QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuovi nomi e classificazioni per la malattia del fegato grasso

Nuovi nomi e classificazioni per la malattia del fegato grasso

Il nome della comune malattia del fegato grasso è cambiato radicalmente. In particolare il vecchio nome NAFLD (malattia del fegato grasso non alcolica) era inappropriato nella pratica, veniva sempre visto con sospetto e stigmatizzava i pazienti. Nell'ambito del Global Delphi Project, gli esperti hanno concordato quasi all'unanimità sulla nuova nomenclatura. Il gastroenterologo e formatore Dr. Rob De Kneigt e il gastroenterologo in formazione Dr. Laurens Van Cleef (Erasmus MC) hanno partecipato al progetto Delphi e hanno parlato del come e del perché del cambiamento.

De Kneijt e Van Kleef hanno condotto ricerche sulla malattia del fegato grasso negli ultimi anni. Nello specifico, hanno studiato quanto spesso ciò si verifica nella popolazione olandese in generale e quali fattori di rischio portano a un decorso grave. Van Cleef ha ricevuto un dottorato per la sua ricerca all'inizio di quest'anno. “La maggior parte delle persone con malattia del fegato grasso rientrano nel gruppo NAFLD, ma da molto tempo si parla di quel nome”, afferma. Alla fine, un gruppo internazionale di esperti ha sviluppato nuove definizioni. Ciò ha avuto luogo nell'ambito di un progetto Delphi con un panel di circa 250 partecipanti provenienti da tutto il mondo.

3 gruppi principali

Ora ci sono tre gruppi principali di pazienti sotto il termine SLD (malattia del fegato grasso). Il gruppo più numeroso è la MASLD (malattia del fegato grasso associata al metabolismo), che è in gran parte il predecessore della malattia del fegato grasso non alcolica. Queste sono persone con sindrome metabolica e malattia del fegato grasso. Il gruppo MetALD comprende persone con MASLD che consumano 140-350 g (donne) o 210-420 g (uomini) di alcol a settimana. Il terzo gruppo è l’ALD (malattia epatica correlata all’alcol), che è il gruppo che consuma più alcol rispetto al gruppo precedente. Nel gruppo ALD l’alcol è in prima linea. Inoltre, esistono due gruppi di malattie rare o poco conosciute: SLD (malattia del fegato grasso) eziologicamente specifica per varie cause di steatosi e SLD criptogenica per persone senza sindrome metabolica e causa sconosciuta di fegato grasso.

Stigma

Perché i vecchi nomi non bastavano? “Avevamo i nomi NAFLD e ALD, rispettivamente per la steatosi epatica non alcolica e la steatosi epatica alcolica”, spiega Van Cleave. “Ma quei nomi creavano confusione. Perché ci sono molte persone che sono in sovrappeso, ma non lo fanno.” bere alcolici. Rientrano nel gruppo della malattia del fegato grasso.” “Analcolici, il che significa che la loro malattia del fegato grasso è stata erroneamente collegata al bere. Ci sono anche persone con fattori di rischio metabolico come il diabete e l'obesità che a volte bevono un drink di troppo. Non possono più contrarre la NAFLD.”

READ  Dopamina: cosa fa la sostanza nel corpo?

Il termine “analcolico” esclude un basso consumo di alcol. Mentre il consumo occasionale, oltre alla disfunzione metabolica, svolge anche un ruolo importante nel processo di sviluppo della malattia del fegato grasso. Inoltre, il nome “analcolico” non è affatto utile, spiega Van Cleave. “Non chiamiamo un braccio rotto una gamba intatta. Se si tratta di malattia del fegato grasso non alcolica, non sai ancora di cosa si tratta. In inglese si chiama 'malattia del fegato grasso', ma questo è stigma e confronto per i pazienti Il gioco dei grassi Ha un ruolo normale nel quadro clinico, ma l'organizzazione dei pazienti non ha ritenuto opportuno chiamarlo così.

Ci è voluto molto tempo

I vecchi nomi sono in uso da molto tempo. Ma secondo De Knjt ci è voluto molto tempo prima di rendersi conto che per fortuna l'etichetta non era stata scelta. “Inoltre, in precedenza si sapeva poco su quanto fosse comune la malattia nella popolazione. Il termine NASH (un sottoinsieme dell'antica NAFLD) è stato coniato dai patologi negli Stati Uniti circa 25 anni fa. Hanno visto un quadro di grave epatite nel persone che non avevano fattori di rischio specifici e non consumavano alcol in modo eccessivo. Ma le caratteristiche erano simili a quelle che si vedono nell'epatite alcolica. Ecco perché la chiamavano steatoepatite non alcolica. Ed è rimasta tale nel corso degli anni. Sembrava che non ci fosse molto da fare contro questa malattia, eccetto i consigli sullo stile di vita di mangiare meno e fare più esercizio fisico.

