QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ora che l’Armenia ha lasciato la NATO russa, guarda all’Occidente

Ora che l’Armenia ha lasciato la NATO russa, guarda all’Occidente

L’Armenia sospende la sua adesione alla coalizione militare guidata dalla Russia, l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva. La decisione indica un deterioramento delle relazioni tra i due paesi, ma la domanda è chi proteggerà ora l’Armenia.

Tom Kanter

Proprio come la NATO sta ai paesi occidentali, la CSTO sta all’Armenia e ad altre cinque ex repubbliche sovietiche. La coalizione è stata fondata nel 1992 ed è guidata dalla Russia. Come la sua controparte occidentale, la CSTO considera un attacco contro uno Stato membro come un attacco a tutti gli Stati membri. Sulla carta, l’Armenia è protetta dalla superpotenza militare Russia.

Ma in pratica, l’Armenia afferma di aver visto poco di tutto ciò negli ultimi anni. Il primo ministro Nikol Pashinyan afferma che la coalizione ha lasciato l’Armenia al freddo.

Nagorno Karabakh

Nel settembre 2023, l’esercito azero ha invaso la regione del Nagorno-Karabakh. Più di 100.000 armeni sono fuggiti dalla regione in quella che l'Armenia ha descritto come “pulizia etnica”. La Russia, che da diversi anni dispone di una forza di pace nella regione, ha tranquillamente permesso che ciò accadesse.

Ufficialmente, la presa del Nagorno-Karabakh non è stata un attacco al territorio armeno. La comunità internazionale ha a lungo considerato l'enclave come territorio dell'Azerbaigian sin dall'invasione armena della regione negli anni '90.

Non vi è alcun riferimento diretto all'isolamento russo nella spiegazione della decisione del Primo Ministro Pashinyan, ma è chiaro che essa ha avuto un impatto significativo sulle relazioni tra Yerevan e Mosca. Inoltre, non era la prima volta che la Russia si rifiutava di intervenire. Nel 2021 e nel 2022, le forze azere hanno invaso l'Armenia. Anche allora i russi non fecero nulla.

Dopo l’invasione finale del Nagorno-Karabakh, all’Armenia divenne chiaro che non poteva aspettarsi molto dalla Russia in caso di futuri attacchi.

Resta da vedere cosa significhi esattamente la sospensione. “Abbiamo praticamente congelato la nostra partecipazione a questo trattato”, ha detto giovedì Pashinyan in un’intervista a France 24 TV. “Dovremo vedere cosa verrà dopo”, disse vagamente. Un portavoce russo ha affermato di non aver ancora ricevuto alcuna comunicazione ufficiale dall'Armenia in merito alla decisione.

Divisione in crescita

In ogni caso, la decisione evidenzia la crescente spaccatura tra Russia e Armenia. Anche prima della presa del Nagorno-Karabakh, Pashinyan descriveva la dipendenza militare dalla Russia come un “errore strategico”. Inoltre, in ottobre l’Armenia ha aderito ufficialmente alla Corte penale internazionale dell’Aia, che ha emesso un mandato di arresto nei confronti di Vladimir Putin. La Russia, che non riconosce la corte, all’epoca descrisse questa decisione come “una decisione molto ostile”.

Il deterioramento dei rapporti con Mosca potrebbe avere gravi conseguenze per la sicurezza armena. Il paese condivide lunghi confini con i tradizionali nemici Azerbaigian e Turchia. Ora che la piccola e povera Armenia sembra aver completamente chiuso la porta alla protezione russa, la domanda è: su chi può ancora contare?

Sostegno dall'Occidente

Ora sembra che stia rivolgendo la sua attenzione verso l’Occidente a questo scopo. Mercoledì Pashinyan si è recato a Parigi per incontrare il presidente francese Emmanuel Macron. Due giorni dopo, il ministro della Difesa francese Sebastien Lecornu ha fatto visita al suo omologo armeno.

La Francia ha promesso di aiutare il paese nel conflitto con l'Azerbaigian fornendogli sistemi radar militari. “Aiutare l’Armenia a proteggere il suo popolo è una priorità assoluta per noi”, ha detto venerdì LeCorno. Alla fine dello scorso anno, anche l’Armenia ha tenuto un’esercitazione militare con gli Stati Uniti.

Tuttavia, la domanda è cosa può fare l’Occidente per l’Armenia e cosa vuole da essa. Finora ha svolto un ruolo piuttosto invisibile nel conflitto con l’Azerbaigian. Anche la Russia considera il Caucaso come il proprio cortile e non ignorerà semplicemente la maggiore influenza dell’Occidente nella regione.

La minaccia dall'Azerbaigian

Mentre, secondo l'Armenia, la minaccia proveniente dall'Azerbaigian non è diminuita. Il presidente dell'Azerbaigian Aliyev non nasconde il fatto che considera parti del paese vicino come terre storiche dell'Azerbaigian. Negli ultimi anni ha chiamato il sud del paese vicino “Azerbaigian occidentale” e ha promosso il “grande ritorno” degli azeri nel loro “paese d'origine”, a cominciare dal Nagorno-Karabakh.

Nonostante negli ultimi mesi si fosse parlato di un accordo di pace, Pashinyan ha pubblicamente messo in dubbio le intenzioni di Aliyev. Aliyev ha avvertito giovedì di una nuova guerra. Quattro soldati armeni sono stati recentemente uccisi nella zona di confine in quella che l'Azerbaigian ha descritto come una “operazione di vendetta” per i bombardamenti armeni.

Secondo Pashinyan, la presa del Nagorno-Karabakh è servita solo ad aumentare la spinta all’espansione. Aliyev ha ora rivolto la sua attenzione al Nakhichevan, una regione isolata dell'Azerbaigian. Un corridoio diretto attraverso l’Armenia dovrebbe collegare l’Azerbaigian non solo a Nakhichevan, ma anche alla Turchia.

Per l’Armenia sembra quindi profilarsi un futuro incerto: circondata da nemici, senza il suo tradizionale protettore russo e senza un’alternativa diretta. “Ci sentiamo soli e abbandonati”, ha detto il ministro degli Esteri armeno alla fine di settembre, e l’Azerbaigian lo vedrà volentieri.

READ  Nuovo sciopero ferroviario di sei giorni in Germania al di fuori