QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nonostante la sentenza del Consiglio di Stato, l’IND intende proseguire gli sforzi per il rimpatrio dei richiedenti asilo in Italia.

Nonostante la sentenza del Consiglio di Stato, l’IND intende proseguire gli sforzi per il rimpatrio dei richiedenti asilo in Italia.

Nonostante il Consiglio di Stato abbia deciso di non rinviare in Italia i richiedenti asilo olandesi, il Servizio Immigrazione e Cittadinanza continua a provarci. Ciò è evidente dalle risposte alle domande dell’IND NRC In merito agli effetti della recente decisione del Consiglio di Stato.

La divisione dei poteri esecutivi del Consiglio di Stato ha stabilito la scorsa settimana che il ministro degli Esteri Eric van der Burgh (Asylum, VVD) non può più fidarsi dell’Italia per il rispetto degli standard sui diritti umani. I richiedenti asilo arrivati ​​in quel Paese, che si sono recati in Olanda e vi hanno presentato domanda di asilo, non possono essere rimandati in Italia.

È la prima volta in dodici anni che al Segretario di Stato non viene concesso il permesso di rimandare i richiedenti asilo nel Paese di origine. Con la sentenza, il numero dei Paesi europei che non possono semplicemente rimpatriare i richiedenti asilo è salito a sei, e presto potrebbe diventare otto.

In questo momento, l’IND che attua la politica di asilo deve spiegare perché il servizio ritiene che il richiedente asilo rimpatriato non sarà sottoposto a trattamento degradante sulla base di una domanda di asilo in Belgio, Danimarca, Croazia, Malta e Grecia. Seguirà presto un rapporto sulla situazione in Bulgaria e, poco dopo, sulla Polonia. Non è chiaro quale effetto possa avere la sentenza sull’Italia e le prossime sentenze sul numero di domande di asilo nei Paesi Bassi. I dati annuali dell’IND mostrano che il numero di tentativi riusciti di rimpatrio di richiedenti asilo in altri paesi europei è diminuito negli ultimi anni.

paese di origine

I richiedenti asilo possono fare il loro primo passo in un altro paese europeo, ma coloro che si recano nei Paesi Bassi devono tornare in quel primo paese, come concordato nel regolamento di Dublino, da ultimo nel 2014. “Per impedire ai richiedenti asilo di trasferirsi in paesi dove le condizioni di vita sono migliori e per dare responsabilità a un paese”, afferma il professore di diritto europeo Jorid Rijbma.

READ  Poi non c'era candidato alla presidenza dell'Italia: Silvio Berlusconi si è ritirato

I richiedenti asilo vengono rimpatriati sulla base della convinzione che tutti gli Stati membri europei aderiscano agli standard sui diritti umani. Ma i giudici olandesi, guidati dal più alto tribunale amministrativo del Consiglio di Stato, hanno stabilito che i paesi al confine meridionale e orientale dell’Europa trattano i migranti in modo irrispettoso. La proibizione della tortura e dei trattamenti degradanti è l’unico diritto umano assoluto: le eccezioni non sono mai ammesse. I problemi nel sud e nell’est dell’Europa, come la scarsa accoglienza, sono i motivi per cui le persone si recano nel nord Europa.

“Dublino” veniva spesso dichiarato morto. “Funziona sulla carta, ma non più nella pratica”, afferma Rijpma. A seguito della Convenzione di Dublino, i paesi con frontiere esterne devono accogliere la maggior parte dei richiedenti asilo. “Sfortuna geografica”, il primo ministro Mark Rutte ha descritto la situazione di questi paesi all’inizio del 2011.

Più di 100.000 richiedenti asilo hanno raggiunto l’Italia via mare lo scorso anno

L’azione è fitta per l’Italia. Lo scorso dicembre, il paese ha inviato una lettera a tutti i 32 paesi che hanno firmato le regole di Dublino, dicendo che non poteva più ricevere un numero sufficiente di richiedenti asilo. Più di 100.000 richiedenti asilo hanno raggiunto l’Italia via mare lo scorso anno. Significativamente di più rispetto agli anni precedenti: 67.000 nel 2021 e 34.000 nel 2020.

“L’Italia può farlo perché lo sta facendo il Paese. Ma non è permesso”, dice Rijpma della lettera degli italiani. I Paesi devono fare di tutto per accogliere i richiedenti asilo. Per l’Italia il governo di estrema destra Giorgia Meloni ha posto limiti netti su cosa farà il paese.

READ  Tasso breve. Van der Boyle inizia la produzione di tour in Italia, viaggi in mountain bike - Petersen in tournée in Belgio | Ciclismo

Questa lettera è bastata al Consiglio di Stato per statuire che i richiedenti asilo che dovevano effettivamente rientrare in Italia sarebbero ricaduti per il momento sotto la responsabilità olandese. L’IND deve valutare il contenuto della loro domanda di asilo.

Ma IND non lo farà per ora. Il servizio immigrazione NRC afferma di continuare a segnalare i richiedenti asilo in Italia per il trasferimento. Una domanda di asilo “italiana” non sarà elaborata fino a dodici mesi dopo l’arrivo nei Paesi Bassi e il termine applicabile a tale trasferimento è trascorso.

Un affare stretto

I nuovi accordi europei in materia di asilo e migrazione per sostituire Dublino sono in discussione da anni. “Quell’accordo diventerà presto più severo”, sottolinea il professore di diritto europeo. Secondo lui, paesi come i Paesi Bassi non stanno aspettando “movimenti secondari”, richiedenti asilo che arrivano qui dal paese di primo arrivo.

In base al nuovo accordo sull’immigrazione ancora da adottare, i richiedenti asilo riceveranno presto asilo al confine del paese di primo arrivo. Il processo può durare complessivamente sessanta giorni, comprese opposizioni e ricorsi. “Non puoi evitare di arrestare le persone”, teme Rijpma. Predice hotspot come la Morea in Grecia. “Se non è possibile fornire un riparo ora, mi chiedo se sarà possibile in seguito”.

Rutte e Van der Burg hanno visitato l’Italia negli ultimi mesi. In tal modo, hanno segnalato che i Paesi Bassi erano disposti a lavorare con l’Italia per tenere sotto controllo l’immigrazione in Europa. Ad ogni modo, entrambi i paesi vogliono fare accordi con la Tunisia che fermerebbero i migranti dal continente africano. “La Tunisia è, dopotutto, la porta d’ingresso per l’Italia, e quindi anche per l’Europa”, ha detto il segretario di Stato van der Burgh durante una visita a Roma ad aprile.

READ  La Coppa del Mondo di Ciclocross è un grande giorno in Italia

Van der Burgh spera di raggiungere accordi con l’Italia nel frattempo, ha detto venerdì scorso. “Allora dico: ho una persona che devo restituire, e tu prometti come Italia che gli darai asilo… perché posso rimandare indietro qualcuno del Consiglio di Stato”.