QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La cura dell’HIV fa un passo avanti con lo studio CRISPR

La cura dell’HIV fa un passo avanti con lo studio CRISPR

Scienziati olandesi hanno utilizzato la tecnologia di modifica genetica CRISPR per eliminare l’HIV dormiente nelle cellule immunitarie. L'esperimento di laboratorio fornisce la speranza per un potenziale trattamento.

Gli scienziati hanno sviluppato un nuovo modo per eliminare il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) dalle cellule. Questo metodo potrebbe un giorno trasformarsi in un mezzo per prevenire l'infezione da virus e quindi l'AIDS. Per fare ciò, i ricercatori dovranno prima dimostrare se la tecnologia funziona anche negli esseri umani.

La strategia utilizza CRISPR, una moderna tecnologia di editing genetico. Nell’esperimento, la tecnologia taglia il DNA del virus che ha invaso le cellule immunitarie provocando errori. “Questi risultati rappresentano un passo cruciale nello sviluppo di un trattamento che porti alla guarigione”, afferma il virologo. Elena Herrera Carrillo Dall'UMC di Amsterdam.

Leggi anche

“La depressione non è solo nella testa, ma in tutto il corpo.”

L'epidemiologa psichiatrica Brenda Penninks indaga la relazione tra salute mentale e fisica.

Sonno, virus, sonno

Mentre un tempo l’infezione da HIV era quasi certamente fatale, oggi le persone infette possono assumere farmaci per impedire la moltiplicazione del virus. Ciò dà loro una durata di vita praticamente normale purché assumano diligentemente i farmaci ogni giorno.

Ma durante l’infezione primaria, il virus dirige parte del suo DNA verso le cellule immunitarie, dove rimane dormiente. Una volta che un paziente smette di assumere farmaci per l’HIV, il DNA in attesa si “risveglia” e il virus ricomincia a diffondersi attraverso il sistema immunitario.

Quindi la medicina dovrà trovare un modo per eliminare questo virus dormiente nel corpo. I ricercatori hanno provato diverse strategie, ma finora senza alcun risultato.

Taglio di capelli

I ricercatori olandesi hanno ora sviluppato un nuovo approccio utilizzando la tecnologia di editing del DNA CRISPR. Questa tecnica, che ha le sue origini nei batteri, può tagliare parti specifiche del DNA. Il sistema potrebbe essere utilizzato come forma di terapia genica per varie condizioni. Il primo trattamento basato su questo principio è stato approvato lo scorso anno negli Stati Uniti e nel Regno Unito per il trattamento dell’anemia falciforme.

Diversi gruppi stanno ora studiando se CRISPR possa colpire uno specifico gene dell’HIV, in modo da eliminare il virus dormiente. Carrillo e il suo team sono stati in grado di utilizzare CRISPR per inattivare il virus in una capsula di Petri contenente cellule immunitarie, rimuovendo così il virus da tutte le cellule.

Aree di stoccaggio

Nonostante i risultati promettenti, dice il virologo Jonathan Stoye Dal Francis Crick Institute di Londra non sappiamo ancora se il trattamento possa raggiungere anche tutte le cellule immunitarie infette dall'HIV negli esseri umani. Per scoprirlo, i ricercatori devono prima condurre esperimenti sugli animali e studi clinici sugli esseri umani. I ricercatori ritengono che alcune di queste cellule si trovino non solo nel midollo spinale, ma anche in luoghi sconosciuti. “C’è ancora molta incertezza sul fatto che esistano ancora siti di stoccaggio in altre parti del corpo”.

Una società californiana chiamata Excision BioTherapeutics ha anche dimostrato che un metodo basato su CRIPSR può ridurre la quantità di virus dormiente nelle scimmie infette. Si trattava di un virus molto simile all’HIV.

READ  Menopausa: cosa puoi fare contro i sintomi della menopausa?