QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Non mi sorprenderei se DPG Media acquistasse presto Telenet da Streamz.”

“Non mi sorprenderei se DPG Media acquistasse presto Telenet da Streamz.”

Gruppo media DPG Media, editore, tra gli altri la mattina, vuole acquisire la compagnia televisiva RTL Netherlands. Ciò realizzerebbe il sogno televisivo tanto atteso del CEO Christian Van Thilo. DPG Media mette sul tavolo 1,1 miliardi di euro per l’acquisizione, che necessita ancora dell’approvazione dell’autorità garante della concorrenza.

Pietro Dumont E Jean Debaker

Vent’anni fa, DPG Media, allora chiamata De Persgroep, guardò per la prima volta con cautela oltre i confini. L’azienda fallì in quel periodo Premi Parole Primo titolo olandese. Negli anni successivi la filiale olandese venne dotata di ulteriori testate di giornali e riviste, di una stazione radio e di una serie di servizi Internet. Era rimasta solo una scatola vuota: la televisione. Ma ora le cose stanno cambiando.

DPG Media è interessata da tempo ai canali RTL olandesi. Nel 2021, l’uovo ha quasi raggiunto un accordo, ma John de Mol e il suo gruppo a Talpa hanno messo i bastoni tra le ruote. De Mol si è assicurato l’accordo con Van Thillo, ma alla fine ha dovuto affrontare un divieto da parte delle autorità garanti della concorrenza. Il nuovo gruppo televisivo darà a De Mol molto potere nel mercato della pubblicità televisiva. La palla è finita ancora una volta nel campo di Van Tillo, che ora ha segnato con un po’ di ritardo.

Nei Paesi Bassi ciò segue il modello della regione delle Fiandre, dove DPG Media possiede i canali VTM. L’azienda è attiva anche nel mercato televisivo in Vallonia da quando ha acquisito le attività della RTL belga insieme al gruppo editoriale Rossel nel 2021. Aggiungendo la TV alla sua offerta nei Paesi Bassi, DPG Media aumenta la sua forza nel mercato degli inserzionisti. Gli inserzionisti possono facilmente lanciare una campagna su tutti i media. La combinazione di tutti questi media consente inoltre a DPG Media di raccogliere più dati sui propri utenti per migliorare la pubblicità personalizzata. Ciò preparerebbe DPG Media alla battaglia contro giocatori come Google o Facebook.

READ  "Almeno 15.000 britannici bloccati all'estero a causa di cancellazioni"

Traditori

L’acquisizione offre vantaggi anche nella produzione di programmi televisivi. Ciò non significa che VTM e RTL si scambieranno ora in massa le schermate o produrranno solo programmi fiamminghi-olandesi. “Sia VTM che RTL sono molto forti nella creazione di contenuti locali”, afferma Dirk Lodewix, direttore generale di radio, TV e streaming presso DPG Media. “Ed è proprio qui che stiamo facendo la differenza con attori internazionali come Netflix e Disney. Sarebbe una follia gettare tutto questo in mare.” L’unione delle forze avverrà principalmente dietro le quinte. Nella produzione di programmi come Traditori Ad esempio, dove i costi dell’equipaggio e della sede sono già stati condivisi. Le persone vogliono creare questo tipo di strutture più spesso in futuro.

Ma i grandi vantaggi si possono riscontrare nel regno digitale. Lo sviluppo di nuove applicazioni e piattaforme digitali costa molto denaro. “Quando Netflix sviluppa una nuova app, la lancia in tutto il mondo con il semplice tocco di un pulsante”, spiega Lodewyckx. “Gli attori locali devono fare gli stessi investimenti – gli spettatori si aspettano lo stesso comfort di visione – ma per un pubblico molto più piccolo. Questo è proprio il motivo per cui la scala è importante. L’acquisizione di RTL ci consente di distribuire questi costi di sviluppo su più canali.

Nelle Fiandre esiste anche una stretta collaborazione tra i redattori di VTM e Van, sotto il nome di News City ultime notizie. Nei Paesi Bassi per il momento non è prevista una simile collaborazione tra il notiziario RTL e i giornali DPG. Si dice che il modo migliore per lavorare insieme sia studiare mercato per mercato. Si è parlato della Vallonia, dove si è parlato anche di una collaborazione tra i giornali di Roussel e il notiziario RTL. Finora non è stata presa alcuna iniziativa in tal senso.

Anche se la domanda è se rimarrà così. “Naturalmente ora stanno dicendo che non intendono farlo”, afferma Jonathan Hendricks, ricercatore post-dottorato in studi sul giornalismo. “Ma mi sembra logico che ci sia una tale cooperazione. Sarebbe anche inefficace avere due piattaforme video con Videoland e Streamz. Non mi sorprenderebbe che DPG Media Telenet (Comproprietario di Streamz, PD) Comprerai per combinare i due. ”

Blocco di potenza

L’acquisizione necessita ancora dell’approvazione delle autorità garanti della concorrenza olandesi. Noi di DPG Media attendiamo con fiducia questa decisione. Contrariamente ai piani di acquisizione di John De Mol, questa volta sul mercato televisivo non verrà creato alcun blocco di potere. Dopotutto, DPG Media ha ancora un forte concorrente commerciale per Talpa Channels.

Ciò non significa che i piani di espansione di DPG Media non sollevino interrogativi, tanto più che l’altro grande editore belga Mediahuis (Standard, Il giornale) l De Telegraaf, NRC Handelsblad Alcune riviste regionali detengono un’ampia quota di mercato. “Nel lungo periodo, ovviamente, non rimarrà molto margine”, afferma Hendricks. “Nei Paesi Bassi – oltre ai belgi – ci sono anche la NPO, Talpa e alcuni piccoli giornali. Questo è tutto.”

Sentiamo una voce simile da Mathilde Sanders, che conduce ricerche sui media all’Università di Utrecht. “Questa acquisizione è ovviamente positiva per DPG Media per consolidare ulteriormente le sue forze e competere contro i grandi attori della tecnologia. Ma ciò che non fa ben sperare per la diversificazione è che un gran numero di mezzi di comunicazione finiscano in un’unica casa. In passato, questo tipo di concentrazioni sono state attentamente monitorate.” “Più difficile, ma ora nessuno se ne lamenta più. Ovviamente dobbiamo accettarlo per mantenere a galla le società dei media legacy.”