QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Migliore comprensione delle allergie alimentari – UMC Utrecht

Migliore comprensione delle allergie alimentari – UMC Utrecht

Tre progetti di ricerca sono stati premiati la settimana scorsa nell’ambito del programma di ricerca “Nutrizione e diete sicure e sane” dell’Organizzazione olandese per la ricerca scientifica (NWO). Uno dei progetti vincitori di questo programma è “Monitoraggio dell’introduzione sicura di nuovi alimenti” (MoSIN). Un consorzio guidato da Kitty Verhoeks (UMC Utrecht) con partner del sistema alimentare vuole migliorare la comprensione di come le allergie alimentari si evolvono in un ambiente alimentare in evoluzione, ad esempio dagli alimenti animali agli alimenti vegetali. Le conoscenze ottenute verranno utilizzate per sviluppare e implementare un sistema di sorveglianza per le allergie alimentari emergenti.

Negli ultimi anni molta attenzione è stata posta al ruolo della nutrizione in relazione alla salute umana. Un’alimentazione sana e uno stile di vita sano possono garantire una vita sana più lunga e quindi prolungare la durata della vita sana. Programma di ricerca”Sistemi alimentari e nutrizionali sicuri e saniSi concentra sulla ricerca su sistemi alimentari sostenibili e innovativi che producono alimenti sani e sicuri per le popolazioni attuali e future. Questa ricerca richiede un approccio integrato ai punti di interesse, al fine di acquisire una comprensione più ampia di diete e diete sane e sicure. Insieme, i tre progetti vincitori hanno ricevuto più di 2,5 milioni di euro da NWO e ZonMw. I partner sociali e privati ​​contribuiscono con un altro milione di euro.

Progetto Mosin

Tra i progetti all’interno di questo programma ci sono:Monitoraggio dell’introduzione sicura di nuovi alimenti(Mosin). Questo consorzio interdisciplinare, che ha stanziato quasi 1,8 milioni di euro, è guidato da un ricercatore La dottoressa Kitty Verhoeks (Professore assistente in allergie alimentari) e il Dr. Thuy My Le (dermatologo), entrambi lavorano presso il Dipartimento di Dermatologia e Allergie dell’UMC di Utrecht. Il consorzio è composto anche da partner del sistema alimentare (consumatori, pazienti con allergie alimentari, medici, ricercatori, gestori/valutatori del rischio e consulenti) che desiderano migliorare la comprensione di come si sviluppa l’allergia alimentare in un ambiente alimentare in evoluzione (abitudini alimentari, esposizione, origine e genere).

La dottoressa Kitty Verhoeks

Le conoscenze ottenute verranno utilizzate per sviluppare e implementare un sistema di sorveglianza per le allergie alimentari emergenti. Ciò ci consente di migliorare e coordinare la gestione del rischio allergico e di comunicare informazioni comprensibili sulle allergie (ad esempio sulle etichette degli alimenti). Pertanto, questo progetto contribuisce ad aumentare la consapevolezza sui pericoli delle reazioni allergiche ai (nuovi) alimenti, prevenendo le reazioni allergiche e la malnutrizione e riducendo così i costi (sanitari).

READ  Trapianto di organi: animali come donatori di organi umani

cooperazione

Il consorzio MoSIN è coordinato da UMC Utrecht e i candidati partecipanti sono l’Università di Maastricht, l’Università e ricerca di Wageningen, la HAS Green Academy e l’Università del Surrey (Regno Unito). Partecipano inoltre come cofinanziatori: Danone Research, Unilever Safety and Environmental Assurance Centre, Schuttelaar & Partners, Ÿnsect, Natuurproducten Nederland e MacroArray Diagnostics GmbH. Altri partner sono: Istituto nazionale di sanità pubblica e ambiente (RIVM), Food Allergy Foundation, LAREB, Central Food Trade Office (CBL) e Jumbo.

Allergia al cibo

Allergia al cibo Questa malattia colpisce circa 20 milioni di europei ed è in aumento in tutto il mondo, una tendenza che continuerà con l’introduzione di alimenti basati su nuove fonti proteiche e con l’aumento del consumo di prodotti contenenti concentrazioni più elevate di proteine. Le allergie alimentari costano alla società 55 miliardi di euro all’anno direttamente (cure mediche, restrizioni dietetiche, ecc.) e indirettamente (malattia, tempo dedicato alla ricerca di alimenti sicuri, ecc.) e incidono negativamente sulla qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie. I sintomi possono variare da reazioni lievi come prurito in bocca a condizioni potenzialmente letali come l’anafilassi. Non esiste una cura disponibile ed evitare il cibo in questione è l’unica opzione per la prevenzione, e i consumatori con allergie eviteranno determinati cibi se non sono sicuri della loro sicurezza, portando a una dieta squilibrata, problemi di salute e una mancata accettazione di nuove e cibi più sostenibili. .

Oltre a MoSIN, altri due progetti nell’ambito di questo programma hanno ricevuto una sovvenzione NWO: (1) “Produzione, sicurezza microbica e accettazione sociale degli alimenti fermentati dai flussi di rifiuti (PROSAFE)” e 2) “FITTER: la fibra alimentare combatte gli effetti dannosi del trattamento del cancro”Entrambi sono guidati dall’Università e ricerca di Wageningen (WUR).