QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia si ritira dalla Nuova Via della Seta cinese

L’Italia si ritira dalla Nuova Via della Seta cinese

Internazionale06 dicembre 23 alle 15:25Autore del libro: ANP

Il governo italiano ha formalmente informato la Cina del ritiro dalla cosiddetta Nuova Via della Seta. Il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha affermato che il controverso progetto infrastrutturale “non ha avuto i risultati sperati”.

Il governo italiano ha formalmente informato la Cina del ritiro dalla cosiddetta Nuova Via della Seta. (ANP/Stampa associata)

Per la prima volta nel 2019, l’Italia partecipa alla Nuova Via della Seta, nota come Belt and Road Initiative. La Cina sta investendo miliardi nella costruzione di strade, ferrovie e altre infrastrutture per incrementare il commercio tra Asia, Europa, Medio Oriente e Africa. Inoltre, dà impulso alla seconda economia più grande del mondo.

Cooperazione difficile

Ma la cooperazione tra Italia e Cina, Stato membro dell’UE, è stata difficile fin dall’inizio a causa delle preoccupazioni sulla crescente influenza geopolitica cinese. Anche la Cina trarrà maggiori benefici da questa iniziativa rispetto all’Italia.

Leggi anche | La Cina è finita in un baratro e Bruxelles ora ci sta provando

I nuovi accordi della Via della Seta tra Italia e Cina scadranno a marzo, a meno che entrambi i paesi non li proroghino. Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha precedentemente indicato di voler abbandonare l’iniziativa, ma insiste di voler mantenere buoni rapporti con la Cina.

READ  In Italia la carenza di spinaci è parzialmente compensata dalla coltivazione idroponica