QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia respinge con veemenza l’accordo dei due stati per Cipro razzialmente segregata

Il 9 marzo il ministro degli Esteri italiano, Onu. Ha detto che il paese respinge con veemenza qualsiasi accordo per riunire Cipro divisa in modo razziale, il che non è in linea con il quadro federale già concordato articolato nelle risoluzioni. Secondo l’AP, Luigi de Mayo ha affermato di aver promesso al suo avversario cipriota Nicos Christodoulides di attenersi agli accordi esistenti e all’ONU. L’Italia “respinge con fermezza” qualsiasi proposta di pace che esuli dall’ambito dei risultati.

Situata nel Mar Mediterraneo, la Repubblica di Cipro è etnicamente divisa tra Greci e Turchi. Mentre la Turchia e la parte settentrionale di Cipro suggeriscono una soluzione a due Stati, l’altra parte non supporta tale formula. Sia Cipro che la Grecia hanno chiesto una “alleanza bilaterale” come unica soluzione per riunire l’isola del Mediterraneo.

Martedì, de Mayo ha detto che lui e il suo rappresentante cipriota hanno discusso del miglioramento della cooperazione energetica poiché la società energetica italiana Eni e il partner Total France hanno acquisito i diritti per esplorare petrolio e gas in sette dei 13 “ blocchi ” marini all’interno della zona economica esclusiva di Cipro. . Ha sottolineato che la lettera non era un segnale di un’indagine formale antitrust su Cipro, ma piuttosto un segnale di un’indagine formale antitrust sulle accuse. Inoltre, il ministro italiano ha chiarito che “l’Italia è al fianco di Cipro e Grecia” contro la violazione dei loro diritti.

Incontro sostenuto dall’ONU con Cipro, Turchia e Gran Bretagna

Nel frattempo, il mese prossimo, l’Onu. Il 27-29 aprile il presidente Antonio Guterres terrà una riunione informale in Svizzera. All’incontro parteciperanno i tre “garanti” di Cipro: i ministri degli esteri di Grecia, Turchia e Gran Bretagna. Cipro ha espresso un forte desiderio di raggiungere un terreno comune con Erzin Tatar, che è stato eletto presidente della divisa Cipro del Nord nel 2019.

READ  Il proprietario del ristorante italiano Bolton è andato esaurito dopo 25 anni

L’incontro segna l’ultimo tentativo da entrambe le parti di ottenere inchiostro per portare la pace sull’isola. La riunione è stata segnata da un cambiamento rispetto alla recente richiesta di Ankara di istituire un organo federale comprendente paesi di lingua greca e turca per creare uno stato sovrano. Inoltre, la questione di Cipro, Turchia e Grecia è contraddittoria su varie questioni come il controllo di un sandalo nel Mar Mediterraneo.

(Immagine: Abi)