QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Maggiore sostegno all’esercito europeo: “bilanciare la Russia e ridurre la dipendenza dagli Stati Uniti”

Maggiore sostegno all’esercito europeo: “bilanciare la Russia e ridurre la dipendenza dagli Stati Uniti”

Sempre più persone vogliono che l’Europa abbia un esercito unificato. Le preoccupazioni per le tensioni ai confini dell’UE e l’incertezza sul sostegno degli Stati Uniti in caso di una possibile presidenza Trump sono ragioni importanti di questa crescita.

Ciò è dimostrato da una ricerca condotta da EenVandaag tra 23.000 membri di gruppi di opinione. Nel complesso, quasi la metà (48%) ritiene che l’introduzione di un esercito europeo sia un buon piano. Più di un anno fa, 4 persone su 10 (39%) sostenevano questa idea.

Sostieni l’esercito europeo

Un deterrente contro le minacce

La guerra in corso tra Russia e Ucraina preoccupa molte persone. Dall’ultima volta che EenVandaag ha chiesto ai relatori informazioni sul sostegno militare europeo, si è aggiunta la minaccia della guerra tra Israele e Hamas.

A causa di queste minacce, i sostenitori ritengono che sia “vitale” che i paesi europei agiscano congiuntamente e con decisione per “difendere le nostre libertà”. “Solo allora avrai un potere deterrente sufficiente nei confronti del mondo esterno”, afferma un membro del comitato. Inoltre, un’ampia maggioranza (83%) ritiene che gli stessi Paesi Bassi abbiano una difesa troppo piccola per far fronte alle minacce esterne.

“Tieniti addosso i pantaloni”

Un vasto gruppo ritiene inoltre che sia importante che l’Europa sia in grado di camminare con le proprie gambe anche in campo militare. Più di tre quarti (78%) degli intervistati ritiene che i paesi europei dipendano attualmente troppo dal sostegno della NATO da parte degli Stati Uniti.

C’è incertezza su questo supporto. All’inizio di quest’anno, il candidato alla presidenza Donald Trump ha annunciato che non avrebbe aiutato i paesi della NATO che non soddisfano lo standard previsto dalla NATO del 2% del bilancio della difesa nazionale in caso di attacco russo. “Mentre l’affidabilità dell’America diminuisce, dobbiamo imparare a tenerci stretti a noi stessi”, ha detto un partecipante.

READ  Pechino espelle i funzionari dell'istruzione per i disegni dei bambini 'brutti' | All'estero
Riproduzione audio

Le persone sostengono l’esercito europeo? Guarda questo e altro nella nostra trasmissione TV.

Mantieni il controllo

Tuttavia, l’espressione “esercito europeo” è delicata, sia a Bruxelles che all’Aia. Per quasi tutti i paesi europei, avere un proprio esercito è una parte essenziale per garantire l’indipendenza e la sovranità di un paese. Per più di un terzo (36%) il passo verso la creazione di un esercito europeo sarebbe troppo lontano.

Inoltre, questo gruppo vede anche una serie di obiezioni pratiche. Ad esempio, credono che una barriera linguistica o differenze culturali possano rappresentare un problema. Temono inoltre che ci vorrà molto tempo tra i vari paesi partecipanti per raggiungere un accordo sullo spiegamento di un simile esercito.

Cosa pensano i cittadini della politica di difesa europea?

“Mantenere attrezzature e personale speciali”

Anche gli eurodeputati Theis Rütten (PvdA) e Bart Groothuis (VVD) vedono un esercito europeo come un passo eccessivo. Entrambi chiedono una maggiore cooperazione in materia di difesa in Europa, ma non vedono la creazione di un esercito europeo come la soluzione adeguata.

“I paesi manterranno sempre le loro attrezzature e le loro persone”, afferma Wroten. “Sarebbe ridicolo se permettessimo a un membro del Parlamento europeo proveniente da Romania e Spagna e a un commissario europeo danese di decidere sull’impiego di ragazzi e ragazze olandesi”, dice Groothuis.

“Una discussione inutile”

Ma il fatto è che in molti settori esiste già una cooperazione molto intensa in materia di difesa. “Naturalmente abbiamo un esercito europeo da molto tempo”, scherza Groothuis, membro del VVD. “Si chiama NATO. Dobbiamo assicurarci di poter collaborare con i paesi europei della NATO, se necessario”.

READ  Un uomo ha ucciso tre donne a Roma: "Per fortuna la sua pistola si è inceppata, altrimenti ci sarebbero state più vittime"

Rutten ritiene che sia un dibattito inutile. “Che lo si chiami esercito o meno. Ciò che conta è creare unità multinazionali rapidamente dispiegabili e coordinare le missioni, senza fare le cose due volte. Dobbiamo fare le cose insieme, comprare cose insieme.”

informazione

A proposito di questa ricerca

Il sondaggio è stato condotto dal 22 al 23 maggio 2024. Al sondaggio hanno partecipato 23.137 membri del comitato di opinione di EenVandaag. Dopo la ponderazione, la ricerca rappresenta sei variabili, vale a dire: età, sesso, istruzione, stato civile, distribuzione nel paese e preferenza politica, ed è misurata in vista delle elezioni della Camera dei Rappresentanti del 2023. Il Comitato di opinione è composto da oltre 80.000 membri.

“Un ruolo guida per il Parlamento europeo”

Wroten e Grothus vedono un ruolo importante per il Parlamento europeo a questo riguardo. Affermano che l’Unione Europea ha già svolto un ruolo importante nel mobilitare il sostegno per l’Ucraina. Hanno inoltre convenuto che il Parlamento potrebbe svolgere un ruolo guida nel campo della cooperazione in materia di difesa.

In ogni caso, questa proposta potrebbe contare sul sostegno dei membri del Comitato d’opinione: tra questi, una maggioranza (63%) ritiene che sia importante che i paesi europei lavorino più congiuntamente nella loro politica di difesa, per agire “in modo più efficiente” ” e “più economico”.

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat. Ogni giovedì nella newsletter Get Involved ti diciamo cosa stiamo facendo con tutte le risposte. Lo vuoi nella tua email? Allora registrati qui.