QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo fa la Croazia dopo i rigori contro la rivelazione del Giappone, il grande eroe Levakovic con tre parate gli sport

Coppa del mondo di calcioLa Croazia ha raggiunto nuovamente i quarti di finale Coppa del mondo di calcio. Il vice-campione ha corretto una situazione sbilanciata contro un Giappone già calciatore. Ivan Perisic (ex club) è stato il pareggio in una partita bella e leale, fermando il portiere Levakovic tredici metri dopo i calci di rigore. I croati puntano su Brasile o Corea del Sud nei quarti di finale.

Sulla carta il più equilibrato di tutti gli otto finalisti. In primo piano è forse anche il poster meno entusiasmante, ma Croazia e Giappone hanno dimostrato che il mondo si sbagliava. Entrambi i paesi hanno giocato a calcio con il fischio d’inizio.

Il Giappone in particolare ha iniziato con vigore. L’equipaggio di Hajime Moriyasu ha qualcosa di un rumoroso nido di vespe da cui faresti meglio a stare alla larga. La Croazia è stata fortunata a non rimanere in svantaggio nelle prime fasi di alcuni bruschi contropiedi.

Alcuni ‘ex belgi’ sono stati i protagonisti di una grande partita di calcio. Eto’o (ex-Genk) è pericoloso con velocità e passaggi bassi. Kamada (ex STVV) ha deciso di correre il rischio. In Croazia, Perisic (ex club) era l’uomo più pericoloso.

©AP

Il vicecampione del mondo ha cercato di appianare la partita tenendo palla in squadra. È andato sempre meglio, ma è stato inutile. Il Giappone ha colpito subito. Finì per essere un corto calcio d’angolo con Maeda che premette immediatamente il grilletto.

La Croazia sapeva cosa doveva fare nel secondo tempo. Poi Modric è entrato meglio nel match. Tuttavia, non è stato il grande pastore a mettere in bilico i piatti. Il talismano di Perisic sì. Guida con decisione nell’angolo inferiore del bordo della scatola.

Il Giappone ha cercato di trovare una risposta, ma lo slancio è stato con i croati. Modric lampeggiava ogni ora. Senza la super parata di Gonda, questo Mondiale è stato ancora una volta un “gol da torneo” più ricco dopo un gran tiro. È un peccato, ma non puoi farci niente.

Luca Modric.

Luca Modric. © ANP/EPA

La Croazia ha continuato a cercare il vantaggio e probabilmente lo ha meritato nella ripresa. Il sostituto Bodemir è andato via, mentre il Giappone è affondato. Il vespaio è stato gonfiato. I tratti erano chiari.

Nessuna delle due squadre meritava davvero di perdere, ma Giappone e Croazia hanno dovuto andare fino in fondo. In ogni caso, i croati hanno avuto buone esperienze: quattro anni fa in Russia hanno giocato i supplementari in ogni partita a eliminazione diretta. Poi li ha portati in finale.

Entrambe le squadre hanno giocato molto, quindi è stato più difficile nei tempi supplementari. Il risultato più notevole in Croazia è stata la sostituzione di Perisic, Modric e Kovacic. Gioco alto dell’allenatore della nazionale Zlatko Dalic.

Il Giappone era ancora alla ricerca di un secondo e terzo obiettivo autocompensante. Alternate Mitoma ha smesso di crescere dopo così tanto tempo, ma non è stato per il buon gusto di Union la scorsa stagione. Poi le sanzioni. Il Giappone non è riuscito a farlo dopo aver sbagliato tre volte. Levakovic è stato il campione con tre parate.

Levakovic: “Non tutti i calci di rigore sono stati calciati bene”

Levakovic è diventato il terzo portiere della storia a parare tredici metri ai rigori in un Mondiale. Il suo connazionale Danijl Subasic lo ha fatto per lui quattro anni fa nell’ottavo di finale contro la Danimarca. Il portoghese Ricardo l’ha fatto per la prima volta nel 2006 nei quarti di finale contro l’Inghilterra.

“Questo è il momento migliore della mia carriera”, ha detto Levakovic, 27 anni. “Abbiamo analizzato bene gli specialisti del rigore e ha dato i suoi frutti. Non tutti gli 11 metri vengono calciati bene. Abbiamo avuto una partita difficile contro i giapponesi, ma grazie a Dio è finita bene”.

Reuters

©Reuters

Dalic: “Non sottovalutare i croati”

“È stata una partita dura. Una partita ben equilibrata in cui entrambe le squadre hanno raggiunto un livello elevato. Il Giappone ha giocato bene in area di rigore, ma abbiamo assorbito bene l’avversario. La tattica era giusta e i giocatori l’hanno eseguita perfettamente. Hanno davvero dato tutto. Questa è una grande vittoria per un Paese che qui ha battuto Germania e Spagna”.

“Siamo molto contenti di aver raggiunto di nuovo i quarti di finale”, ha detto il fuoriclasse Luka Modric. “È stata una partita dura, contro una squadra fisicamente forte. Noi stessi non abbiamo giocato al massimo dei nostri livelli, ma siamo riusciti a rientrare in partita grazie al carattere”. Quattro anni fa, anche la Croazia aveva bisogno dei calci di rigore per raggiungere la finale degli ottavi di finale in Russia. “Sembra che non possiamo farlo senza drammi. Levi (la guardia Levakovic) ha fatto un miracolo”.


I fan giapponesi stanno di nuovo pulendo

Non solo con il loro calcio, ma anche con il loro atteggiamento elegante e corretto, il Giappone ha conquistato ancora una volta i tifosi in questo Mondiale. Dopo la partita persa contro la Croazia, i tifosi hanno mostrato ancora una volta il loro lato migliore al South Stadium. Hanno pulito i loro posti con i sacchi della spazzatura. Molti paesi del calcio possono prendere esempio da lei.

Reuters

©Reuters

Reuters

©Reuters

Reuters

©Reuters

Reuters

©Reuters

Reuters

©Reuters

AP

©AP

Agenzia Nazionale dei Porti / Agenzia per la Protezione dell'Ambiente

© ANP/EPA

Sei un intenditore di calcio? Quindi giocaci Mondiali d’oro E vinci un iPhone 13 Pro o uno tra decine di altri fantastici premi. Suggerimento: registrati ora e ottieni una squadra assolutamente gratuita: in questo modo raddoppi le tue possibilità di vincita.




READ  Alejandro Valverde è in ospedale dopo l'urto, i danni non sono poi così gravi