QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Irlanda pronta ad aumentare al 15% l’imposta sulle società sulle multinazionali | Soldi

L’Irlanda sosterrà la proposta di un accordo globale sulla riforma fiscale per le multinazionali. Ciò significa che se questo accordo andrà in porto, l’imposta sulle società irlandese sarà aumentata al 15% per le grandi aziende. Lo ha annunciato giovedì il governo irlandese.




Grazie alla bassa aliquota fiscale, l’Irlanda è in grado di attrarre da anni grandi multinazionali che cercano una base in Europa, come Alphabet (Google) e Facebook.

Il 15% sarà applicato alle aziende con un fatturato annuo superiore a 750 milioni di euro. Il Cancelliere dello Scacchiere irlandese, Paschal Donohue, ha affermato che le imprese con un basso fatturato rimarranno agli attuali livelli di imposta sulle società del 12,5%.

Su richiesta irlandese, è stata apportata una modifica a una bozza dell’accordo. Si parla ora di un’aliquota effettiva dell’imposta sulle società del 15 per cento, non più “almeno il 15 per cento”. L’Irlanda non ha accettato questa formula iniziale. Con il “sì” irlandese c’è già un ostacolo in meno a un accordo definitivo. Molti paesi, ad esempio, stanno ancora cercando eccezioni per determinate attività.

costo

Il ministro delle finanze irlandese stima che la riforma fiscale potrebbe costare al Paese fino a 2 miliardi di euro l’anno. “L’accordo trova un equilibrio tra la nostra competitività fiscale e la nostra posizione più ampia nel mondo”, ha affermato Donohoe.

Venerdì 140 paesi si incontreranno all’interno dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) per discutere la proposta. Il ministro delle finanze estone ha annunciato giovedì che l’Estonia aumenterà le tasse sulle società per aderire all’accordo.

READ  L'economista laburista Stijn Burt respinge il piano pensionistico di Laleaux: "Questo piano è un sogno di bilancio" | Discutere di pensioni