QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Medicina/Salute, Malattia | Ricercatore dell’OMS: non lasciare che Omicron causi il panico

Somaya Swaminathan, capo scienziato dell’Organizzazione mondiale della sanità, chiede al mondo di essere preparato e vigile, ma di non farsi prendere dal panico.

– Come dovremmo essere preoccupati? Ha detto in un’intervista con Reuters.

Spera che una variante del virus Corona, l’Omicron, sia più mite rispetto agli altri tipi, ma sottolinea che nulla è certo.

– Dovremo aspettare, e speriamo che diventi più mite. Swaminathan dice che è troppo presto per trarre conclusioni definitive sull’alternativa.

Non ci sono decessi registrati

Sempre più paesi stanno registrando l’infezione da omicron, ma l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) non ha ancora ricevuto alcuna segnalazione secondo cui il coronavirus mutato ha reclamato la sua vita.

“Non ho ancora visto alcuna notizia di decessi correlati agli omicroni”, ha detto il portavoce dell’OMS Christian Lindmeier in una conferenza stampa a Ginevra venerdì.

Assicura che l’organizzazione è impegnata nella raccolta di documenti, e altri seguiranno a tempo debito.

Lindmeier afferma che man mano che più paesi continuano a testare persone che cercano specificamente la variante omikron, troveremo più casi.

Non esclude nemmeno l’omicidio, ma non spera.

La variabile delta domina

Mentre la variante mutata dell’omicron ha portato molti paesi a imporre nuove restrizioni al controllo delle infezioni, alle persone viene chiesto di non dimenticare la variante delta, che è responsabile del 99% di tutte le infezioni segnalate negli ultimi 60 giorni.

Omikron può crescere e possiamo arrivare al punto in cui prende il sopravvento e diventa l’alternativa dominante, ma per ora Delta è ancora l’alternativa dominante, afferma Lindmeier.

Nota che molte delle attuali restrizioni sono state introdotte poche settimane fa e sono il risultato di molteplici problemi delta.

READ  Revival della corona e una grave ondata di influenza in autunno - The Daily Standard

Pertanto, le persone devono prima di tutto fare il possibile per proteggersi dalla variabile delta e poi dall’omicron, dice.

L’effetto del vaccino è incerto

Le vaccinazioni coronariche si sono dimostrate efficaci contro la variante delta, mentre non è certo se proteggano anche contro la variante omicron. Gli esperti credono e sperano che i vaccini proteggano almeno da malattie gravi sulla variante dell’omicron.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ci vogliono diverse settimane prima di avere un’idea chiara di quanto sia contagiosa la variante di Omicron e di quanto sia grave la malattia. Questo vale anche per l’effetto di vari vaccini e farmaci sul virus.

Le prime prove suggeriscono che è più contagioso. Ma questo è tutto ciò che sappiamo finora, afferma Christian Lindmeier.

(© NTB)