QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Molteni Group Italy chiude l’esercizio con “ottimi risultati”.

Molteni Group Italy chiude l’esercizio con “ottimi risultati”.

Il Gruppo Molteni chiude il 2022 con ottimi risultati: crescita significativa dei ricavi, che riflette la strategia di consolidamento di tre marchi, ciascuno al vertice del proprio segmento di mercato: Molteni&C, prodotti per la casa e per il progetto, UniFor e Citterio, specializzati nell’ambiente di lavoro. Progetti per spazi pubblici.’ Lo ha detto l’azienda italiana in un comunicato stampa.

Questa crescita organica è supportata dal rafforzamento della gestione professionale di tutte le società del gruppo. È 100% Made in Italy e mantiene un forte approccio familiare ai vertici del settore. Con un forte coinvolgimento nel mondo del design, una cultura nata e rinnovata all’interno dell’azienda, custode di un patrimonio prezioso che comprende passione e cultura per il bello e il ben fatto.

Il fatturato consolidato del Gruppo per il 2022 è di 460 milioni di euro rispetto al 2021 (dati preliminari, +25%), ovvero 369 milioni di euro), una crescita dell’EBITDA consolidato del 25% rispetto al 2021 e una quota export di circa l’80%. La performance positiva si riflette nel miglioramento dei principali indicatori finanziari ed in particolare nel rapporto tra posizione finanziaria netta ed EBITDA a livello individuale e di gruppo – pur con investimenti significativi.

La capogruppo Molteni&C ha realizzato un fatturato di 304 milioni di euro con un EBITDA in crescita del 36%, in crescita del 26%. Questi numeri eccezionali mostrano un andamento positivo delle vendite nel segmento residenziale, seppur in crescita, post-pandemia.
Costi e difficoltà nell’approvvigionamento delle materie prime.
Nel segmento residenziale, lo sviluppo del canale retail ha ulteriormente rivitalizzato la rete con l’apertura di altri 12 flagship store Molteni&C nel 2022 e 24 nel 2023. Entro il 2023 sono previsti in totale 120 negozi monomarca in diverse regioni. La strategia di canale si concentra sull’espansione e sull’ulteriore sviluppo del posizionamento di oltre 700 negozi (shop-in-shop e tradizionali rivenditori multimarca). La creazione nel 2022 della divisione Molteni&C|Outdoor, che introduce le nuove opere del grande maestro del design milanese Gio Ponti, ha diritti di riproduzione esclusivi per la maggior parte dei suoi mobili in base a un accordo firmato dalla casa madre con gli eredi. Famoso architetto.

READ  L'Italia riapre ai vacanzieri americani che volano con Delta

Il segmento del contract legato ai grandi progetti internazionali vede una crescita significativa nei settori tradizionali retail, hospitality, education e residenziale, oltre che nei segmenti ad alto contenuto tecnologico come uffici e contract per il settore offshore. I progetti principali includono la Biblioteca nazionale di Israele progettata da Herzog & de Meuron a Gerusalemme, il Mandarin Oriental a Lucerna e il Waldorf Astoria a New York. Altro progetto speciale è l’importante contratto pluriennale con la Formula1, per il quale Molteni&C è diventata fornitore ufficiale degli arredi della suite del garage di F1, e l’installazione di esclusive aree hospitality in occasione di 11 Gran Premi in diverse regioni.

Carlo Molteni, presidente del Gruppo Molteni, ha dichiarato: “Siamo una famiglia affiatata che gestisce a ritmo serrato un’azienda dinamica e flessibile,
Processi decisionali fluidi sono l’ideale in questo ambiente internazionale instabile. Sono particolarmente orgoglioso della terza generazione, che lavora in sinergia e mantiene l’ossessione per la qualità nel DNA e nella cultura dell’azienda.
La prima fase dello sviluppo della gestione professionale porta già all’ottimizzazione per il futuro. Desidero ringraziare l’Amministratore Delegato di Molteni&C, Marco Piscitelli, per i risultati raggiunti e per l’impegno profuso nell’attuazione della strategia complessiva.

L’Amministratore Delegato Molteni&C e Molteni Group, Amministratore Delegato Marco Piscitelli: “La collaborazione tra R&D, produzione, logistica, commerciale e marketing creata dai marchi è determinante per la nostra crescita. Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti e della nuova partnership del gruppo. Snohetta , Renzo Piano, Herzog & de Meuron , rafforzando le relazioni con i più prestigiosi studi internazionali di architettura e design come Foster + Partners, Vincent Van Duysen e Naoto Fukasawa.Un gruppo dinamico nel design di alta gamma in tre segmenti principali: residenziale, progetto e spazio installazione, e lavoro, sinergico, con marchi complementari.
Il piano strategico prevede quattro motori di crescita, con la sostenibilità come caposaldo:

  • Valorizzare gli aspetti iconici dei nostri tre marchi principali rafforzando le relazioni con i più prestigiosi designer e studi di architettura internazionali (sei Pritzker Prize sono già partner del gruppo);
  • Rafforzare le nostre 12 sedi commerciali nel mondo con un forte focus sul business plan retail, completare il processo di espansione internazionale in diverse regioni, aprire negozi diretti monomarca o partnership con le maggiori aziende globali, e puntare sulla prospettiva locale e sulla divisione contract;
  • Rafforzare il percorso diretto al consumatore e l’immagine digitale del marchio, migliorare continuamente i punti di contatto digitali del marchio e l’esperienza di acquisto in negozio. View non è più omnibus, ma un canale, un canale preferito dai consumatori ovunque si trovino. L’e-commerce ei servizi digitali di alta qualità svolgeranno un ruolo importante in questo.
READ  Sono note tutte le selezioni per le finali della Nations League in Olanda Calcio straniero

Lo testimonia la piattaforma di e-commerce lanciata come progetto pilota negli Stati Uniti, che ha fornito la prima esperienza in questo segmento di mercato generando vendite e lead nella rete di distribuzione. Sarà esteso ad altri mercati nel corso del 2023;

  • Consolidamento degli investimenti negli stabilimenti produttivi e nei magazzini con l’approccio 4.0 e investimenti in un nuovo sofisticato programma ERP per rendere più efficienti le aree operative.

Oltre allo sviluppo di nuovi prodotti progettati e realizzati secondo i principi del corretto smaltimento e l’utilizzo di materiali riciclati, è stato stabilito un nuovo campo della sostenibilità. Il nuovo dipartimento (sia nella produzione che nel design) rivede i prodotti esistenti secondo i nuovi criteri e pensa ai miglioramenti futuri, in modo che tutte le aree di business siano conformi ai nuovi principi ESG.

Il Gruppo Molteni ha una strategia energetica autosufficiente: il 65% dell’energia consumata da Molteni&C proviene già dall’impianto fotovoltaico di recente installazione.