Ma la malattia del fegato grasso sta gradualmente diventando comune anche nelle persone con diabete, ed è comune anche nelle persone in sovrappeso e negli anziani. “Gli studi dimostrano che circa un terzo di tutte le persone, comprese le persone sane, sono in sovrappeso”, continua De Kneigt. “Ciò può portare alla malattia del fegato grasso, o ciò che ora chiamiamo MASLD. Abbiamo anche condotto ricerche su persone che avevano subito un trapianto di fegato. Una grande percentuale di loro necessitava di un trapianto a causa della MASLD. C'era sempre più pubblicità sulla malattia , e quindi una maggiore consapevolezza su Label.

READ  Il 39% degli adulti in HILO è in sovrappeso

Conseguenze più ampie

Quindi era giunto il momento per un nuovo nome. Esistono diverse cause di malattia del fegato grasso. Van Cleef ha trovato interessante partecipare al progetto Delphi. “Noi stessi veniamo dalla ricerca. Ma sono emerse anche domande che hanno conseguenze per l'industria. Un nuovo nome con una nuova definizione ha conseguenze, ad esempio, studi in corso che utilizzano nuovi farmaci contro la malattia del fegato grasso. Perché improvvisamente il numero di pazienti è a rischio di cambiamento. C'è di più Cambiare il nome rispetto a quello che inizialmente ti rendi conto. Hanno partecipato anche i pediatri. La malattia del fegato grasso nei bambini viene diagnosticata in modo diverso rispetto agli adulti. È stato fantastico arrivare a una conclusione positiva con nuovi nomi e definizioni con diversi esperti e da diversi punti di vista.

“È stata creata una bella nuova classificazione con nomi diversi per le diverse forme di malattia del fegato grasso”, concorda De Kneigt.

Classificazione del fegato grasso.

applicazione

Van Cleef e De Kneijt ritengono che la nuova divisione in 5 gruppi sia migliore e più chiara. I professionisti ora sanno meglio cosa fare con qualsiasi paziente. In pratica, l’obiettivo ora è che i medici utilizzino i nuovi nomi. Quindi non esiste più la NAFLD, ma la SLD o malattia del fegato grasso con sottogruppi. De Kneigt ritiene che l'attuazione richiederà tempo. “Se la nuova classificazione verrà creata, dovrà essere modificata anche 'formalmente', ad esempio, nelle cartelle cliniche dei pazienti. Qualche anno fa ci fu un simile cambio di nome da cirrosi biliare primaria, o PBC. Ciò era necessario perché la maggior parte delle persone non “Ho la cirrosi, ma colangite. Il nome è stato cambiato in colangite biliare primitiva. Questo è successo circa 8 anni fa, ma solo dall'anno scorso è stato modificato nelle cartelle cliniche elettroniche. Ciò ha richiesto alcune pressioni, comprese le mie pressioni sui produttori di EPD, pertanto potrebbe essere necessario molto tempo prima che le modifiche vengano implementate.

READ  "Mio figlio pensa spesso di vedere sua sorella morta."

Riconoscimento dei pazienti

Secondo De Nijt l'importanza di cambiare il nome attuale sta soprattutto nel riconoscere i pazienti affetti dalla loro malattia. La stragrande maggioranza non sarà più accusata del consumo eccessivo di alcol. Inoltre, si stanno sviluppando molti nuovi farmaci che hanno bersagli specifici nei processi fisiopatologici. “Quindi è molto importante avere una buona definizione di malattia del fegato grasso. Perché così saprai meglio chi dovrebbe essere trattato con cosa.”

Per Van Cleef il vantaggio più grande è che ora è possibile una diagnosi più rapida ed efficace: “Finora dovevamo prima escludere tutti i tipi di aspetti, come l’abuso di alcol, le malattie rare o le infezioni virali del fegato. Se la malattia del fegato grasso è visibile all'ecografia in qualcuno che è in sovrappeso, diabetico o con pressione alta, la diagnosi è immediatamente completa, cioè MASLD (o MetALD se l'alcol ha ancora un ruolo). Ormai siamo classificati in base a ciò che è presente e non in base a ciò che non lo è. Funziona meglio. Anche i medici di medicina generale ora possono fare la diagnosi. Non è più necessario sottoporre il paziente a tutti i test per escludere casi”.

Segui rapidamente le linee guida

Grazie alle loro ricerche e pubblicazioni, Rob de Knegt e Laurens van Kleef hanno partecipato al progetto Delphi, iniziato circa due anni fa. I partecipanti hanno ricevuto un questionario completo via e-mail quattro volte e alla fine del 2022 si è tenuta una sessione fisica con circa 40 partecipanti a Chicago, dove era presente Van Cleave. Il nuovo nome è stato presentato lo scorso giugno al Congresso Internazionale del Fegato di Vienna.

Van Cleave ritiene che la nuova tassonomia potrebbe essere rapidamente incorporata nelle linee guida: “Il progetto Delphi è stato creato dalle tre principali associazioni professionali MDL: europea, nordamericana e sudamericana. È probabile che incorporeranno rapidamente questo cambiamento nelle loro linee guida.”