QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Numero ridotto di influenza aviaria grazie alla vaccinazione e meno uccelli selvatici infetti

Numero ridotto di influenza aviaria grazie alla vaccinazione e meno uccelli selvatici infetti

Negli ultimi tre mesi in Europa sono stati colpiti molti meno allevamenti di pollame rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Ciò è dovuto in parte alla campagna di vaccinazione in Francia e al fatto che sono stati trovati meno uccelli selvatici infetti, riferisce l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

Da dicembre all'inizio di marzo sono stati segnalati 179 focolai di influenza aviaria nel pollame, 48 negli uccelli d'allevamento e 414 negli uccelli selvatici. Nello stesso periodo dell’anno scorso si sono verificati 403 focolai nel pollame, 119 negli uccelli d’allevamento e 1.138 negli uccelli selvatici.

Una ragione importante per il basso numero di focolai è la campagna di vaccinazione obbligatoria per le anatre in Francia; Ne sono esclusi solo gli animali genitori. L'anno scorso in Francia si sono verificati 181 focolai di influenza aviaria da dicembre all'inizio di marzo. Ci sono stati solo otto focolai quest’anno e dieci nell’intera stagione.

Otto di questi focolai sono stati riscontrati in animali non vaccinati. Nel sud-ovest della Francia, dove si sono verificati diversi focolai in corso dalla stagione 2020-2021, non è stato identificato alcun focolaio dall’inizio della campagna di vaccinazione.

Focolai ridotti in Polonia

Anche il numero di focolai di influenza aviaria in Polonia è molto inferiore rispetto a un anno fa. Poi ci sono stati 88 focolai da dicembre a inizio marzo, e ora sono 31. Nei Paesi Bassi non si sono verificati focolai dal 2 dicembre al 15 marzo. L’anno scorso si sono verificati tre focolai dal 3 dicembre al 1 marzo.

Secondo l'autorità, il minor numero di focolai nei paesi europei è dovuto anche al ritrovamento di meno uccelli selvatici infetti. Il fatto che gli uccelli selvatici influenzino il numero di focolai tra il pollame è riscontrabile nella situazione in Danimarca e Moldavia. In entrambi i paesi è stato rinvenuto un numero relativamente elevato di uccelli selvatici infetti.

READ  Protezione contro il rotavirus fornita ai bambini dal Centro giovanile e familiare dell'Aia

Di conseguenza, in Danimarca si sono verificati otto focolai della malattia nel pollame. In Moldavia si sono verificati ben 58 focolai. Si tratta però tutte di piccole imprese, il che significa che con 2.202 animali significa molto meno pollame. In Polonia sono state colpite le principali aziende e sono stati abbattuti quasi 640.000 polli.

La biosicurezza è importante

Il numero di uccelli selvatici colpiti potrebbe essere inferiore, ma l’agenzia continua a sottolineare l’importanza della biosicurezza. In primo luogo, tenere il virus dell'influenza aviaria lontano dall'azienda. L’elevato numero di focolai in Moldavia è chiaramente legato alla mancanza di biosicurezza, che consente al virus dell’influenza aviaria di entrare negli allevamenti dagli uccelli selvatici.

In secondo luogo, evitare il crossover tra le aziende. Casi di infezione secondaria derivanti da contatto indiretto tramite persone o materiali sono stati riscontrati in Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e altri. L'autorità consiglia agli allevatori di pollame che possiedono più aziende di impedire il trasferimento di materiali da un'azienda all'altra. Se non c'è altra opzione, si consiglia di pulire e disinfettare accuratamente.