QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lunga vita a Gaza.  Media israeliani: Continuano i negoziati in Qatar per porre fine agli scontri – Manifestazioni in Israele per chiedere il rilascio degli ostaggi |  Il conflitto israelo-palestinese

Lunga vita a Gaza. Media israeliani: Continuano i negoziati in Qatar per porre fine agli scontri – Manifestazioni in Israele per chiedere il rilascio degli ostaggi | Il conflitto israelo-palestinese

02:58

Media: Israele vuole continuare i colloqui per un cessate il fuoco in Qatar

Il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha deciso, sabato sera, di inviare una delegazione in Qatar per discutere di un nuovo cessate il fuoco a Gaza. Lo hanno riferito i media israeliani sulla base di funzionari governativi. Non è noto quando avranno luogo i colloqui.

Nei giorni scorsi a Parigi si sono svolte trattative per un cessate il fuoco E il rilascio degli ostaggi di Hamas. L’intenzione è di continuare queste discussioni in Qatar. Sabato sera il gabinetto militare ha ascoltato un briefing del capo del Mossad, il servizio segreto israeliano, che ha guidato la delegazione israeliana a Parigi.

Un primo cessate il fuoco durato una settimana alla fine di novembre ha portato al rilascio di oltre 100 ostaggi tenuti da Hamas e di 240 palestinesi imprigionati in Israele.

00:28

Migliaia di persone manifestano in Israele per chiedere il patto degli ostaggi e contro Netanyahu

Migliaia di persone sono scese in piazza sabato sera in diverse città israeliane per chiedere il rilascio degli ostaggi ancora detenuti dal movimento palestinese Hamas. I manifestanti hanno attaccato anche il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Uno dei riservisti ha gridato durante la più grande manifestazione a Tel Aviv: “Chiedo al governo più fallito nella storia di Israele di dimettersi”. Un ufficiale di riserva è rimasto ferito nella guerra di Gaza. Sugli striscioni si legge, tra le altre cose: “Tu sei il leader! La colpa è tua!”

Netanyahu deve affrontare crescenti accuse di aver guidato male il Paese. I critici accusano il primo ministro di anteporre tutto ai suoi guadagni politici quando prende decisioni importanti. A Tel Aviv un gruppo di manifestanti ha tentato di bloccare un'autostrada. La polizia ha usato idranti per espellerli.

READ  Artista danese che sabota un'anatra di Asger Jorn

Oltre a Tel Aviv vi furono opere anche a Gerusalemme, Haifa, Beersheba e CesareaDi fronte ad una delle ville di Netanyahu.

Il destino degli oltre 130 ostaggi rimasti tocca profondamente la società israeliana. Lo stesso Israele stima che 100 degli ostaggi siano ancora vivi. Attualmente sono in corso trattative indirette con Hamas Per ottenere la loro liberazione.

Secondo il sito americano Axios, il gabinetto della Difesa israeliano ha deciso sabato sera di inviare in Qatar una delegazione con mandato limitato. Questa delegazione deve discutere questioni di natura tecnica.

All'inizio di questa settimana si sono svolti a Parigi colloqui tra Israele e con l'Egitto, il Qatar e gli Stati Uniti, che sono i paesi che stanno negoziando con Hamas. Secondo i resoconti dei media, quei colloqui sono andati “molto bene”.

Lo scrive sabato il quotidiano israeliano “Haaretz”. L’obiettivo è concludere un accordo prima dell’inizio del Ramadan, intorno al 10 marzo.

00:16

Nuovi attacchi contro obiettivi Houthi nello Yemen

Il Pentagono ha affermato che sabato gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno effettuato attacchi contro diciotto obiettivi dei ribelli Houthi. Gli obiettivi includevano depositi di missili e altre armi, sistemi di difesa aerea, radar e un elicottero in otto località dello Yemen.

Attraverso questi attacchi, i paesi occidentali vogliono fermare le azioni dei ribelli yemeniti contro le navi mercantili nel Mar Rosso.

Pennacchi di fumo sopra la città di Sanaa nello Yemen dopo gli attacchi aerei statunitensi e britannici. (24/02/24) © Agenzia nazionale di polizia/Agenzia per la protezione ambientale