QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non l'ospedale ma l'”ente di beneficenza” stesso.

Non l'ospedale ma l'”ente di beneficenza” stesso.

Per questo inganno Chiara Ferragni, 36 anni, dovrà pagare una multa di un milione di euro. Secondo le autorità italiane garanti della concorrenza, la Ferragni e il produttore di torte avrebbero suggerito, nella pubblicità e nella confezione, che una parte del prezzo di acquisto della torta «Pandoro Pink Christmas» venisse utilizzata per curare il cancro alle ossa. Questa idea è rafforzata dal prezzo elevato della torta: più di 9 euro, due volte e mezzo il prezzo normale.

L’ospedale, infatti, non ha ricevuto soldi dall’influencer, che su Instagram conta quasi 30 milioni di follower. Una volta il produttore di torte ha effettivamente donato 50.000 euro a un ospedale pediatrico, ma ciò è avvenuto prima che le torte arrivassero sul mercato l'anno scorso. Il numero di torte vendute non influisce sull'importo della donazione.

Nel frattempo la Ferragni ha guadagnato un sacco di soldi mettendo la sua immagine sui tradizionali dolci natalizi. Le autorità italiane garanti della concorrenza affermano che le due società che gestiscono il “marchio Ferracni” hanno guadagnato complessivamente più di un milione di euro. Ferragni, l'autorità di vigilanza, festeggia il suo venerdì per 'pratiche commerciali scorrette' È stata irrogata una sanzione di importo comparabile. Inoltre il pasticcere dovrà pagare 420.000 euro.

La 'torta di Natale' ha ormai raggiunto in Italia un livello tale che ne parla perfino il premier Giorgia Meloni. Anche se non ha menzionato la Ferragni per nome durante un discorso domenicale, era chiaro cosa pensasse della questione. Secondo Meloni, gli influencer che guadagnano “vestendosi e sfoggiando borse o promuovendo torte costose e convincendo la gente” non sono modelli da seguire.

READ  Giorgio Armani riceve il più alto riconoscimento italiano

Preoccupazioni per il valore dell’impero economico

Il rigore non sembra preoccupare più di tanto la Ferragni. Sulla base della sua pagina Instagram di successo, il valore del suo impero commerciale, che ha costruito in circa dieci anni, è stimato in milioni di euro. Per ogni post sponsorizzato che pubblica guadagna decine di migliaia di euro.

L’imprenditore online è più che consapevole degli effetti intangibili della corruzione. Per comprendere se stesso e ripulire la propria immagine, la Ferragni ha deciso di donare un milione di euro a un ospedale pediatrico di Torino. “Ho sempre creduto che i più fortunati abbiano la responsabilità morale di fare del bene”, ha detto in un video su Instagram.

La Ferragni però contesta la sentenza dell'Autorità garante della concorrenza italiana. Secondo lei si è trattato solo di un “errore di comunicazione”. Se la multa sarà ancora inferiore verrà trasferito all'ospedale pediatrico, ha promesso Ferragni. Si è impegnato a “separare completamente” l'ente di beneficenza dalle sue attività commerciali da ora in poi.

Le parole della Ferragni sono state apertamente messe in dubbio in Italia. Giornale italiano Il Fatto Quotidiano Novità martedì L'influencer in precedenza guadagnava con build simili. Secondo quanto riferito, Ferragni ha venduto uova di Pasqua con il suo nome sopra nel 2021 e nel 2022, apparentemente per raccogliere fondi per i bambini con autismo. Secondo il giornale, la fondazione ha ricevuto solo una donazione fissa, indipendente dal numero di ovociti venduti.