QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Inghilterra ottiene una nuova politica di viaggio a causa dell’alto tasso di vaccinazione | All’estero

Il governo del Regno Unito “semplificherà” la politica di viaggio per i viaggiatori da e verso l’Inghilterra a causa del gran numero di persone vaccinate. Il segretario ai trasporti Grant Shapps afferma che le misure devono garantire che i costi siano bassi. Cosa significhi esattamente questo non è ancora chiaro. I dettagli saranno annunciati più tardi nella giornata di oggi.




Il segretario alla sanità britannico Sajid Javid in precedenza ha risposto alla domanda secondo cui un test PCR obbligatorio prima di partire all’estero può essere sostituito da un test rapido più economico.

“L’alto tasso di vaccinazione che ci tiene tutti al sicuro dovrebbe essere sfruttato”, ha scritto Shapps in un breve annuncio su Twitter. Le statistiche del governo mostrano che oltre l’80% della popolazione del Regno Unito di età pari o superiore a 16 anni è stata completamente vaccinata contro il Covid-19. Tra gli over 16, il 90% ha ricevuto la prima iniezione.

L’Inghilterra ora ha un sistema di semafori in cui i paesi sono etichettati con codici colore verde, ambra (arancione e giallo) e rosso. Ogni colore è correlato alle misure. Le misure sono le più severe per i paesi della lista rossa, che secondo i media britannici sarà abbreviata. I media riferiscono anche che l’ambra con codice colore potrebbe scomparire, il che significa che i viaggiatori non vaccinati non dovranno più mettere in quarantena dopo essere arrivati ​​da paesi con questo codice colore e invece di due, devono solo fare un test corona.

Il governo di Londra si occupa solo delle misure Corona in Inghilterra. Quelli in Irlanda del Nord, Scozia e Galles sono determinati dalle autorità locali.

READ  I talebani assediano Kabul: in corso trattative per un “pacifico trasferimento di potere” | I talebani avanzano in Afghanistan