QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“L’odore di uova marce spesso indica un problema serio”: ecco come affrontare il cattivo odore in macchina |  Io e la mia macchina

“L’odore di uova marce spesso indica un problema serio”: ecco come affrontare il cattivo odore in macchina | Io e la mia macchina

Un cattivo odore o odore di uova marce nella tua auto non è piacevole. Tuttavia accade relativamente spesso. Con questi suggerimenti puoi letteralmente fornire aria fresca sull’aereo. “Con uno spray disinfettante il tuo condizionatore non puzzerà più, ma ciò non significa che non abbia bisogno di manutenzione.”

Soprattutto quando fuori fa umidità e sul terreno passano frequenti piogge, il rischio di umidità, muffa e aria sporca è elevato. Questo perché in autunno e inverno i batteri possono riprodursi senza ostacoli sull’evaporatore dell’impianto di climatizzazione. I problemi che portano ad un cattivo odore nella tua auto solitamente hanno lo stesso motivo: la trascurata manutenzione. Queste sono le cause più comuni di odori sgradevoli all’interno della tua auto.

1. Non disinfettare il condizionatore d’aria

Se il tuo condizionatore ha un cattivo odore dopo averlo acceso, è ora di disinfettarlo. Puoi farlo facilmente da solo utilizzando uno spray detergente da spruzzare in macchina con i finestrini e le porte chiusi e il condizionatore acceso. C’è invece una schiuma speciale che viene spruzzata direttamente sull’evaporatore. Questi prodotti possono essere acquistati presso negozi specializzati nel settore automobilistico e altro.

Chi soffre di allergie dovrebbe sostituire i filtri almeno una volta all’anno per evitare che i pollini penetrino all’interno.

2. Andare in giro con un vecchio filtro antipolline

È necessario sostituire regolarmente il filtro dell’abitacolo dell’auto. Anche i batteri possono depositarsi qui e causare odori. Può verificarsi anche la formazione di umidità. Chi soffre di allergie dovrebbe sostituire i filtri almeno una volta all’anno per evitare che i pollini penetrino all’interno. In particolare i filtri a carbone attivo assicurano che i dannosi ossidi di azoto vengano filtrati dall’aria. Costano appena più di un normale filtro di carta. Sostituire il filtro è semplice. Il manuale della tua auto spiega come farlo.

READ  Ora è ufficiale: Didier Lamkel sostituisce il costume di Anversa con il KV Kortrijk

3. Riempire il condizionatore d’aria con liquido refrigerante

Con uno spray disinfettante non ci saranno odori sgradevoli dal tuo condizionatore, ma ciò non significa che il tuo condizionatore non abbia bisogno di manutenzione. In un anno un impianto di climatizzazione perde in media il 15% del refrigerante. Non sorprende quindi che il sistema perda energia nel tempo e alla fine non si raffreddi. Per questo motivo la manutenzione dovrebbe essere eseguita da un professionista almeno ogni tre anni, o meglio ancora ogni due anni. Non solo riempie il liquido di raffreddamento, ma controlla anche eventuali perdite del sistema di climatizzazione.

4. Formazione inaspettata di umidità

Se odora di muffa, di solito c’è umidità da qualche parte nell’auto. Nella tua auto si accumula molta umidità, soprattutto nei mesi più freddi. Il problema è aggravato da una manutenzione inadeguata: gli scarichi intasati o gli zoccoli porosi rappresentano un facile punto di ingresso dell’umidità. Anche quando sali in macchina con i vestiti bagnati, entra umidità. I primi segni di aria interna eccessivamente umida compaiono rapidamente sulle finestre. I deumidificatori per auto o la lettiera per gatti in un sacchetto di stoffa o in un vecchio calzino possono aiutare. Il sistema di climatizzazione rimuove anche l’umidità dall’aria. Se non si interviene si corre il rischio non solo di cattivi odori ma anche di formazione di muffe.

Dovresti usare il condizionatore regolarmente. Ciò non solo impedisce la formazione di odori sgradevoli, ma previene anche danni al condizionatore stesso.

READ  Il Liverpool sta considerando un giocatore belga molto illustre come possibile successore di Mohamed Salah".

5. Non lasciare la ventilazione nello stato di ricircolo (per lungo tempo).

Il sistema di ventilazione non deve essere permanentemente spento o in modalità ricircolo, poiché ciò impedirebbe l’ingresso di aria fresca all’interno. Ciò impedisce all’umidità di fuoriuscire e emana rapidamente un odore di muffa. Per questo motivo è sempre meglio impostare la ventilazione ad un livello basso. Dovresti anche usare regolarmente il condizionatore d’aria. Ciò non solo impedisce la formazione di odori sgradevoli, ma previene anche danni al condizionatore stesso.

6. Problemi con il carburante o il sistema di scarico

Quando si avverte un odore forte, come quello di zolfo o di uova marce, durante la guida, spesso è indice di un problema serio. L’odore deriva da una piccola quantità di idrogeno solforato o zolfo nel carburante. L’idrogeno solforato viene solitamente convertito in anidride solforosa inodore. Tuttavia, se c’è qualcosa che non va nel carburante o nel sistema di scarico, questo odore entrerà nell’abitacolo. La causa può quindi essere una combustione incompleta e può avere diverse cause che possono essere scoperte solo da un esperto.

Leggi anche:

Come fa la tua macchina a sapere che sta piovendo? “È anche meglio rendere questa parte del parabrezza il più libera possibile” (+)

Con questi 20 consigli potrai mantenere la tua auto nelle migliori condizioni il più a lungo possibile (+)

“Rodoggio” della vostra auto durante i primi 1000 km: è ancora necessario? Il nostro esperto di mobilità spiega (+)