QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Non è impossibile trovarne qualcuno anche in Belgio.”

“Non è impossibile trovarne qualcuno anche in Belgio.”

La scoperta di così tanto idrogeno “bianco” in Francia ha fatto sognare le persone a una svolta nella transizione energetica verde. “Non c’è motivo per cui non possano esserci riserve di suolo in Belgio. Ma è troppo presto per gridare vittoria.”

Barbara De Busschere

Sembra una favola. Facendo affidamento su indicatori naturali come i “cerchi fatati”, depressioni arrotondate nel terreno dove la vegetazione varia, i geologi cercano l’“idrogeno bianco” all’interno della Terra. E questo è sicuramente l’oro bianco nel 2023: CO2-Carburante gratuito che la Terra genera continuamente.

Le scoperte fatte all’inizio di quest’anno nella regione francese della Lorena indicano una riserva potenzialmente enorme della sostanza. Domenica scorsa, il governo francese ha rilasciato un permesso per un progetto di ricerca sull’idrogeno bianco nei Pirenei atlantici. Ci sono ancora cinque domande pendenti.

Al giorno d’oggi, l’idrogeno è solitamente grigio: viene estratto dal gas naturale, che rilascia molta anidride carbonica2 rilasciatelo. Questo è il motivo per cui i governi si stanno concentrando sull’idrogeno “verde”. Viene prodotto dividendo l’acqua in idrogeno e ossigeno e l’energia rinnovabile è la forza trainante.

Ma l’idrogeno bianco o “naturale” non richiede alcuna lavorazione: esce dal terreno come prodotto finito. Pronto per riscaldare le case, praticamente senza emissioni di carbonio. Con un prezzo stimato di circa 1 euro al chilo, l’idrogeno bianco sarà molto più economico del più difficile idrogeno verde, che costa in media 6 euro al chilo.

Mentre la crisi climatica diventa sempre più grave e aumenta l’urgenza di eliminare gradualmente i combustibili fossili, non sorprende che le notizie positive su questo “oro bianco” stiano suscitando entusiasmo.

READ  La tua assicurazione ti copre se lasci una pentola sul fuoco e ti causi danni? | la mia guida

Oggi questo è particolarmente vero in Francia. “È stato inoltre richiesto un permesso per condurre ulteriori ricerche per il sito in Lorena, dove lo stock sarà probabilmente molto grande”, afferma Emmanuel Bensadoun, direttore tecnico di France Hydrogen.

Sono già state scoperte fonti anche in Spagna, Germania, Svezia, Polonia, Islanda, Norvegia, Ucraina, Russia e Kazakistan. Negli Stati Uniti l’idrogeno bianco viene estratto nel Nebraska. Il giacimento del Mali è stato l’unico effettivamente sfruttato dal 2014. “Fino a poco tempo fa non gli veniva prestata molta attenzione, perché il mondo dipende dal petrolio e dal gas”, spiega Bensadoun.

Non è stato ancora cercato

Nel nostro Paese non sono noti giacimenti, ma non sono stati ancora cercati. Bensadoun sa che la Vallonia è la considerazione principale. “I nostri geologi affermano che non vi è alcun motivo per cui dovrebbe essere impossibile trovare idrogeno naturale in Belgio”, afferma Jan Mertens, direttore scientifico di ENGIE. “Le formazioni geologiche in Belgio non escludono la possibilità che si formi idrogeno naturale anche nel nostro suolo, proprio come nella vicina Lorena. Ma non sono mai state riportate misurazioni. Quindi, se vogliamo sapere, bisogna studiare una misurazione. È È già stato dimostrato in Altri luoghi che quando si inizia a cercare, spesso si trova del potenziale. In ogni caso, abbiamo bisogno di questo tipo di scoperte per accelerare la transizione energetica.

Oltre a qualsiasi fonte interna, il Belgio potrebbe anche beneficiare dell’idrogeno bianco proveniente dalla Lorena. “Arrivare da lì a qui non è irrealistico”, afferma Jan Weiss, esperto di idrogeno presso l’Istituto fiammingo per la ricerca tecnologica (VITO).

Ma ci sono ancora molti ostacoli da superare. “È troppo presto per gridare vittoria. La pressione a causa della crisi climatica è così grande che si è tentati di saltare i passi nella mente. In pratica, questo non è possibile”, dice Bensadoun. “Perché non abbiamo ancora risposte alle domande cruciali”.

Ad esempio, risulta difficile stimare esattamente la quantità di idrogeno bianco presente nel sottosuolo. “Non è inoltre noto quanto velocemente queste fonti naturali vengano reintegrate e quanto sia puro l’idrogeno bianco”, afferma Bensadoun.

Rischio di perdite

Poiché l’idrogeno è la molecola più piccola e altamente infiammabile, anche la sua estrazione non è intuitiva. Il rischio di perdite è elevato e l’idrogeno bianco può indirettamente causare un effetto serra. “Questo potrebbe essere importante, ma non ne sappiamo ancora abbastanza”, dice Bensadoun.

Lui e altri esperti stimano che lo sfruttamento dell’idrogeno bianco sarà un’opzione al più tardi a partire dal 2028, a condizione che tutti gli ostacoli all’estrazione sicura vengano rimossi senza problemi.

Ma questo non è ancora arrivato, perché il trasporto dell’idrogeno è tecnicamente più complesso e quindi molto più costoso del trasporto del gas naturale e del petrolio.

“Poiché le molecole di idrogeno sono così piccole, è necessario un grande volume per ottenere una certa quantità di energia. Oppure è necessario mettere l’idrogeno sotto una pressione molto elevata e comprimerlo. Anche i rischi di perdite ed esplosioni sono molto maggiori di quelli del gas naturale “, afferma Weiss. I costi principali dell’idrogeno verde sono principalmente legati ai trasporti. L’economia dell’idrogeno è stata gonfiata, ma solo finché non ci sarà una reale anidride carbonica2Le tasse che rendono i combustibili fossili più costosi rimangono una storia difficile.

Tutti questi problemi possono essere risolti tecnologicamente, ma anche con l’idrogeno bianco i trasporti continueranno ad aumentare i prezzi. “L’unico modo per ridurre questi costi è avere una pipeline vicina alla fonte, all’industria e ad altre applicazioni non troppo lontane”, ha aggiunto Weiss. “In questo senso, per il nostro Paese, le forniture dalla Lorena sono più realistiche dell’importazione di idrogeno verde da lontane regioni soleggiate”.