QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non c’è un controllo verde nell’app CoronaCheck dopo la prima iniezione in un altro paese dell’UE

Foto: SGN

L’organizzazione globale dei GGD, quando viene chiesto, afferma che le persone che hanno ricevuto il loro primo colpo corona in un altro paese dell’UE e un secondo pugno nei Paesi Bassi non possono attualmente ottenere un segno di spunta verde sull’app CoronaCheck. La causa del problema è di natura tecnica e “si sta lavorando a una soluzione”.

Una portavoce di GGD GHOR Nederland ha dichiarato: “I dati di vaccinazione per la siringa dall’estero non sono stati elaborati tecnicamente correttamente”. Anche il Ministero della Salute è a conoscenza di questo difetto. “Il fatto che dopo la seconda iniezione nei Paesi Bassi, la procedura di vaccinazione sia stata completamente chiusa, non è ancora chiaro nella domanda”, chiarisce una portavoce. Il problema non si pone per le persone che hanno ricevuto la prima iniezione in un paese al di fuori dell’Unione Europea.

Le persone che vivono nei Paesi Bassi o hanno la cittadinanza olandese e che hanno ricevuto la prima vaccinazione al di fuori dei Paesi Bassi possono indicarlo quando pianificano la seconda vaccinazione nei Paesi Bassi, in modo che la vaccinazione sia già registrata come seconda vaccinazione. Secondo il Ministero della Salute, per questo non è richiesto un certificato di vaccinazione dell’altro paese. Vogliamo rendere la procedura il più accessibile possibile. Inoltre, supponiamo che non abbia senso mentire su questo”.

Non è chiaro quante persone siano colpite dal problema. Il ministero riceve “domande occasionali” sulle iniezioni straniere. L’olandese Quinn Waldring vive a Madrid. “Ho fatto la mia prima vaccinazione in Spagna. Ora che ho visitato la mia famiglia nei Paesi Bassi per l’estate, vorrei farlo nel modo più sicuro possibile”. Per questo è stato fissato un secondo colpo durante la sua visita in Olanda. “Ma a causa di problemi con l’applicazione, ora non sono in grado di ottenere un passaporto Corona. Infatti, il documento che ho ricevuto dal GGD dice categoricamente: “Non ci sono prove di vaccinazione”. Quindi non devo arrivare in Spagna con questo.” Attualmente richiesto Woldringh continua a testarlo per tutti i viaggi e le occasioni mentre è completamente vaccinato.

READ  Un innovativo cerotto emostatico da applicare per la prima volta

Stichting Nederlanders Buiten Nederland, che rappresenta gli interessi degli olandesi che vivono all’estero, descrive il problema come “estremamente problematico”. Secondo il segretario della Fondazione Twan Laan, ciò può colpire le persone che vivono all’estero, così come i vacanzieri, ad esempio. “Pensa ai pensionati con una casa vacanza sul Mediterraneo.” E chiede clemenza nel trattare i certificati di vaccinazione per queste persone. “Se qualcuno può dimostrare sulla carta di essere stato vaccinato, dovrebbe bastare anche questo”.