QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo sappiamo già sull’uomo che ha accoltellato Salman Rushdie: “Ogni giorno sembrava il peggiore della sua vita”

Lo scrittore Salman Rushdie stava per tenere una conferenza al Chautauqua Institute nello stato di New York venerdì mattina quando un uomo con una tunica nera gli si avvicinò. Quell’uomo, in seguito identificato come il 24enne Hadi Matar, ha aggredito e accoltellato Rushdie. L’autore ha riportato tre coltellate al collo, quattro coltellate allo stomaco, un occhio destro perforato, una ferita da puntura al torace e una ferita alla coscia destra. L’aggressore è stato immediatamente arrestato ed è in custodia cautelare nella prigione della contea di Chautauqua.

L’agente letterario di Rushdie ha detto sabato che l’autore è stato tolto dal ventilatore e può parlare di nuovo. L’uomo ha postato su Twitter, era anche uno scherzo di nuovo, anche se in seguito ha rimosso quel tweet.

Leggi anche. Il ventilatore di Salman Rushdie è stato rimosso e può parlare di nuovo dopo dieci pugnalate: “L’attaccante pianificato questo giorno fa”

Non si sa molto sul movente di Matar. È noto che una fatwa, una specie di condanna a morte, è stata effettivamente emessa contro Rushdie nel 1989 dall’ayatollah iraniano Ruhollah Khomeini per il suo romanzo “Verses of Satan”, perché si dice che il libro sia blasfemo. Questa fatwa potrebbe avere qualcosa a che fare con l’attacco. Gli account sui social media dell’attaccante mostrano la sua simpatia per l’estremismo sciita e il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche.

© AP

Non è stato ancora stabilito un vero e proprio legame ufficiale tra Matar e le organizzazioni estremiste. Il movimento sciita libanese Hezbollah ha già affermato di non avere informazioni sull’attacco e di non commentare ulteriormente.

(Leggi di più sotto la foto)

© AFP

Documenti di identificazione falsi

Il sindaco di Yaron ha detto all’agenzia di stampa Associated Press che Matar è nato negli Stati Uniti da genitori libanesi immigrati dal villaggio di confine di Yaroun, nel Libano meridionale. Lo stesso uomo viveva a Fairview, nel New Jersey, e si dice che fosse arrivato a Chutokoa il giorno prima dell’attacco. È venuto in autobus e aveva in tasca dei contanti, una carta Visa e documenti d’identità falsi. Il pubblico ministero ha detto di aver acquistato un biglietto per l’evento due giorni fa. L’aeroporto non avrà precedenti penali.

(Leggi di più sotto la foto)

La polizia ha perquisito la sua casa a Fairview.

La polizia ha perquisito la sua casa a Fairview. © AP

Leggi anche. La stampa conservatrice iraniana si congratula con l’attaccante Rushdie

Sabato, è stato formalmente accusato di tentato omicidio di secondo grado – il che significa che intendeva uccidere – e aggressione di secondo grado con l’intento di causare lesioni personali con un’arma mortale. Le autorità competenti stanno attualmente esaminando l’entità della pianificazione e preparazione dell’attacco al fine di determinare se siano necessarie tariffe aggiuntive. Anche Matar è apparso in tribunale sabato. Avrebbe sostenuto di essere “innocente” lì. Questo è ciò che dice il suo avvocato.

club di boxe

Non si sa molto della vita privata dell’uomo. Secondo il canale di notizie statunitense CNN, avrebbe potuto essere un membro di un club di boxe a North Bergen. Secondo altri membri, visitava il club tre o quattro volte a settimana, ma era “molto tranquillo” e introverso. “Conosci quello sguardo, che ‘è il peggior giorno della tua vita’?” Il proprietario del club di boxe ha detto alla CNN “Era così ogni giorno”.

(sgg)

READ  Jesse J piange sul palco dopo l'aborto spontaneo: "Non mi sono mai sentito solo" | Famoso