale e aveva un decorso abbastanza lieve; Variola minor è fatale in meno dell’1% dei casi. Variola major di solito ha un decorso della malattia più grave ed è probabile che sia fatale (in media in circa il 30% dei casi).

l’origine
Abbiamo un quadro abbastanza buono dei recenti effetti del virus del vaiolo. Ma è molto diverso per l’origine del virus. Per anni, gli scienziati hanno cercato di capire questo, tra le altre cose, per determinare quando ha avuto origine il virus. Fino a poco tempo fa, le prime testimonianze del virus risalgono al Medioevo (intorno al 1600). Ma questo è cambiato nel 2020, quando gli scienziati VaioloLe tribù sono state trovate in scheletri risalenti al tempo dei Vichinghi. Ha notato che il virus circolava già almeno 1.000 anni fa. In un nuovo studio – pubblicato sulla rivista Genomica microbica – L’età del virus si sta ora allungando; Secondo gli scienziati, era già circa 3800 anni fa.

READ  È saggio combinare diversi integratori alimentari?

ricerca
A differenza degli studi precedenti, i ricercatori non si basano su reperti archeologici, ma su un’analisi del materiale genetico del virus del vaiolo. Abbiamo già utilizzato informazioni genetiche pubblicate da diversi ceppi di esso Vaiolo“Il virus”, dice il ricercatore Diego Forni. Saintias. “Stiamo utilizzando campioni moderni del virus, ma stiamo anche utilizzando campioni di resti del XVII e XVIII secolo e persino resti dell’epoca vichinga (dal 600 al 1050 d.C.)”. Confrontando i genomi di questi ceppi moderni e antichi, i ricercatori sono stati in grado di costruire un quadro dell’evoluzione del virus. Ad esempio, hanno scoperto che i diversi ceppi del virus possono essere ricondotti a un unico antenato comune e che una piccola parte dei componenti genetici del virus che circolava in epoca vichinga è sopravvissuta fino al XVIII secolo.

diversità
Ma non è ancora chiaro quando abbia avuto origine il virus. Per fare questo, i ricercatori hanno poi esaminato la diversità genetica che esiste tra i diversi ceppi del virus. “La diversità genetica si accumula nel tempo”, afferma Forney. Ciò rende possibile utilizzare le differenze genetiche tra i ceppi per stimare l’origine del virus. Inoltre, i ricercatori hanno dovuto tenere conto di un fenomeno denominato anche “Il fenomeno del tasso dipendente dal tempo“Ciò significa che la variazione genetica tra i virus sembra essere maggiore se osservata in un breve lasso di tempo e minore se osservata in un periodo di tempo più lungo”, spiega Forney.Ovviamente, avrebbe un effetto se provassi a datare i virus sulla base delle differenze genetiche tra i campioni, e in particolare, il modo in cui queste differenze si accumulano nel tempo. Ecco perché è importante tenerne conto, dice Forney. “In questo modo possiamo fare una stima più affidabile dell’insorgenza di Vaiolo-virus.”

READ  Cos'è la vitamina B12? Scopri le migliori risorse e quantità

A proposito, sta giocando Il fenomeno del tasso dipendente dal tempo Non solo con il virus del vaiolo. “È già stato descritto per molti virus a DNA”, afferma Forney. E per alcuni di questi virus, ora è stato anche dimostrato che in realtà sono sorti molto prima di quanto ci si aspetterebbe sulla base della diversità genetica, a causa di Il fenomeno del tasso dipendente dal tempo – Potresti pensare. Sembra inoltre che il virus Variola sia molto più antico di quanto si pensasse. Secondo i ricercatori, esiste da più di 3.800 anni.

Ramses V
Forse questa non è una sorpresa per gli storici. Ci sono già stati reperti archeologici che hanno lasciato intendere l’esistenza del virus del vaiolo per molto più tempo. Il più famoso di loro è il faraone Ramses V, morto nel 1157 a.C. Nel XIX secolo, l’analisi della sua mummia portò alla scoperta di cicatrici molto simili a quelle dell’infezione da vaiolo. “Non conosciamo la causa della morte di Ramesse V”, afferma Forney. “Quello che sappiamo è che ha germi che ricordano il vaiolo”. La nuova ricerca non può confermare che il faraone fosse stato infettato dal vaiolo, ma indica che il virus del vaiolo circolava già al tempo del faraone.

“Lui lei VaioloIl virus potrebbe essere molto più antico di quanto pensassimo”, afferma Forney. “Questo è importante perché conferma l’ipotesi che il virus del vaiolo fosse già presente nelle società antiche”. Inoltre, può anche aumentare la nostra comprensione del virus. “È importante fare luce sulle origini del virus perché ci permetterà di capire meglio come è nato questo virus, come si è diffuso tra la nostra specie e da quanto tempo è contagioso. Queste informazioni possono aiutarci a formulare ipotesi sull’evoluzione e sulla patogenicità del virus (quanto il virus sta facendo ammalare le persone). Quest’ultimo è particolarmente importante, poiché sappiamo che oggi ci sono due blocchi principali da VaioloI virus differiscono notevolmente l’uno dall’altro quando si tratta della gravità della malattia che causano”.

READ  Il piercing aiuta con i disturbi dell'emicrania